Rimaniamo in contatto

Editoriale

E’ una questione di punti di vista.

Published

on

E’ una questione di punti di vista: come gli aquiloni, che pensano che la terra sia attaccata al filo. E. Iacchetti

Il calcio è una cosa estremamente semplice. Se fai un goal in più degli altri vinci. Poi siamo arrivati noi italiani ad incasinare la questione sostenendo la stessa identica cosa ma dal punto di vista contrario, cioè che per vincere basta subire un goal in meno degli altri. Da quel momento il calcio è diventato davvero un gran casino, perché ognuno si è sentito nel diritto di sparare la propria cazzata caratterizzata dal fatto di essere assolutamente vera e soprattutto incontestabile, fino ad arrivare a perle di saggezza inarrivabili pronunciate dall’indimenticabile maestro Boskov “questa partita la possiamo vincere, perdere o pareggiare”. Insomma, qualsiasi cosa si dica sul giuoco del football si ha sostanzialmente sempre ragione, perché dal momento in cui si è sdoganata una delle più grande pirlate dette nella storia del calcio: “abbiamo perso ma i vincitori morali siamo noi” (cit. c’è l’imbarazzo della scelta) è evidente che si è consentito di ricondurre il calcio solamente ad una questione di punti di vista.

Questa premessa è molto importante perché, a mio avviso, Foggia Novara di oggi pomeriggio è proprio l’emblema della partita in cui si può sostenere tutto e il contrario di tutto a seconda di come si guardi la faccenda. O, se preferite, è la classica partita in cui viene molto semplice a chi si sente messo sotto critica ribattere argomentando con qualsiasi tesi credibilissima e contraria. Partiamo però da alcuni assunti fondamentali. Temevamo un po’ tutti questa trasferta per ciò che, non so quanto a ragione, rappresenta Foggia ai nostri occhi, ovvero una piazza molto calda del Sud, con uno stadio pieno e molto caldo, una squadra carica ancora fresca di promozione e molto ambiziosa. Al di là delle più ottimiste previsioni di qualche singolo, per un Novara in difficoltà reduce da due sconfitte consecutive e da un inizio di campionato problematico, sceso in Puglia ancora penalizzato da assenze importanti, l’obiettivo reale poteva essere solo quello di muovere la classifica. Insomma, quelli del “firmerei per un pareggio” . E fin qui siamo (forse) tutti d’accordo. Il problema è che il malato Novara era chiamato, più che al risultato, ad una prova che convincesse un po’ tutti sul fatto che la guarigione fosse alle porte. Che non si prendesse goal subito, che l’attacco pungesse, che il gioco corale migliorasse. Invidio chi ha trovato queste risposte perché, personalmente, eccezion fatta per il goal non preso nei primi 20 minuti (questa è la sola cosa oggettiva, risultato finale a parte) ho ancora più dubbi e preoccupazioni di prima.

Giuro che ci ho messo grandissimo impegno e tantissima buona volontà, ma quando leggo Corini sostenere:

volevo una partita coraggiosa da parte nostra, con la forza di andare a far male. Ho intravisto qualcosa di importante anche oggi

penso che non ci sia nulla da fare. Chiunque siede sulla panchina del Novara evidentemente vede una partita differente dalla mia.

Il fatto è che un fondamento di verità in quanto detto da Corini c’è sicuramente perché quando le cose si mettono male e si va sotto allora si gioca anche discretamente bene. Quando riusciamo ad alzare finalmente il livello di agonismo e di cattiveria riusciamo anche a tenere il pallino del gioco in mano e a schiacciare gli avversari nella loro area, pur tirando poco. Ma la cosa drammatica è che questo succede appunto a risultato quasi sempre compromesso e sempre solo a sprazzi.

Siccome è sempre e solo una questione di punti di vista, allora penso che prima del classico goal della domenica di Moscati, perché di classico goal della domenica si parla, si è vista una squadra lenta, confusionaria, mai pericolosa, che non è passata in svantaggio solo perché in attacco quelli del Foggia sono abbastanza pippe e che anzi, dopo essersi trovata in vantaggio, non è riuscita ad affondare il colpo con l’incisività necessaria. Parliamoci chiaro, temevamo Foggia perché soffriamo sempre di un immotivato senso di inferiorità, ma questo Foggia è l’ennesima squadraccia incontrata in questo campionato che, ad oggi, fatica a tramutare concretamente sul campo tutte le lodi che gli sono state attribuite in estate.

Detto questo, sarebbe finalmente auspicabile vedere una volta, pure per sbaglio, la reale formazione titolare. Questo è il vero e forse unico alibi che si può dare oggi a Corini che ha sempre dovuto schierare una formazione monca nei suoi punti chiave. Se è vero che quando le cose vanno male e si commettono errori (tipo rischiare Casarini a Carpi) la paternità degli stessi cade sempre e solo sull’allenatore (ma lo staff sanitario ha certamente autorizzato l’utilizzo del capitano), è altresì vero che molti dei nostri problemi attuali hanno tutti dei nomi e cognomi precisi. Maniero acquistato in condizioni fisiche imbarazzanti, Macheda che non sa manco come si chiama, Ronaldo che si è rivelato un buon giocatore per un tranquillo campionato di Eccellenza, Troest che non tiene un avversario manco a morire, Golubovic che non si schioda dalla linea difensiva nemmeno per raggiungere gli spogliatoi. Tutti giocatori che, se potesse, Corini sono certo non schiererebbe nemmeno per giocare a Risiko ma che invece è obbligato a mettere in campo.

Possiamo solo migliorare. Lo penso davvero. Questa squadra non è peggiore di tante altre e deve solo trovare una quadra. Ovviamente Corini deve trovarla al più presto prima che la stagione prenda una piega brutta. In fin dei conti lo ha detto anche lui oggi, e in questo calcio in cui contano solo i punti di vista dire due cose uguali da due persone differenti non è tutto ma è tanto. Domenica arriva la squadra considerata più forte del torneo, quale occasione migliore per dimostrare che noi lo siamo di più? In fin dei conti basterà fare un goal in più di loro o, se volete, prenderne uno in meno. È sempre questione di punti di vista.

Claudio Vannucci

Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Editoriale

La reprimenda

Published

on

By

E’ un lunedì molto pesante quello che ci ha accolto stamani al risveglio. Inutile girarci intorno: non c’è una cosa che sta andando per il verso giusto, e nonostante la classifica ci dice ancora che nulla è perduto (i punti da recuperare sono solo 2), viene difficile, se si vuole essere razionali e oggettivi,  a guardare con ottimismo al futuro quando tutti i segnali che stanno arrivando da un mese a questa parte portano solo nella direzione opposta a quella auspicata. Rimonte subite allo scadere, infortuni, pali e ora pure le terne arbitrali avverse non sono certo segnale di annata fortunata. Ho emozioni contrastanti, difficili da spiegare. Convivo con una sensazione paradossale che mi porta, nonostante tutto, a non considerare quella della retrocessione un’opzione realistica. Ma sto contemporaneamente covando un rancore e un’amarezza per alcuni aspetti che riguardano il mio Novara sul quale, e in questo editoriale sarà abbastanza netto e per il quale mi scuso in anticipo per le parolacce, il mio Novara stesso mi sta facendo parecchio incazzare.

Partiamo a monte. Questa stagione 2023/2024 è probabilmente la più formativa per tutti noi che viviamo questa passione quotidianamente. Abbiamo più o meno tutti capito, (utilizzo il più o meno perché purtroppo esiste sempre qualcuno al quale è più semplice metterglielo nel culo che in testa) che l’affermazione a noi tanto cara  “meglio un giovane di serie D che ci mette l’anima di un giocatore affermato che arriva svogliato” è una banalità che difficilmente trova riscontro poi con la realtà oggettiva quotidiana. In sintesi è una puttanata. Il giovane di serie D che ci mette l’anima non è in grado di reggere l’urto del professionismo. Se poi i giovani che ci dovrebbero mettere l’anima rappresentano il 60% della tua rosa allora è più facile retrocedere che salvarsi. Spererei che almeno su questo punto non ci si debba tornare in futuro. La seconda affermazione a noi (soprattutto al sottoscritto) tanto cara è senza dubbio “bisogna avere un uomo forte in Proprietà, un figlio di puttana dentro l’ambiente, uno squalo col pelo sullo stomaco in grado di comprarsi, se servisse, le partite che contano”. Sfido chiunque a non aver a gennaio identificato in PLM questa figura. Ovviamente posso oggi solo giudicare per quanto visto nel poco tempo in cui è entrato a far parte della nostra realtà, e pertanto, se mi è concesso e non si offende (ma se si offende è un problema suo visto che io ci sarò anche quando lui non ci sarà più, inoltre non mi sono fatto scrupoli a prendermi a parole con chi ci ha portato in A, figuriamoci se me li faccio con lui che in A ha portato ad oggi solo altri), mi piacerebbe attraverso questo spazio dirgli che, in un certo senso, non lui in quanto cardine della proprietà ma certi suoi modus operandi hanno già un po’ rotto i coglioni.  Argomento il tutto. Arriva a Novara e già alla seconda o terza conferenza stampa subito aizza parte dei giornalisti contro chi, legittimamente e negli interessi del Novara stesso, aveva appena vinto in un bando pubblico parte dell’arredo del Piola. Non solo non si preoccupa nemmeno di capire chi fosse stato il vincitore del bando o verificasse che lo stesso, come poi i fatti successivi hanno dimostrato, non avesse la benché minima intenzione di fare del danno al Novara, ma si permette pure di fare il brillante invitandolo a fare un giro in centro a vedere le luminarie di Natale. E lo dice a chi a Novara ci è nato e ha sempre sostenuto la realtà calcistica cittadina. Passano le settimane, e almeno pubblicamente, mai una volta che elogiasse la città e il suo pubblico. Sempre frasettine generiche, spesso tirategli fuori dalla bocca e dette con poca convinzione, lasciando sempre e comunque l’impressione che Novara per lui/loro fosse un’incredibile occasione a zero debiti, dentro un territorio o una piazza a lui/loro sconosciuta ma evidentemente poco apprezzata dal punto di vista del potenziale apporto. Insomma tipo quando sei giovane, è da un po’ che con le ragazze non batti chiodo, e accetti di metterti con una che non ti piace perché non ti par vero che questa ci stia provando con te e ti si presenti finalmente l’occasione di ciulare. Passano le settimane, il mood inizia a cambiare in negativo, e prima cosa che gli viene in mente è di fare un’ora e mezza di monologo contro genericamente chi scrive sul Novara. Ce l’aveva con Ambiel? Ce l’aveva con la stampa? Ce l’aveva coi giornalisti in generale? ce l’aveva con noi blogger? Non si capisce. Fatto sta che sono/siamo passati tutti per coglioni per aver tutti, chi più chi meno, detto le cose che puntualmente si sono poi verificate in campo due giorni dopo.  Due giorni dopo dove sbrocca pure Jack, che con tutto il bene che gli voglio, pure lui è il caso che si tranquillizzi visto che, pur quanto possa essere stato deprecabile chi gli ha fatto chiudere la vena, rimane forse il solo allenatore in quasi 120 anni di storia che rischia di retrocedere ma è amato da (più o meno) tutti. Anche meno Jack dai. Arriviamo alla partita di ieri, in cui assisti non solo all’assegnazione di un terzo rigore che mai al mondo può essere concesso, ma soprattutto lo stesso ti viene dato contro in un contesto di partita in cui è stato oggettiva la diversità di metro di giudizio dell’arbitro su tanti falli. E li stai zitto, uscendotene con un comunicato che a mio avviso può anche essere giusto nel merito, ma rimane discutibile nella forma e nei modi perché passi per uno che non sa perdere. Ma non solo, in Lega è chiaro che ci si puliscono il culo con queste cose. Hai un nuovo DS che è li che non fa nulla, fallo scendere in conferenza per mandare a fare in culo tutti invece di un silenzio stampa che, alla fine, va a penalizzare solo quei 3-4 giornalisti di Novara che ci mettono del loro per venirti ad intervistare, non credi? Ora PLM hai davvero l’occasione di dimostrarci di saper intervenire. Non ci deludere perché difficilmente avremo poi altro tempo.

A questo punto mi sorgono dei dubbi sul fatto che PLM sia davvero “un uomo forte in Proprietà, un figlio di puttana dentro l’ambiente, uno squalo col pelo sullo stomaco in grado di comprarsi, se servisse, le partite che contano”. Anche ieri è arrivato l’ennesimo risultato strano (Triestina Virtus Verona 0-1) e mi chiedo allora se ci troviamo davanti ad un personaggio davvero forte, che sappia aspettare il momento giusto per farsi sentire ed intervenire dove evidentemente serve intervenire, oppure è un fake solo più famoso di tante altre proprietà che abbiamo visto passare. Perché ad oggi, sempre con rispetto parlando e sperando che non si offenda (ma come detto sarebbe un problema suo), mi sembra che il valore aggiunto oggettivo reale sia stato portare qualche investitore. Il che, intendiamoci è lodevole e meritevole di ringraziamenti, ma il fatto drammatico non cambia. Se con una persona come lui comunque non conti niente nel Palazzo, non sei in grado di “comprarti” una partita manco quando te la servono sul piatto d’argento allora devo pensare che sei davvero solo la versione più coriacea e famosa di Ferranti. Visto che in conferenza stampa sei a casa tua e puoi permetterti di dire e fare quello che vuoi, questo blog è casa mia, e proprio per questo, in pieno spirito costruttivo, mi sento di suggerirti prima di salvarti, e poi di toglierti tutti i sassolini nelle scarpe che vuoi. Portaci la salvezza e poi, in mondo visione, di pure che Ambiel ha rotti i coglioni, che Cito ha rotto i testicoli, che Vannucci e Foradini è meglio parlino delle cose che conoscono e non del calcio visto che non ci hanno mai giocato, e sarai inattaccabile. Ma solo dopo.

Concludo dicendo che anche noi tifosi abbiamo rotto i coglioni. Siamo riusciti a sostenere che i vari Mascara, Caracciolo e Meggiorini, ai tempi nostri giocatori della massima serie, non sapessero giocare a calcio, ed oggi invece ci inventiamo la qualunque per scusare attaccanti che dopo 3 mesi di serie C riescono a centrare la porta per la prima volta, ovviamente facendosi parare i tiri o prendendo palo perché, anche quando per sbaglio fanno una roba giusta, sono sfigati come la merda. E noi ancora lì a dire che “eppure hanno tecnica, eppure ci mettono l’anima, eppure sono vivi”. La prossima diremo che sono anche fighi e hanno una bella pettinatura. E in tal senso anche per noi questa stagione, me per primo, spero abbia insegnato un po’ più di equilibrio nei giudizi.

Finale della reprimenda: portiamo a casa sta cazzo di stagione e tranquillizziamoci tutti che ne abbiamo bisogno. Sono ancora certo che si possa scrivere una nuova pagina di storia con PLM a capo di una Società seria e forte. In fin dei conti non è necessario starci simpatici a vicenda, voler bene alla fredda piemontese (quasi lombarda) Novara e farsi piacere la paniscia, la nebbia, le zanzare e la gente che alle 19.30 è barricata in casa. Serve solo fare sufficientemente bene. Quando non ci arriva la squadra ci deve arrivare la Società. Così funziona nel calcio che vediamo noi tutti, cosi mi aspetto e ci aspettiamo possa fare PLM.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Quando il Fiorenzuola ti sembra il City

Published

on

By

Li avete mai visti quei film molto borderline tra il thriller, lo psicologico e horror? Quelli dove non te la fai addosso perché non sei effettivamente terrorizzato, ma se li guardi con attenzione e ti fai prendere dalla storia è come se vivessi le stesse angosce dei protagonisti. E nello specifico, minuto dopo minuto partecipi ad un crescente stato di ansia che quasi non ti sai spiegare, visto che la via di uscita ti appare comunque li vicina, ma per qualche motivo strano invece si allontana sempre di più. Questo è il nostro quotidiano, in cui diamo l’idea di esserci, o almeno lo diamo per buona parte di partita, le altre non è che facciano complessivamente cosi meglio di noi, ma le giornate da disputare sono sempre meno. E ad oggi tu sei ancora nel pieno di questo film, esattamente dentro quella stanza buia dove potresti trovarti il tuo carnefice oppure uscire indenne al sole a leggere i titoli di coda. (se qualche regista ci costruirà un film su questa trama che ho appena scritto lo avverto che gli levo anche le mutande in Tribunale per diritti ndVannu).

E’ una situazione davvero spiacevole e paradossale, perché davvero ti bastano un paio di vittorie per migliorare la tua situazione, ma queste vittorie non arrivano mai. Vuoi per sfortuna, vuoi per incapacità, vuoi per casualità. E il problema peggiora perché, come in tutte le classiche stagioni di serie C che si rispettino, le avversarie iniziano a fare quei risultati parecchio strani, che in condizioni normali non farebbero (vedi Atalanta Pergocrema 0-2, Renate Arzignano 0-3), e che te non fai. E personalmente mi chiedo, forse un po’ troppo toccato da angoscia, dietrologia e pessimismo, se una proprietà “carismatica” come la nostra non sia a oggi ancora portatrice di questi risultati “strani”, dove possa nascondersi il valore aggiunto di uno che è nato, cresciuto e ha contribuito a formare quel mondo del calcio che da un lato odiamo, ma che da un altro sappiamo tutti quanto il farne parte sia condizione necessaria e sufficiente per fare bene. Perché alla fine un conto è il crederci a prescindere, un altro è tifare, ma ognuno di noi i conti coi propri pensieri alla fine li deve fare. E se oggi faccio i miei allora vedo in PLM (come sempre identifico lui nel parlare però della proprietà in toto) come una persona che è vero non ci ha mai promesso la salvezza, ma se dopo tutto quello che ha fatto non la dovesse ottenere, allora faticherei a non parlare di delusione e fallimento. Ad oggi, forse sempre da vittima di angoscia, dietrologia e pessimismo, concordo più con chi ha la lucidità di sentenziare che ne abbia imbroccati realmente solo 2 (Lorenzini e Kerringam – già rotto), di cui uno chiaro regalo di Ludi. 3 se ci mettiamo dentro il portiere dimenticandoci però della prima partita e del derby (dimenticandomi di queste due partite è chiaro di come sia clemente con lui). In sintesi: questo miglioramento rispetto al girone di andata probabilmente è più dovuto a Gattuso e al miglioramento complessivo del centrocampo (lo stesso di Dibattista, anzi lo stesso dello scorso anno), che al mercato di gennaio.

E’ altresì vero che i conti si fanno alla fine, e mi è chiaro che il grosso potenziale di PLM (e di chi ci mette ci soldi) possa esprimersi in estate, con rosa da formare. Spero tanto che ne abbia l’occasione di farlo, e che la Novara calcistica non perda questa che continuo a ritenere essere una grossa opportunità. In una recente intervista la proprietà ha chiaramente fatto intendere che, anche in caso di retrocessione, i progetti non cambierebbero. Ma è evidente che subirebbero un enorme ridimensionamento e rallentamento. La serie D l’abbiamo vissuta recentemente, e la puoi vivere bene solo nel caso in cui la fai come l’abbiamo fatta noi, vincendo per lo più ovunque e con chiunque, cosa non cosi scontata. Altrimenti è la fine. Ma non è ancora arrivato il momento di pensarci. Le cose non saranno migliorate tangibilmente ma nemmeno peggiorate irreversibilmente, quindi ogni partita che rimane è fondamentale, ovviamente a partire dalla prossima. Il primo obiettivo è vincere, ma il secondo, in me in primis, è tornare a vedere l’ipotesi dei playout come un qualcosa di assolutamente fattibile. Che poi, se ci pensate, è come la pensavamo un po’ tutti fino a poche settimane fa. Ecco, partire con l’idea che il Fiorenzuola sia il Manchester City non aiuta. Vedere i nostri attaccanti tirare in porta aiuterebbe invece un po’ di più.

CLAUDIO VANNUCCI

Continua a leggere

Editoriale

Continutà, nient’altro che continuità.

Published

on

By

Ieri pomeriggio, chattando con vari amici durante la partita, si commentava come noi tutti si avesse quel privilegio di seguire la partita da tifosi, e quindi emotivamente esposti e coinvolti. Privilegio perché, questa condizione, ci consentiva di andare oltre a quell’impressione di inguardabilità che qualsiasi altro spettatore non protagonista avrebbe inevitabilmente sancito vedendo Albinoleffe Novara, più per demeriti nostri che degli avversari. Il punto sta proprio qui: andare sempre oltre la prestazione, fregandosene dei basilari canoni di bellezza di gioco, intensità, pathos e coinvolgimento che uno spettacolo a pagamento offerto da professionisti del settore dovrebbe sempre garantire. E’ incredibile come le cose sono cambiate. Era un Novara in grado di poter provare a dire la sua in trasferta, ma di capitolare puntualmente tra le mura amiche, ora appare esattamente il contrario, con un Silvio Piola difficile da espugnare ma, al contrario, con trasferte complicate in cui il punto sembra davvero essere il massimo obiettivo raggiungibile. Il tutto a prescindere dalla forza degli avversari. Tempo fa dissi che il nostro era un percorso da raggiungere il 26 Aprile e non prima, e proprio per questo il singolo punto non sarebbe mai dovuto essere criticato o visto come una battuta di arresto, benché almeno tre di questi (Trento, Mantova e Renate) sarebbero potuti diventare ben altro. Ma oggi, sempre agli occhi di spettatori neutrali, se il Novara appare comunque come la prima candidata ad uscire presto dalla zona calda, significa che le cose stanno andando nel verso giusto. E questo succede perché abbiamo un allenatore, magari non sempre infallibile nella lettura di certe partite e sostituzioni, è comunque riuscito ad ottenere il meglio da un gruppo che è vero è stato parecchio ritoccato, ma che, numeri alla mano, vede ancora parecchi elementi del Novara 1.0 protagonisti ma migliorati. Ranieri, Di Munno e Calcagni, giusto per citarne tre, sembrano infatti giocatori nel complesso totalmente diversi da quelli che conoscevamo.

E adesso arriva il derby, una partita che da sempre rappresenta un crocevia del futuro, nel bene e nel male, e che tutti vorremmo vincere. Ma che, per come la vedo io, non deve essere eccessivamente caricata di aspettative proprio perché quello a cui noi serve è la continuità. Battere la Pro, pur quanto edificante possa essere, sarebbe poco efficace se poi si perdesse il vero scontro diretto a Crema il turno successivo. Detto questo è paradossale la tempistica di questi due derby 2023/2024: all’andata a Vercelli erano nel punto più alto del loro percorso, convinti di avere una squadra in grado di lottare per le prime posizioni a differenza nostra che eravamo messi malissimo; ma proprio da quella partita iniziò un nuovo campionato e una rincorsa alla salvezza cui oggi manca tecnicamente ancora un punto di distacco dalla Pergolettese per considerarla ultimata (il + 8 dalla penultima per ora non consideriamolo anche se, come più volte detto, rappresenta il vero obiettivo). L’orario del derby è invitante, e rievoca derby giocati recentemente ben più prestigiosi di quello cui assisteremo nel prossimo turno. E’ quindi un obbligo essere presenti e, per chi sarà in curva, partecipare attivamente alla coreografia. In questo momento la Piazza di Novara è come una bomba inesplosa e dimenticata sotto terra da qualche parte. C’è bisogno che qualcuno la stimoli trovandola per caso, e questo evento potrebbe essere l’occasione giusta.

Ci sono tante considerazioni da poter fare sulla rosa attuale, su almeno la metà degli acquisti di gennaio, su interventi pubblici a gamba tesa abbastanza demenziali di sedicenti procuratori e sulla rava e la fava. Ma mi chiedo se davvero oggi ne valga la pena e non sia meglio tacere, provando a fatica a digerire talune partite in trasferta in cui i centrocampisti non fanno due passaggi di fila, gli attaccanti non tengono su un pallone manco per sbaglio e inoltre non calciano mai in porta. Tacere nell’interesse di tutti, proprio in virtù di quella continuità di risultati che è la sola via per archiviare questo campionato. Un punto qui, uno là e, si spera ogni tanto tre altrove, e la svanghiamo. Forse.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.