Buon anno a tutti. Editoriale

Non so come la possiate pensare voi, ma trovo qualcosa di assolutamente romantico nel far coincidere col 31 agosto la fine del calciomercato, in modo da regalarci il primo giorno di settembre, che idealmente ho sempre associato al vero capodanno, le rose finalmente definitive. Da grande appassionato di mercato quale sono sarei ipocrita se non ammettessi la straordinarietà complessiva di questa sessione, in cui sono stati portati a termine alcuni colpi che faranno storia, soprattutto per le cifre con le quali sono state concluse. Al di là di qualsiasi legittima considerazione sull’etica e la morale delle stesse cifre, è indubbio che è stato un mercato che ha fatto sognare. Senza falsi pipponi populisti ammetto che mi sono immedesimato nei tifosi del Paris Saint Germain, che credo abbiano vissuto l’estate più esaltante della loro storia. Mi son chiesto se, da tifoso del Novara, proverò mai l’ebrezza e l’eccitazione di vedermi acquistare un top player per la categoria, proprio come hanno provato loro con Neymar. Poi son tornato subito coi piedi per terra, ricordandomi che esiste il mondo del calciomercato di chi non ha invece soldi da spendere, ma ha un patrimonio di giocatori importanti che devono necessariamente essere ceduti per poterne acquistare altri. E’ il mondo della maggior parte delle squadre di B e Lega Pro, ed è soprattutto il nostro mondo. Fatico a ricordare una sessione di mercato così noiosa e angosciante per la lunghezza come questa appena conclusa. Quasi tre mesi di mercato concentrati di fatto nella prima settimana e negli ultimi due giorni. Credo sia onestamente arrivato il tempo per riformare seriamente questo mercato che non può più campare sulla follia del nulla assoluto per mesi per poi stravolgere gran parte delle rose a campionato già iniziato.  Mi pare evidente che il mercato debba chiudere il giorno prima dell’inizio dei campionati; è una questione di opportunità ma anche di serietà che, evidentemente, gli attori protagonisti delle contrattazioni non sono più in grado di garantire.

Ma veniamo a noi. Alla fine di ogni mercato, al di là degli entusiasmi e scazzi personali, la domanda più ricorrente è: “ma ci siamo rinforzati o no?”. Posto che la sola risposta vera e definitiva la darà il campo nei prossimi mesi, consentitemi di aggiungere al puzzle di aria fritta e parole inutili dette e scritte da tutti la mia personalissima opinione.

Partiamo dai portieri, che è il reparto che ha destato più perplessità tra la gente. Sono tendenzialmente e propositivamente sempre critico con la Società, ma su Lorenzo Montipò mi sono sempre esposto a favore della scelta di schierarlo titolare. E’ evidente che, ad oggi, sia tecnicamente inferiore a Da Costa, ma penso che la gente dovrebbe fare uno sforzo superiore nel capire una logica strategica e societaria che c’è alle spalle e che mi pare limpida ed incontestabile. Montipò è uno dei portieri più giovani ed emergenti nel panorama italiano, già in orbita Under 21 con alle spalle già un campionato di Lega pro giocato titolare e uno fatto da secondo in B con alcune apparizioni. E’ il suo momento, non può permettersi di perdere un altro anno facendo panchina. Non dimentichiamoci che, salvo infortuni del titolare, il dodicesimo è destinato, se gli va bene, a giocare tre partite in un anno. Non è come un giocatore normale che, seppur partendo dalla panchina, ha la possibilità di  giocare molto. Per cui, tu squadra di serie B ti ritrovi uno dei portieri italiani su cui c’è più interesse e gli fai fare panchina? Sono assolutamente certo del fatto che qualsiasi squadra di serie B lo farebbe giocare titolare per lo stesso motivo. Se solo si rivelerà un portiere mediamente affidabile avrà un valore notevole. Semmai si può discutere sul non aver mandato a giocare un altro valido portiere come Benedettini, spostando al prossimo anno l’inevitabile problema di scelta tra l’uno e l’altro, per il resto sposo la filosofia societaria dell’essersi magari esposta a qualche rischio con Montipò. Mi auguro che la piazza riesca a dimenticare il suo cognome e faccia lo sforzo di trasmettergli un po’ più di fiducia, che è quella che ora gli serve. Su Farelli niente da dire, dovrà fare il buon padre di famiglia coi primi due.

In difesa abbiamo mantenuto sostanzialmente la struttura dello scorso anno, sostituendo Scognamiglio che avrebbe dovuto essere la punta di diamante del reparto lo scorso campionato ma che, un po’ per demeriti suoi e un po’ perché chi allenava non è stato capace di valorizzare quella che avrebbe dovuto essere una risorsa ma che è diventata poi un peso, non si è rivelato funzionale al progetto, e poi portando a casa Tartaglia, Del Fabro dalla Juve e l’ex Golubovic, che nel frattempo è diventato un vero giocatore, che sostituirà l’impalpabile Koch. E’ un reparto che, se ben allenato e soprattutto se gli verrà dato un’organizzazione di gioco decente, darà ampie garanzie.

A centrocampo si sono concentrate le novità più importanti, con la perla last minute dello scambio Sciaudone Bolzoni e l’acquisto di Moscati, che si aggiungono a quello di Ronaldo fatto a inizio mercato e al ritorno di Schiavi, fortunatamente ingrossato rispetto a quello che conosciamo. La conferma di capitan Casarini e di Orlandi completano un reparto di assoluto valore per la categoria che sarà ora chiamato a macinare gioco, scarpate intelligenti e a far segnare quelli davanti.

E’ nell’attacco che rimangono le incognite maggiori, perché è soprattutto nel cambio Galabinov Maniero che si leggerà il senso della nostra stagione. Sappiamo perfettamente, nel bene e nel male, cosa abbiamo perso col bulgaro ma non sappiamo ancora, se non a livello teorico, che cosa guadagniamo con l’ex Bari. Ma non è solo su questo paragone che si basano le incognite perché le buone premesse fatte vedere da Da Cruz e dal crack sfumato Chajia devono trovare assolutamente riscontro e continuità sul campo, insieme alle conferme di Macheda e Sansone, chiamati ora ad un campionato intero degno del loro nome. L’appunto che è lecito fare è quello di non aver ad oggi una vera prima punta che possa sostituire Maniero. Rimane francamente incomprensibile l’idea di fondo che abbia portato a questa situazione ma ricordiamo che il mercato rimane aperto per gli svincolati, un mercato che due anni fa ci ha regalato Casarini, per cui chissà.

Difficile quindi rispondere oggi, con certezza assoluta, al quesito iniziale. Verrebbe però da dire che non siamo quantomeno peggiorati. Oggi, 1 settembre 2017, se proprio obbligato ad esprimere un parere, direi che il Novara si possa collocare tranquillamente in quella fascia di squadre tra il quinto e il decimo posto, il cui differenziale di punti tra i due estremi sarà sicuramente basso. La differenza la faranno quindi i particolari e soprattutto il mercato di gennaio, che potrà spostare gli equilibri. Chi dovrà fare da subito la differenza sarà Mister Corini, che dovrà uscire subito dall’equivoco schieramento e decidere definitivamente come giocare, ma soprattutto dovrà creare quelle motivazioni e quello spirito di gruppo che si sono intraviste a Carpi.

Concediamoci ancora oggi per perdere un po’ di tempo in chiacchiere da bar, ma poi accettiamo tutti, ottimisti e pessimisti, il fatto che questi saremo almeno fino a gennaio e che questi ci rappresenteranno sui campi in giro per l’Italia. E’ arrivato il momento di indossare l’elmetto e la corazza e di combattere sportivamente parlando, remando tutti dalla stessa parte. In fin dei conti abbiamo detto che oggi, 1 settembre 2017, è il nostro vero capodanno, e il primo giorno dell’anno è consentito non fare nulla. Buon anno nuovo a tutti i tifosi del Novara Calcio e buon anno a te Novara Calcio. Divertiamoci tutti insieme.

Claudio Vannucci


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: