Rimaniamo in contatto

Dialetto

Suta al maiòn vunc e spüssent

Published

on

Suta al maiòn vunc e spüssent …

Al tirava avanti al so carètt cargá da maciám e pien da suferensa
la scarpa destra al post dla mansina la faseva par lü nissüna diferensa.

La barba bianca e lunga e dü barbis par mia mustrá la ghigna spurca,
una facia da dü indríc sensa speransa, un po’ da malnat, un po’ da furca.

Ma un carètt quand ti sè vécc e strach l’è grassius ‘mè ‘l mal di dent
e da pruvá a girá i tacch indrera al temp agh n’ aveva gnanca in ment.

E alura al guardava in t l’aria cunt i öcc alegar cume al carr d’un füneral
“purcascia logia, agh va ch’ i sto ‘tent, se no a va a finí ch’ la marcamal!!

La schena a tocch i gambi strachi i öcc rassegná velá sempar da tristèssa,
as ricurdava gnanca pü l’ültima volta che sü la facia gh’hann fai una carèssa.

E quand la sera dasi dasi la diventa nott, setá gió sü ‘na panchina dla stassión,
intrament che l’urlògg al segnava i dés e mèsa, al tirava fora una cuerta da cartón.

Infagutá ‘mè un babiòch da cassina e tütt indurmentá ‘mè ‘na gamba ‘nranfí
mòl ‘mè ‘n taraplin cun rut la mola as bütava gió sui ass da legn giüstá cusí.

La matina la riva prestu in luntanansa, quand al ciar al vistissa da culúr al mund intér,
ma anca se ‘m dispiasa a mia dí una büsia, duaró par circustansa a véss sincér.

E cusí sü cula panca un po’ sbilenca che ‘l temp la vernis urmai l’è purtá via,
sü ‘n fuiètt bianch e scarbuciá ‘na quai manera, in dudas righi l’è scrivü ‘na puesia:

“Un salüt ai mè amis che i durmivan suta i stèli e vüna a vüna i gh’avuma dai un nom,
un basín a la vègèta minüda e silensiusa che tüti i di al cimiteri l’andava a truvá ‘l so om

e insèma a un quai cent liri e una pacca su i spali i seri cuntent cume un passarin,
m’ han di ch’ l’è morta int l’indiferensa fai sü int una cuerta cume füssa un biscutin.

Un salüt a cul umèt che ‘m purtava da mangiá una michèta cun in mèss la fidighina
ma mi i gh avevi tanta fam e sensa fala tantu lunga la mangiavi anca se l’era da matina.

Un basón a la mè mama Linda e al mé papá Pidrin che i eran povar ‘mè i sciustón…
che fadiga a mètt sül tavul al mangiá dal mèsdí e pö la scena e al dí dopu la culassión!!

Ma un ricord im porti drera tacá la pèll, suta al maión vunc e spüssent ‘mè un andighé
l’è una maia bèla, azzurra e rigugliusa, che ‘l San Pedar ‘na vöra vüna par só fradé.

L’è finí ‘l temp che ‘l scapa via int un mument, sensa lassá düerta gnanca una porta,
ma i virtü che la vita la cunserva at fa savé cha la speransa, se ti vöri l’è mai morta.

E cusí cula matina i öcc i restan sará sü e ‘l so nom, pürtropp, propi im la ricordi mia
peró lü in dudas righi sú na scartósc truá par tèra, dla só vita l’è scrivü una puesia.

Nonnopipo

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Dialetto

Ecco perchè questo rimarrà il mio Novara per sempre

Published

on

Ecco perchè, nonostante la brutta gente che prima possedeva e ora detiene l’80 e il 20%, il mio Novara era quello descritto qui sotto, e lo rimarrà per sempre. Purtroppo con loro o, meravigliosamente, lontano da chi ha compiuto scelleratezze alla mia maglia che amo da sessat’anni. Possiate bruciare all’inferno, anche se credo che le fiamme eterne non basteranno a purgarvi, maledetti.

La storia la cumincia che i s’evan picinin,

là int l’aria sü la cürva che da legn gh’eva i scalin

San Gavdensi da là in scima una man sü la cusciensa

anca lü sensa al Nuara al pudeva mia stà sensa

Al bell l’è che sü la punta al gh aveva un bell’aspèt

anca se al vedeva a maca e al pagava mia al biglièt

Anca lü l’è nuares cume nüm sensa vargogna,

mia cume i tri cucù che i stann da d’ là dl’ Agogna

Suma tüti curagiùs a la disa la nostra storia

anche se agh pensa al temp a scürì un po’ la memoria

I vigiòtt n’ han visti tanti chi da crüdi e chi da cotti,

ma fà part da sta famiglia ch’ l’è nassü a l’Alcarotti

am fà gnì un pò al magòn ch’ l’è mis-cià da nustalgia

che par ti mè povar Nuara  son dré fa una malatia

Im ricordi la dumenica a mangià da sgurdiaton

parchè a dü bott e mèss a giugava al mè squadron

Un öcc se a passa al pulman as và giò al cantòn di uri

pö passuma in curs Italia sensa avegh tanti paüri

Ècu i suma ai Mutilati induva as bala anca d’està

e passà al mercà coperto uramai i suma rivà

Tri sold par al biglièt speransa e allegria

….alè…forsa Nuara!! vinciuma e cusì sia!!

Al Ricu al Renatino al Nini e ‘l Tato Lena

par lur ciapà dal frèd na vareva anca la pena

bagnà cume un pulìn suta l’acqua e la fioca,

e la nebbia che a Nuara l’è mai stai propi poca!!

Là int l’aria a s-giacòn dal vent cuarcià una quai manéra

al frèd l’ andava via quand l’era primavera

e i sciarpi agh n’era mia e ‘s babülava mè i cagnàsc

e cui scalin da legn i eran pien numà da giasc

e cusì ‘dèss al nostar stadio as ciama Silvio Piola

e quand al segna al Nuara scatuma in pé cume una mola

che la libera energia e la s-ciopa da passiòn

pruvì a tifà Nuara che im darì prestu rasòn

Cust chì l’era al mè Nuara che a m ha fai inamurà

e che par culpa da sta gentàia che i tifùs hin ümilià

i a odi tüti quanti brüta rassa da schifus vigliacòn e delinquent

iv fo un augüri cunt al cör da murì vécc però da stént

E a sta maniga da làdar iv ricordi una roba bela:

andì da via al cü però cun vèrt l’umbrela.

 

Nonnopipo

Continua a leggere

Dialetto

Par strupav un surìs

Published

on

I espression in dialètt chì da suta, fan part d’una racolta da “parulasci” vusà ’n ti ani a l’Alcarotti  e al Silvio Piola dai tifusi nuares, ‘nti cunfrunt un po’ da tutti: avversari, arbitro, segnalinee, e di volti anca a un quai giüdur dal Nuara. A vüaltar al piasé da leggian una quai vüna, che ho truvà in gir un po’ chì e un po’ là, e ’n ti ricord da chi g’ ha un quai ann e i cavei gris in abundansa, cun l’augüri che sta maniga da malnàt (da De Salvo a la banda Pavanati passand par la squadrascia di Rullo) i vagan tüti quanti fora di bali par sempar. Ricumincià da zéru ga spuénta mia.

Le espressioni dialettali qui sotto, fanno parte di una raccolta di insulti urlati negli anni negli stadi dell’Alcarotti e al Silvio Piola dai tifosi novaresi nei confronti di tutti: avversari, arbitro segnalinee e, alcune volte, anche a qualche giocatore del Novara.A voi il piacere di leggerne alcune che ho trovato in giro un po’ qui e un po’ là, e nei ricordi di chi ha qualche anno e capelli grigi in abbondanza. Con l’augurio che questi gruppi di “poco di buono” ( da De Salvo alla banda Pavanati, passando attraverso la squadraccia dei Rullo, possano tutti andarsene fuori dalla palle per sempre. Ricominciare da zero non ci spaventa. 

 

“Ti cünti cume una furchèta ’nt al bröt”   Riferito a un giocatore scarso e inutile quanto lo può essere una forchetta nell’atto di bere il brodo 

“L’è vist püssè arbion la to mama che al minestron dla mè nona”    destinata all’arbitro/segnalinee per informarlo della predisposizione della di lui madre al contatto assiduo con i “piselli”, assai superiori, numericamente, a quanti se ne possono contare nel ricco minestrone della nonna

“Tàiat i cavei, vunciòn”    invito rivolto di solito da un tifoso calvo al giocatore avversario particolarmente dotato di chioma fluente 

“Ti sè sempar par tèra cume ‘na siloria”   rivolta a Enrico Bramati detto “Ricu”  avvezzo spesso a spettacolari cadute

“Facia da cü da can da cacia”    A qualunque avversario, arbitro,segnalinee, con la faccia brutta, capitasse a tiro 

“Ti sè brütt ‘mè la mort da Camarian”    Variazione alla frase sopra riportata

“ Gnürant ‘mè ‘na sapa”    Dubbi espressi in merito al bagaglio culturale dell’arbitro

“Tato, ti tè fai passà una brèla in mèss di gambi”   considerazione rivolta al portiere Fausto Lena (Tato) dopo aver subìto un gol con la palla passata in mezzo alle gambe come fosse sterco di cavallo

“Impìcat cun la cruata”   Di solito all’ arbitro/segnalinee ma spesso anche a qualche giocatore avversario

“Facia ‘mè un urinari a sès uri la matina”   espressione tesa a paragonare il volto del denigrato a un pitale colmo delle urine della notte dopo il rilevamento effettuato alle ore 6:00 antemeridiane

“ Geometra!!! Fa sarà sü al Benevul prima dla partida, che incö hin tüti ciuch”   Invito rivolto al Presidente Tarantola Geometra Santino, dopo una brutta prestazione dei giocatori simpaticamente sospettati di aver consumato bevande alcooliche al banco di mescita del vicino bar Benevolo, prima dell’inizio della partita

“Ti ghè la sciarvèla cume cula d’un cirabibè”   Riservato all’arbitro/segnalinee il cui cervello veniva misurato a vista, e giudicato approssimativamete di dimensioni pari a quello di una libellula.

“Ti farè la stèssa fin chi fann i ratàsc da Mlogn”    informazione su quello che il destino avrebbe riservato a qualche componente la terna arbitrale, uguale a quella che facevano i topi di Lumellogno, paese popolato da un alto numero di gatti

“Nini, pìagh i misüri e po’ inviaral dal Geometra che la manda a da via ‘l cü”   Preghiera rivolta al Nini affinche prendesse le giuste misure al suo avversario diretto, per poi inviarlo al Presidente Tarantola che gli avrebbe rivolto il più classico e sincero degli inviti esprimibili in dialetto novarese

“Nasu, se ti ciuli cume ti fè al purtier, ti diventarè prestu cülatòn”   Considerazione espressa, dopo una papera del portiere Nasuelli, sulla sua futura sessualità se paragonata alla prestazione fornita. 

“Ti spüssi ‘mè la rüdera dla cassina dla Brignuna”   Urlato all’ arbitro/segnalinee accusato di emanare un odore sgradevole pari a quello emesso dalla concimaia o letamaio della Cascina Brignoni di Gionzana

“Arbitro, bastard e disunèst”   Non abbisognevole di spiegazioni essendo considerato insulto ufficiale da riservare all’ arbitro (copyright Carlo Afferni detto il Carlone)

“Arbitro, ti fè gni voia da cagà cume l’erba mudistina”   Considerazione sull’arbitraggio che viene paragonato alla capacità dell’erba modestina di inviare sul water chiunque assuma il decotto di tale erba, favolosa nel favorire una abbondante evacuazione

“Deh, ma ti sè dréra giügà suta l’efètt dl’ indormia?    Domanda urlata al nostro Grossetti soprannominato Moviola.

“Babaciu d’un lifròch, fora da chi ghè al Campagnon cunt i manèti in man prunt a ristat”   Informazione fornita all’arbitro/segnalinee, definito imbambolato e tonto, riguardo la presenza fuori dall’Alcarotti della guardia di quartiere, con le manette in mano per arrestarlo, in seguito all’arbitraggio pessimo. 

“Cul li l’è passà dla stra di Scülgaroli!!”   Dubbio espresso nei confronti di un avversario accusato di essere un simulatore. Tale strada null’altro era se non l’attuale Via Regaldi dove molti anni fa esisteva un laghetto che in inverno ghiacciava.

“ Ti füssi ingàmba ‘mè ‘l Gibula ti sarissi un campiòn”    espressione utilizzata con rammarico nei confronti di un giocatore la cui fisicità risultava assai scarsa, ben lontana dall’essere paragonata a quella espressa dall’ arzillo e scattante Gibula (Nicola Cresifonte, 1902-1982) massaggiatore del Novara Calcio.

 

Par strupav un surìs

Per strapparvi un sorriso

Nonnopipo       

Continua a leggere

Dialetto

Da šura e suta la cüpula

Published

on

Puesia puesia che ti devi truvá la rima

sü la cüpula ‘d San Gavdensi prova un po’ a purtam in scima

Sü lá in t’l’aria a smea mia, ma al mund l’é un fassulètt

e mi ‘m senti picinin insema a tüti i mè difètt

Da luntan al Monte Rosa cume una grossa gésa

dasi dasi vers al pian la cumincia la discesa

E se i guardi ‘dl’altra part dopu che m’ho girá in dré

a ghé mia da scunfundas i risèri i hin chì suta i pé

Suta i pé la mé citá l’é ancura püssé bèla

e vüré a vess precìs a mi ma smea una stèla

Lá in fund a ghé i cinin che da Vevar i hin i padròn

Sant’Agabi ghé i ranat che la fan da prufessiòn

San Martin cun i assassin l’é mai stai ‘na nuvitá

propi cume a Perná che in ciamá massacürát

e a Sant’Andrea vann a spass tra ‘l sut-pasagg e la féruvia

bei quaiet i rimulàs che nissün i a porta via

Dess che i guardi un po’ chì suta e che l’öcc ma scapa via

ma cus l’é sta smagia verda cunturná da puesia?

Quasi in fianch al mercá coperto al Valentino lá da dré

se al Nuara al segna un gol i saltan tüti quanti in pé.

Ma che bell ch’ l’é l’Alcarotti!! quanta gloria e alegria!!

quand ti s’eri setá dentar ti vürevi pü andá via

Cari fiöi iv ciami scüsa i m’ho fai ciapá la man

ma ‘l Nuara l’é una spusa sensa trüch e sensa ingan

E a vüaltar Pavanati o Bonanno cumè ch’ a sia

ricurdìv che al Nuara l’è la nostra puesia

fai da rimi da passion tantu amur e sufferensa

e president e alenadùr i puduma fa anca sensa

parchè lur incö i hin chì e duman cambiaran técc

nüm inveci cunt al Nuara suma tüti diventà vécc

rispetì i nostar culùr la nostra maja la nostra storia

i sarì ricurdà par sempar int la scunfita e int la vitoria

mia cume cui barlafüs che ier i fasevan i padròn

e i gh avévan gnanca tri ghèi par fa da scéna al minestròn  

 Dess i vegni giò d’la cüpula anche se son mai stai sü

i sugnavi ad öcc düert la prumetti … la fo pü.

 

Forsa Nuara tüta la vita

 

Nonnopipo

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: