Analisi tecnica di Carpi Novara Analisi Tecnica

Partiamo innanzitutto da tre assunti :

1) se al posto di Corini oggi ci fosse stato Boscaglia lo avremmo massacrato come lo scorso anno a Chiavari quando ci presentò lo squalo del Balaton a centrocampo
2) Dei giocatori alti belli e biondi a centrocampo non ce ne facciamo un cazzo, soprattutto se giocano insieme
3) Fai pure tutti i cross che vuoi ma senza uno che la prenda di testa sei bello che ciulato

Fatte salve queste considerazioni, che lasciano il tempo che trovano, ora proviamo ad analizzare una partita che ci lascia l’amaro in bocca; non tanto per il risultato ma, soprattutto, per come non ce la siamo giocata.

L’infortunio di Tartaglia induce Corini a spostare Chiosa a destra per dare maggiore copertura a Di Mariano e, purtroppo, a mettere Troest al centro per consentire a Mantovani di proteggere Calderoni.
Se a questo aggiungi il fatto che Casarini non giocava in mezzo ( presumo per proteggerlo nei contrasti) ma a destra ti trovi con il corridoio centrale protetto da due gatti di marmo ( Troest e Ronaldo ) … e li capisci che la frittata l’hai già fatta.

La palla persa in occasione del loro gol è vero che arriva da un passaggio sbagliato di Calderoni ma, se guardiamo bene le immagini, vediamo che l’errore nel disimpegno nasce da Ronaldo che, invece di girarsi e ripartire, appoggia una palla molle indietro… qui abbiamo cominciato a non giocarcela.

Poi nella misera desolazione del primo tempo siamo stati assolutamente nulli nella fase di non possesso:
Orlandi ha vuoti di memoria sulla sua posizione in campo pari a quando io non mi ricordavo un cazzo se mi interrogavano di matematica.
Ronaldo deve dimenticarsi subito del nome che porta sulla maglia e capire che per fare un contrasto devi metterci piede, gamba e cuore.
I tre della difesa , visto comunque che giocavamo a cinque, dovrebbero essere più compatti altrimenti, come in più di un’occasione è capitato, corri il rischio che le figure di merda le faccia sempre Troest.

In attacco il trio del ballerini ( ci metto pure Di Mariano ) fino a quando danzerà in area senza capire che l’obiettivo è fare gol ci regalerà ben poche soddisfazioni.

Nel secondo tempo, obtorto collo, la musica è cambiata perché il Carpi aveva speso tutto quello che aveva da spendere ( il Carpi visto sabato è comunque una squadra modesta ) e perché , con l’uscita di Orlandi, Casarini è ritornato in una posizione centrale a fare da frangiflutti.

Abbiamo tanto criticato il 433 esaltando una formula più protettiva ma, visto quanto abbiamo profuso – anche se in maniera sterile – nel secondo tempo, quel 343 spurio visto nel finale di partita ( in realtà tutti gli schemi erano saltati ) ci ha reso un po’ meno amara questa giornata.

Abbiamo dei giovani ( Chaija, Da Cruz ) che certi moduli potranno interpretarli ( poi certo bisognerà valutare la loro propensione al sacrificio ); arriva Balzano che sarà una valida alternativa a destra e, forse potrà consentire a Dickmann di salire a centrocampo; arriverà qualcuno a centrocampo – come anticipato da Teti – e speriamo sia nero, piccolo e cattivo; rientrerà Maniero e forse, allora, tutti quei cross visti nel secondo tempo avranno un loro perché.
Soprattutto rientrerà Del Fabro ( secondo me la nostra vera eccellenza nel mercato estivo ) e vedremo chi, forse più di uno nel caso tornassimo a quattro, dovrà lasciare il campo per andare in panchina.

Tanti interrogativi insomma che, sino ad oggi, sono solo confortati dal fatto che quell’indurimento della mascella vista in Corini quando ci incontrammo, lo abbiamo visto in quasi tutti quelli in campo negli ultimi venti minuti.

Per il momento sembra che il gruppo ci sia, il gruppo è importante … ma non basta.

Siamo ancora in una fase assolutamente sperimentale con una serie di schemi e di automatismi assolutamente non ancora assimilati.

Tanto lavoro da fare, come per le altre peraltro, il campionato è lungo…. Ad oggi è la nostra unica consolazione .

Ciumi


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: