Rimaniamo in contatto

Campionato

Il primo mese.. e mezzo di B

Published

on

Benvenuti al primo episodio di questa rubrica, che vuole analizzare le varie squadre di B ed il loro rendimento.
Come al solito il campionato è iniziato nell’incertezza, anche se si stanno delineando grossomodo le favorite e quelle che dovranno lottare per salvarsi, nessuno esclude però la possibilità di cambiamenti repentini. Fra l’Empoli primo ed il Cesena ultimo ci sono appena 7 punti.

EMPOLI: attacco devastante, difesa ancora in fase di rodaggio. Sicuramente sono tra i favoriti.
PALERMO: sulla carta sono di gran lunga i favoriti. Con nestorowsky che da solo vale mezza serie B. Pagano dazio nelle pause nazionali quando metà dei giocatori vanno in nazionale (macedone).
FROSINONE: squadra forte, coesa e organizzata, con alle spalle un progetto, un allenatore preparato ed il vantaggio del nuovo stadio. La sconfitta di Novara deve solo aumentare le nostre ambizioni ma non ridimensiona la qualità dei ciociari.
PERUGIA: pronti e via 9 gol in 2 partite. Poi un lento calo culminato col 1-5 interno contro la Pro. Forse sono stati esaltati troppo presto.
CITTADELLA: il Citta ormai è una sicurezza. Gruppo rodato, società stabile e i risultati arrivano. Daranno fastidio a molti, come sempre.
VENEZIA: cambia la provincia ma il risultato non cambia. I veneti la B la prendono sul serio. Gruppo rodato, difesa impenetrabile e l’entusiasmo della matricola. Il Venezia di Inzaghi e Tacopina può andare lontano.
AVELLINO: gli Irpini vanno forte, hanno un allenatore (fin troppo) esperto e una rosa di spessore. Rispetto alle ultime due stagioni possono fare tanto.
BARI: come ogni estate partono con grandi ambizioni, salvo poi ridimensionarsi strada facendo. Per ora l’inizio non è molto convincente.
ENTELLA: squadra molto ridimensionata, ma comunque tosta, specialmente in casa.
PARMA: gonfiata da tutti come favorita, la formazione emiliana per ora è semplicemente ridicola. Zero gol su azione (solo palle inattive o rigori), zero gioco, tanti aiuti arbitrali e troppi elogi.
CARPI: l’altra faccia dell’Emilia, operaia, che si sforza al massimo, senza mollare di un centimetro.
Sicuramente la squadra è ridimensionata rispetto alle passate stagioni, ma l’atteggiamento sul campo è encomiabile.
CREMONESE: fatico a decifrare i grigiorossi. Sicuramente sono un gruppo esperto, difficile da battere, ma faticano anche a vincere ed a trovare continuità.
PESCARA: dopo un inizio scoppiettante il Pescara non sembra più nemmeno una squadra di Zeman. Sono comunque un gruppo giovane e dal gran potenziale.
NOVARA: fino a domenica non avrei speso parole dolci per i miei colori. La vittoria col Frosinone oltre a darci fiducia ci da consapevolezza del nostro potenziale. Si può fare tanto.
BRESCIA: l’avvento di patron Cellino sembra aver solo creato confusione in casa Brescia, con Boscaglia messo ingiustamente sulla graticola da subito. Per ora risultati altalenanti.
SPEZIA: anche lo Spezia ha optato per un ridimensionamento estivo. La loro forza sta nelle vittorie sofferte al Picco.
SALERNITANA: forse la squadra più indecifrabile di tutte. Abbonata ai pareggi, deve ancora dimostrare il suo potenziale.
PRO VERCELLI: inizio di campionato da incubo, poi la presa di coscienza delle proprie potenzialità nella trasferta di Palermo ed infine la doppia goleada con Cesena e Perugia. Cos’altro si può dire?
ASCOLI: partenza difficile per i marchigiani. Per ora difficile preventivate il loro andamento ma c’è tanto tanto da lavorare.
TERNANA: sulla carta una delle squadre meno forti del campionato. Risultati alterni e inconcludenti. La vedo grigia per il signor unicusano.
FOGGIA: l’ entusiasmo non basta. Mi ricordano la Salernitana di due stagioni fa. Tanto entusiasmo, tanti proclami ma zero gioco è risultati.
CESENA: Romagnoli oggettivamente scarsi, ma possono vantare Cacia in attacco e, soprattutto l’esperienza di mister Castori. Una sola domanda: dove li trovano i soldi per tutto questo al fronte dei cospicui debiti noti a tutti?

Lupo

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Lavagnese-Novara

Published

on

Grazie alle immagini della diretta fb dei Fedelissimi posso analizzare l’unico episodio da moviola della partita: Vuthaj dopo aver superato il suo avversario cade in area ma l’arbitro ben posizionato lascia correre. Per le immagini a disposizione, soprattutto quelle rallentate, secondo me l’arbitro ha preso la giusta decisione perché sembra che il nostro bomber emulo del miglior Pippo Inzaghi si lasci cadere.

Probabilmente se questo fosse stato un episodio decisivo per il risultato finale sarei stato di un’altra opinione!!

 

 

 

 

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Novara-Sanremese

Published

on

La doverosa premessa è che la Sanremese ha vinto meritatamente, giocando una partita perfetta, dimostrandosi superiore al Novara.

Ma come sempre, preferisco separare il risultato e la prestazione dagli episodi arbitrali che ieri non sono stati a favore del Novara.

Purtroppo, non sono tutti documentati da immagini televisive (avrei voluto rivedere alcuni episodi al limite del cartellino rosso e un episodio di rigore dubbio).

Il primo episodio è il gol del 1-3 al minuto 82: la posizione di partenza di Scalzi è in fuorigioco piuttosto netto. Errore grave perché è il gol che chiude la partita.

Subito dopo il Novara reclama in rapida successione due rigori:

al 85’ il tiro di Diop si infrange contro il braccio del difensore ligure, ritenuto dall’arbitro aderente al corpo. Difficile da giudicare, non sarebbe stato scandaloso concedere il penalty.

Un minuto dopo, Vuthaj salta netto il suo avversario che in scivolata prende palla e gamba. Sicuramente l’attaccante azzurro allarga la gamba alla ricerca del rigore ma anche in questo caso la Sanremese ha rischiato moltissimo.

Continua a leggere

Campionato

La VIDEO-MOVIOLA di Vado-Novara

Published

on

Grazie alla diretta fb di Roberto Fabbrica, con immagini migliori di Elevensport, ecco la videomoviola di Vado-Novara: quattro episodi, tutti nel secondo tempo, tutt’altro che facili da decifrare:

il primo episodio vede il Vado reclamare un rigore per un intervento di Bonaccorsi. In realtà il nostro difensore compie un recupero impressionante sull’attaccante ligure ed in scivolata impatta nettamente il pallone.

Anche il Novara reclama un rigore: Di Masi serve Vuthay che viene atterrato fallosamente. Invece di fischiare un sacrosanto rigore, l’assistente segnala un fuorigioco inesistente. Oggi tanti errori di valutazione sui fuorigioco anche a danno del Vado.

Al 86’ l’espulsione diretta di Tinti viene contestata perché pochi secondi prima non era stato fischiato un fallo per il Vado: l’intervento di Tentoni mi sembra sul pallone e quindi l’arbitro ha fatto bene a non fischiare, il cartellino rosso al giocatore ligure pare un po’ esagerato, vista la situazione forse un giallo poteva essere più opportuno.

E veniamo all’episodio decisivo: diciamo subito una cosa, se avessero fischiato un rigore del genere contro il Novara due minuti dopo i cinque minuti di recupero avremmo sicuramente tirato giù tutti i santi del Paradiso e maledetto ben peggio dei tifosi del Vado, arbitro e avversari. Nello specifico, Di masi servito malamente dalla difesa ligure punta diritto la porta avversaria e cerca l’impatto con il difensore del Vado che probabilmente non avviene. Per me è un classico “rigorino furbo” che forse non c’era. Ricordiamoci però del rigore precedente per il Novara non concesso.

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: