Il divino mavacagol Editoriale

Che ad Ascoli potesse e dovesse iniziare un nuovo campionato lo abbiamo sperato un po’ tutti, magari con livelli di certezza differente, ma anche e solo per quella puttana della legge dei grandi numeri, così abile nel farti vivere di illusioni e di piacere salvo presentarti poi il conto salato che ti riporta coi piedi per terra, qualcosa di appagante dalle Marche doveva saltare fuori. Il dato di fatto di partenza a nostro favore è stato quello che il Novara, per tutto ciò che abbiamo visto e provato sulla nostra pelle nelle prime due giornate, probabilmente era l’unica e sola squadra al mondo da non incontrare questo week end. Chiunque l’avesse incrociata, pure in autostrada per sbaglio, avrebbe avuto sicuramente qualche problema.

Sono sempre stato una persona attenta ai segnali, anche se ho capito nel tempo che non a tutti questi episodi si può dare una valenza spirituale che concretamente possano cambiare il futuro, perché appunto è solo vivendolo che possiamo trovare conferma. Ero sempre stato convinto (e lo sono tutt’ora nonostante le battute degli amici), che quel palo di Giovinco a portiere battuto nella partita vinta contro il Parma 2-1 nell’anno della A potesse rappresentare quel segnale di svolta nella nostra stagione, e in un certo senso da quella partita il Novara capì che non era fuori luogo la sua presenza nella massima serie ma anzi, grazie ad un mercato di Gennaio più sensato di quello estivo, si è vista una squadra più convinta che ha cercato di salvarsi in maniera più che onorevole. Sono stato altresì certo che la vittoria in trasferta a Venezia nell’anno della lega pro chiuse il cerchio ad un periodo molto brutto, dove la squadra in trasferta non vinceva da mesi manco per sbaglio, e da quel giorno si prese consapevolezza della nostra forza. E sono fortemente convinto oggi, dopo aver visto il primo goal di Da Cruz, che sia davvero iniziato un nuovo periodo per noi. Perché quello non è un goal normale come tanti altri. No, è il classico goal del cazzo che solitamente prendi tu. Uno di quelli che ti porta a coniare nuovi vocaboli tipo “MAVACAGOOOOOOLLLLLL” che è la somma delle due reazioni a quello che doveva idealmente essere un tiro in porta di Moscati sbagliato di almeno 7 metri (ma va a cagare!) e la palla che entra in porta perché finisce sulla testa di Da Cruz (gooooooooollll).

Ad Ascoli, che quando ci vedono si toccano i coglioni manco fossimo tutti gatti neri che attraversano la loro strada, è successo ne più ne meno quello che avrebbe dovuto succedere a Carpi, ovvero siamo riusciti a pareggiare prima della fine del primo tempo, portando l’inerzia della gara a nostro favore. Una gara giocata fino a quel momento in maniera pessima contro una squadra che, anche se i marchigiani come i carpigiani non se ne sono ancora convinti, è probabilmente molto più scarsa di noi. Eppure capire cosa sia oggi il nostro Novara è ancora un’impresa molto ardua. Partiamo da una considerazione talmente ovvia che viene però colpevolmente dimenticata da tutti: è sbagliato sostenere che il Novara abbia completato la rosa solo a fine mercato. Il Novara ha completato l’undici base nell’ultima mezz’ora di mercato, che è cosa ben diversa e abbastanza singolare, nonché molto più inquietante. Ha inserito due titolari tra il 30 e il 31 Agosto e, contestualmente, ne ha persi altri per infortunio. Il risultato di questo è stato che, in ognuna delle 3 partite giocate, abbiamo sempre schierato una formazione fatta per lo più di estranei che, dal centro campo in su, si conoscono di fatto solo per nome. Se è vero che questa è una problematica comune va anche detto che ognuna delle tre squadre che abbiamo affrontato è stata molto meno colpita da questo fattore perché ha potuto schierare una formazione più rodata e stabile. Poi, che Corini a tratti stia apparentemente dimostrando di non capirci ancora molto e che noi non si abbia una rosa in grado di regalare uno spettacolo simile a quello visto nell’anticipo Pescara Frosinone, è cosa evidente.

La bontà delle mie percezioni sarà ora messa alla dura prova dell’ostacolo Cittadella, ovvero quella che invece mette tutti noi nella condizione di toccarci i coglioni manco ci trovassimo davanti ad un allevamento di gatti neri. Ma posso dirvi per esperienza che i gatti neri non portano così sfortuna come la gente pirla sostiene, anzi. I gatti neri sono molto affettuosi ed è per questo che non possono fare del male. Abbiamo quindi una grande occasione per scacciare tutte le nostre paure e dare una diversa connotazione al nostro campionato. Un campionato che appare ad oggi destinato a formare un gruppone all’insù e un gruppetto all’ingiù, all’interno dei quali tutto può succedere. Credo che non si debba commettere il solito errore di ripararci dietro la più vigliacca e stupida delle argomentazioni, ovvero : “fare 50 punti il più presto possibile” e “noi dobbiamo solo salvarci”. Oltre a portare sfiga credo che abbassino quel livello di cattiveria e fame che  possono fare la differenza in una squadra come la nostra. Facciamo di tutto per restare ancorati il più possibile al gruppone all’insù e poi vediamo in primavera come saremo messi.

Il divino mavacagol non è una cosa per tutti e averne potuto usufruire è stato un privilegio che ora va saputo gestire e sfruttato al meglio. Il prossimo passo è tramutarlo in un “gooooooooooolllllll“, magari senza il “ma va cagare!” iniziale, o almeno tenerlo in tasca per future occasioni che sicuramente capiteranno. Abbiamo rotto il ghiaccio, ora divertiamoci.

Claudio Vannucci


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: