Rimaniamo in contatto

Racconti

Calzavano Scarpette dai colori improponibili.

Published

on

Domenica sera l’effetto cromatico delle calzature che risaltava all’ingresso dei giocatori sul sacro terreno del Piola, mi ha imposto, guidandomi attraverso i ricordi, una riflessione d’ antan. Una volta, ai miei tempi, le scarpe e i lacci, o se vi piace di più le stringhe, potevano concedersi il lusso di ben due colori: il nero originale o il marrone fango.
Facile pensare come e quando la seconda cromaticità potesse avere il sopravvento sulla prima. Bastava un po’ d’acqua, bastava che piovesse e il gioco era fatto.
Ora con i terreni tipo bigliardo e per giunta sintetici, che sia secco o che piova, il verde è garantito, lindo e pulito anche sotto il diluvio universale. E domenica sera, mentre entravano a casa mia, perché quel terreno verde circondato dagli spalti con troppi seggiolini ormai tristemente lasciati orfani di un culo che li occupi, un po’ è casa mia, ho avvertito, come sempre del resto, il classico groppo in gola che conduce dritto dritto a quello che, a Nuara, as ciama al magòn.

Casa mia, certo; però, mai come lo fu l’Alcarotti eh … beh, diciamo che posso autorizzarmi a usare una metafora quando affermo che lí ci sono nato, e in quel posto magico, la prima volta che ci entrai, ebbi le stesse reazioni che potesse manifestare un bambino davanti a un fuoco di artificio quando dipinge il cielo, poco prima che lo stupore svanisse accompagnando la piú classica delle esclamazioni che un bimbo possa emettere : “oooohhhh!!!” Si, perchè i bambini fanno oooohhh oggi come allora, basta portarli con garbo davanti a una favola che non sia fatta con il computer, condurli per mano dentro un viaggio che parli di loro adottando lo stesso linguaggio comune a tutti i bambini, ovvero la fantasia. E l’Alcarotti aiutava questa fantasia a materializzarsi in una realtá i cui confini non erano mai ben definiti : mai si era sicuri se ci si trovasse a vivere in uno spazio o in un altro, lasciando il dubbio irrisolto, pronto all’uso per la prossima volta. Casa mia l’Alcarotti!! Come quei grossi cortili rettangolari su cui si affacciavano tante porte che custodivano le vite di numerose famiglie, e sopra ad esse scorrevano i balconi con le ringhiere, dove i fili per stendere il bucato erano a disposizione di tutti.

Poi però i tempi cambiarono e la rincorsa al benessere produsse effetti che vennero messi a disposizione di ognuno, quindi sparirono, da quei cortiloni, i cessi a turca posti uno ogni quattro nuclei famigliari, che se eri sfortunato, in quanto facevi parte di un gruppo le cui famiglie avevano tanti figli quanti ne avesse avuti una squadra di calcio, non ti rimaneva che aprire le tue valvole in campagna, sostituendo i fogli lucidi dei fotoromanzi del “Bolero” e del “Grand’ Hotel” , utilizzati per la pulizia del caso, con ciò che di meglio la natura offriva. Si faceva spesso trasloco, che allora si chiamava “Sanmartin”, alla ricerca continua di spazi più confortevoli dove vivere. Un continuo avanti e indietro di carrettini stracolmi di mobili vecchi e, concedetemi l’espressione dialettale, “tüti carulá”, che difficilmente avrebbero retto lo stress di un altro spostamento.
Così, anche al Novara Calcio, che è sempre lo stesso dal 1908, non guasta ricordalo eh!!, venne “imposto” di fare “Sanmartin” per prendere casa in una realtà abitativa di tutto rispetto, roba da sciur, insomma.

Bella casa, non c’è che dire, disegnata da un grande architetto, in sintonia con le più moderne linee in voga in quel momento: angoli armonici raccordati da curve lievi come carezze a congiungere tra loro i lati del rettangolo che i nostri occhi mai videro prima, se non negli altrui stadi attraverso qualche collegamento televisivo, copertura della tribuna che parve da subito essere appesa nel nulla, il terreno di gioco con il fossato tutto attorno ad offrire la sensazione di essere emerso, per miracolo, complice una gigantesca fioritura sotterranea … e tutto intorno, una ringhiera, la stessa che correva sui balconi dei cortiloni di una volta, dove allora si stendeva liberamente il bucato ad asciugare e ora uno striscione e una bandiera non puoi stenderlo o sventolarla al vento che vuoi. Bella casa dunque, bella e signorile, palcoscenico di gesta che solo recentemente hanno scritto epiche sinfonie dopo aver interpretato per anni spartiti scadenti opera di musicisti e direttori d’orchestra che non definire mediocri, sarebbe come affermare che esistono mafiosi onesti. Tutto bello, tutto uniformato, tutto in regola in questa nuova dimora che, indiscutibilmente, ha contribuito a migliorare il livello e la qualità della nostra vita tifosistica, oltre ad avere reso possibile un sogno che ci fece sentire orgogliosamente più importanti attraverso la sua eleganza.

Però come in tutte le cose nuove che entrano a far parte della tua vita, manca forse qualcosa che mai probabilmente si riuscirà più a trovare, una di quelle qualità che o le possiedi o non potrai mai acquisirle reperendole chissà dove. Manca una sensazione di magia, una sfumatura che renda i contorni delle cose ovattati di poesia e sospesi tra realtà e fantasia, manca il fascino e l’atmosfera che solo un ambiente come l’Alcarotti sapeva riproporre quando giocava il suo padrone di casa.

E se è vero che è indiscutibile la bellezza lussureggiante di una ragazza di vent’anni, un qualsiasi naturale difettuccio, imposto dallo scorrere del tempo, rende una donna sugli ‘anta misteriosa e affascinante.
Ci hanno tolto poi anche la nebbia che, pur indesiderata, ci aveva abituati a convivere con la sua presenza: ci fosse lei qualcosa ci legherebbe ancora tangibilmente al passato. Ma, soprattutto, oggi manca ciò di cui il calcio si nutre per non morire, manca l’interprete principale, colui che da solo è un elemento in grado di fornire certezze sul futuro di ogni cosa, calcio compreso, e che all’Alcarotti saziava ogni sensazione di fame offrendo un colpo d’occhio di tutto rispetto.
Chiedetelo a quei seggiolini vuoti quale possa mai essere questo elemento, io la risposta già la conosco.

Forsa Nuara tüta la vita

Nonnopipo

 

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Racconti

Io vi odio a voi rulliani

Published

on

E vi odio a voi rulliani, io vi odio tutti quanti,

brutta banda di ruffiani e intriganti,

camuffati bene o male da brava gente e santi

io vi odio a voi rulliani tutti quanti

Siete falsi come Giuda e dirvi Giuda è un complimento,

siete sporchi e lerci da far schifo ai porci

infangato avete un marchio senza tanti complimenti

io vi odio a voi rulliani delinquenti

io ti odio MDS che hai svenduto a questi cessi

più di cento anni della nostra storia

sei scappato come un ladro nella tana del perdente

io ti odio MDS connivente

Ma guardatevi attorno avete sparso immondizia

e Novara che è pulita non vi vuole

arroganti e maneggioni ignoranti e incompetenti

Io vi odio a voi rulliani impenitenti

E vi odio a voi rulliani, io vi odio tutti quanti

brutta banda di giullari e intriganti

camuffati bene o male siete sempre farabutti

io vi odio a voi rulliani vi odio tutti

 

Nonnopipo 

Continua a leggere

Racconti

Se il campionato non riprende

Published

on

Facciamo il punto della situazione dopo due mesi di clausura tipo arresti domiciliari, in cui il fisico e la mente sono stati messi a dura prova. 

A parte un paio di chili aggiunti alla comitiva, e una condizione psicologica abbastanza accettabile, ritengo di non essere troppo diverso rispetto al periodo pre virus, e di non aver patito eccessivi stress. Ne parlavo, appunto stamattina con il mio frigorifero, un tipo un po’ freddo e di poche parole, che mi obbliga a fare spesso da paciere quando il forno, elemento invece loquace che si scalda subito, si intromette nella discussione e vuole sempre aver ragione, non come la lavatrice che è anziana e che gli girano solo ogni tanto, e spesso ha bisogno di un po’ d’acqua perchè si calmi, ebbene nonostante questi problemi, del resto risolvibili, pare essere tutto a posto. Tutto o quasi, laddove il quasi è rappresentato da un dubbio atroce: I campionati riprenderanno? E se non dovessero riprendere, l’ IKEA riaprirà ugualmente? perchè questo è il grosso problema!!  No, perchè io già mi vedo: è sabato, fa un caldo maiale e io mi ritrovo nel piazzale dell’Ikea in attesa che questa giostra delle cose inutili e globalizzate, apra i battenti a una mandria di pecore impazienti di seguire pedissequamente chi sta davanti a loro.

Quindi mani ben salde sul maniglione del carrello rombante e, per dirla alla Guido Meda, “gas a martello…giú la testa nella carena!!” e via dentro il ventre di questa balena che detesto, per ora, ma che odieró quando saró costretto dall’orario che impone il pranzo, “dove ti trovi ti trovi”, ad assaporare quelle polpette servite dal self service, molto simili alle scatolette del Chappy, la cui digestione impiega circa un paio di giorni a terminare il suo lavoro manco fosse una cassöeula!!!

Proseguendo nella lettura si potranno scoprire innocenti risvolti e ovvie complicazioni che hanno ispirato questo cazzo di articolo.

Vendetta tremenda vendetta!!!!

…il motivo per il quale io mi ritroverò qui a spingere un carrello dentro cui giacciono oggetti inutili dai nomi improbabili quanto un passo doppio di Piscitella o un gol di Pinzauti, tipo Swalka o Öštreiko, che definire stravaganti è il minimo sindacale, ve lo spiego immediatamente, io almeno ho il coraggio di denunciarmi al pubblico lubidrio, mentre altri si mascherano dietro occhialoni alla Sandra Mondaini, per non farsi cuccare da qualcuno che li possa riconoscere; sputtanamento assicurato.

Dunque, una volta stabilite le regole di distanziamento sociale e a campionato annullato, quindi niente partite, e quando verranno riaperti i negozi, vuoi che la gentil consorte, cioè Nonnalanto, non mi “proponga” un giro per comperare quelle due o tre cose?

In questo contesto destabilito da ogni regola del fair play, senza ritegno alcuno, scatta automaticamente la vendetta delle mogli/ compagne nei confronti dei mariti calcisticamente abbonati e avvezzi alle trasferte.

E si, perché in questo spazio temporale, ovvero quello compreso tra il tragico giorno dello stop definitivo e l’inizio della prossima stagione, che presumibilmente arriverà dopo ferragosto, noi uomini tifosi siamo costretti a sottostare, sopportare, subire, ogni tipo di angheria da parte delle Signore consorti, le quali, silenti e falsamente accondiscendenti, stabiliscono unilateralmente l’entità del controvalore da richiedere in cambio alle avvenute e ora definitivamente annullate concessioni calcistiche.

Esse sono ben consapevoli che in questo lasso di tempo i nostri argomenti difensivi valgono quanto una bandoliera di cartucce prive di polvere da sparo, pertanto, scientemente, esse esagereranno.

In cosa? In qualunque contesto possa avere un senso ritorsivo.

Quindi, per offrire una logica a questo preambolo, val la pena ricordare quella volta quando, giunto a casa a tarda notte, praticamente quasi l’ alba, proveniente dall’ultima trasferta della stagione, la mia insonnolita attenzione venne attirata da un foglio scritto a mano, posto sul tavolo del soggiorno, elencante i punti vendita sparsi per il globo terracqueo, da dover visitare. Ecco, sfruttando l’apatia generata dal sempre più probabile annullamento del campionato, verranno inotrate regolari richieste di visite a negozi in cui sarò obbligato a spendere cifre ragguardevoli per portare a casa mobili e accessori assurdi, che per giunta dovrò pure assemblare.

Difatti, eccolo lì il bigliettino di cui immaginavo la presenza, non lo leggo, lo sbircio, e immediatamente lo accartoccio, poi lontano da occhi indiscreti, lo butterò nella differenziata … tanto accamperò la solita sacrosanta scusa che pareva essere un foglio dimenticato e che faceva disordine.

La sbirciata furtiva però mi ha consentito di leggere le solite tre o quattro parole che, analizzate, risultano essere peggio di una dichiarazione di guerra, peggio di una profezia di catastrofi imminenti, peggio di una lettera di Equitalia, peggio di quelle letterine color verde caghetta che ti ricordano di essere transitato a una velocità superiore al limite consentito, peggio del cielo nero che monta su dal Monferrato e costringe il contadino a scappare a casa … perché si da credito al proverbio popolare quando afferma che “se ‘l tempural al riva dla muntagna, ciapa la sapa e va in campagna, ma se ‘l riva dal Munfrá, ciapa la sapa e scapa a cá!”

E quello che ho intravisto sbirciando, altrocché un temporale che arriva dal Monferrato!!!, qui si tratta di un ciclone, di un tornado…ma si, dai, un uragano!!

Quindi rapidamente l’ansia si impossessa dello stomaco e lo rivolta come un calzino, la paura, rapida come un fiume in piena, si trasforma in terrore e ti secca le fauci, la respirazione si fa affannosa, il battito cardiaco scandisce ritmi inusuali.

Recupero un momento di lucidità bevendo d’un fiato un prosecchino che vale da solo tutti gli ansiolitici di questo mondo, le bollicine che salgono prepotenti strizzano le mucose obbligando il volto ad assumere l’espressione di un leggero fastidio.

Intanto l’operazione finalizzata all’occultamento del reperto cartaceo può avere inizio: appallottolo ancor meglio il foglio incriminato e lo butto nel contenitore preposto, ben in fondo, sommerso da un pieno di carta: così in profondità neanche gli agenti del RIS riuscirebbero a scovarlo.

Ma la sorpresa che sa di beffa è dietro l’angolo: lei ha visto tutto e candidamente mi dice: -sai se il bidone della carta è pieno, dato che ci hai buttato quel foglio?

Il silenzio dei secondi successivi conservò la memoria di quelle parole.

In buona sostanza, sgamato, punto e basta.

E lo sboffonchio gutturale che riuscì a malapena a dissimulare il mio imbarazzato disappunto, mi fece optare per un ulteriore e più duraturo silenzio, equivalente a un disperato salvataggio in calcio d’angolo, in attesa di una manciata di immagini al replay prive del commento sonoro.

Ma…sulla battuta del corner fui costretto a capitolare quando lei estrasse dal nulla, come neanche il mago Silvan sapeva fare, la copia del foglio maledetto, dove annotati in ordine di apparizione figuravano i seguenti nomi: Ikea, Maisons du Monde, Leroy Merlin, e altri,altri,altri.

Tutti insieme no, è troppo, nessuno riuscirebbe a sopravvivere a un attacco commerciale di tale portata!!

Difatti lei che ha capito quanto io stessi barcollando, con un sorriso falso come una banconota da quindici euro, mi finisce dicendo: “…ma mica tutti in un sol giorno eh!! Una manciata di sabati di fila e siamo a posto, ora che il campionato è terminato, cominciamo dall’Ikea, poi si vedrà come e dove agire”.

Come e dove agire? Ma mica siamo degli agenti segreti del Mossad, porca la zozza!!

Dobbiamo solo andare all’Ikea, ciondolare un po’ tra lo scaffale Bestå e il guardaroba Askvoll, passando davanti al letto con materasso ottenuto dalla macerazione carbonica delle alghe provenienti dai fiordi incontaminati della Svezia nord orientale, il cui nome sul tabellino esposto risulta essere Ängsvide, e poi caricarli nel culo della macchina che comprensibilmente si rifiuterá di “ospitare” si tanta intrusione!!

E difatti eccomi qui a guardare mobili impossibili da montare e oggetti la cui utilità é pari a una riflessione politica di Renzi su qualsiasi argomento voi vogliate

Riusciró a uscire vivo da questa fabbrica di sogni a buon prezzo apparente?

Forse si, ma il costo del pedaggio da pagare è esagerato rispetto alle poche partite disputate in questo disgraziato campionato.

Ma tant’è; inutile fuggire, inutile proporre alternative tipo week end al mare … si rischierebbe seriamente di dover aggiungere, alla pena dei sei o sette centri commerciali, tre giorni sotto un ombrellone in spiaggia a s-giacón dal sul, che notoriamente detesto, e con le protezioni in polimetilmetacrilato quali distanziamento sociale.

Pertanto, rassegnato e allegro come un cipresso davanti al cimitero, non mi resta altro che caricare in auto i tre scatoloni contenenti la libreria Hemnes da montare…da montare?? appunto… e quando mai qualcuno al mondo è riuscito a montare qualcosa acquistato in questo falsofilantropico “negozio” senza aver tentato almeno un paio di volte il suicidio??

Uno c’è per fortuna, esiste davvero e si chiama Nico; lui l’è toshano e l’ha sposato la mi figliola, lui, che home hantava Battisti, l’è uno di quelli che “hon un hacciavite in mano fa miraholi!!!”

Ecco mi rivolgeró a lui, guardandomi bene dal raccontargli tutta la storia, eh!!

Nonnopipo

Continua a leggere

Racconti

Fuori di testa … o forse no?

Published

on

Il mio amico è semplice, certe volte anche buono di carattere e ha un’ anima che si scrive con l’apostrofo.

Altruista di sicuro, ciula le banane al mercato come Benigni faceva nel film Johnny Stecchino, per darle ai bambini bisognosi.

Il mio amico è sterile perchè fino ad ora non ha mai messo incinta nessuna donna, il mio amico non ha mai avuto una donna da ingravidare, o molto piú semplicemente non ha mai avuto una donna.

Lui ama il calcio, anche se in teoria e secondo logica, il calcio lui lo dovrebbe odiare, avendo preso una valanga di calci in culo dalla vita.

Ma lui ama il calcio; è pure tifoso di una squadra, che per lui è una grande squadra e io ci credo, credo a lui, eccome se ci credo.

Il mio amico ha denti quadrati che lo rendono tanto simile a un castoro, forse perchè rosica, anche se un castoro che si rispetti e che ha tutte le carte in regola, nonchè “le physique du rôle”, non rosica ma rode.

Il mio amico discende da una nobile famiglia, difatti la sua stirpe vanta riscontri tangibili giá nella Roma imperiale, dove un Re di nome Erode, giù in medio oriente, fece una strage, mentre il suo amico Nerone erose una cittá intera giocando a quel gioco stupido in cui devi trovare una cosa nascosta: “acqua acqua fuocherello fuoco fuocone incendio. Ecco, appunto, incendio.

Quando vide bruciare Roma, l’amico di Erode, eroso e iroso per quanto successo alla sua Roma esclamó: ” se sono erose efioriranno”.

Non efiorì un bel niente e il mio amico non potè stendere un pietoso velo su questa storia avendo finito tutte le mollette.

Il mio amico è gaio e ride sovente, anche quando la sua squadra perde lui ride, ma non recita, ride perchè è uno che pensa positivo perchè è vivo ed è un fan di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti.

Ma i Cherubini, unitamente ai Serafini, sono angeli che disturbano la Santa Messa della domenica con quelle cazzo di trombe, che il prete, storno come la cavallina di Pascoli, nemmeno sente. Tutte le volte, sto povero diavolo di prete, spedisce delle lettere a tutti: ai Corinzi, ai Colossesi, ai Tessalonicesi … ma chi cazzo sono i Tessalonicesi, si chiede il postino che deve consegnare tutte ste cazzo di lettere, e soprattutto in quale campionato giocano ste squadre!!!

Fatto sta che nessuno gli ha mai risposto, e il povero sacerdote, a giorni alterni, si reca nell’ufficio postale più vicino a spaccare i maroni alle impiegate che, quando lo vedono arrivare indossano velocemente un grembiule e con la scopa in mano si trasformano in donne delle pulizie e affermano di non sapere niente.

Parlando del mio amico in modo serio, devo ammettere che nel ruolo di tifoso di calcio lui è proprio bello, di un bello che lo ripaga di tutte le angherie che subisce, il mio amico è studiato, ma non sa fare le operazioni perchè non conosce le tabelline, peró è allegro di mattina.

Ha pochi parenti e poche risorse ma possiede tutte le vitamine che servono.

Però è un gran tifoso della sua squadra, della quale ha una grossa fotografia appesa nella sua camera, ma gli piace la montagna, quella impegnativa, mica quei sentierini appesi a un prato, lui ama la montagna quella vera, quella scolpita nella fatica e nel rischio di non riuscire ad andarci a letto.

Perchè la montagna è un’amante, punto e basta.

Poi al mio amico gli piace il calcio e va alla partita.

Il mio amico ha la lingua trasparente e il naso sempre umido, quando assiste alla partita, il mio amico.

Ma quando la palla entra nella storia dopo aver superato la speranza bianca di gesso, lui accende gli occhi cisposi con un interruttore che custodisce nella tasca bucata dei pantaloni.

Esulta come tutti gli altri, proprio come quelli che vivono in una altra arena.

Lui è tifoso del Novara, ma anche dell’Olbia e del Torino, della Gionzanese e ultimamente anche della Pro Vercelli; si anche loro hanno bisogno del tifo del mio amico, che però non ama il mare perchè, dice, è egoista e nasconde sottacqua tutto quello di cui dispone e ti offre una sola alba e un solo tramonto al giorno, sto tirchione.

Il mio amico mi ha detto che odia la politica, quella dei telegiornali e dei talc sciò, perchè la politica attiva lui la fa tutti i giorni, da quando prende il caffè appena alzatosi, fino al momento di spegnere la luce prima di dormire, lui è un gran politico, figlio di gran politici, tanti politici, solo politici, politici dappertutto. Vitalizi rubati.

Ma lui è tifoso del Novara prima di tutto, e quando va allo stadio sta in piedi in curva al centro di essa e urla, canta, sventola persino una bandiera in cui è raffigurato un grande giocatore del passato, ma lo trovi contemporaneamente anche in rettilineo dove protesta e insulta il guardalinee, e addirittura nei distinti dove peró sta sempre tranquillo. In tribuna no, non lo potrai mai trovare perchè a lui non piace scorreggiare sui seggiolini.

Il mio amico sogna sempre in bianco e nero, ma lo sfondo della scena è sempre colorato d’azzurro, perchè questo è il suo colore preferito, anche se il rosso che è sempre stato nel suo cuore è un altro sogno che si è arreso.

E mentre il mio amico era in coda per ricevere un sorriso, con il volto dipinto da uno sguardo senza peso, ha raccontato al vento la sua storia.

Forsa Nuara tüta la vita

Nonnopipo

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: