Rimaniamo in contatto

Racconti

Il Corini che non avete mai conosciuto ve lo spiego io.

Published

on

Devo ammettere che il prosciutto San Marcel servito con lo gnocco fritto e la burratina, gustata al Piazzano prima dell’incontro con Mister Corini, ha alzato l’asticella delle attese.
Beh, bisogna anche considerare che non capita spesso di incontrare l’allenatore della tua squadra in un momento della stagione in cui molta gente si appresta ad abbandonare una città surriscaldata da quel cazzo di anticiclone africano giunto da noi clandestinamente su uno dei tanti gommoni che attraccano nei nostri porti.
Quasi in riva all’Agogna, tra quell’ ipermercato di cui taccio il nome per evitare facili accuse di pubblicitá occulta, l’Esselunga, e la chiesetta della Madonna del Bosco, sorta per il volere di un soldato risparmiato alla morte durante la seconda guerra mondiale, questo Santuario mica ha preso questo nome cosí a caso.
Difatti proprio in quella zona, oggi spogliata dei suoi tratti essenziali, in quegli anni vegetava rigoglioso un bosco che offriva la sua ombra a un lungo tratto del torrente che poco sotto scorreva impetuoso, autoconvincendosi di assomigliare quasi a un fiume vero. Lo scorrere del tempo ha fatto si che il torrente rientrasse in classificazioni fluviali piú consone alla realtà, lasciando inalterato peró il numero delle zanzare, tante zanzare, alle quali ormai ci si rivolge dando loro del tu.
E qui, prima di render di conto riguardo l’incontro avvenuto giobia sera, peraltro ampiamente ed esaustivamente descritto negli articoli precedenti a questo dalle due autorevoli firme che qui sparano le loro minchiate, desidero raccontare quanto avvenuto esattamente l’anno scorso tra gli scaffali del limitrofo ipermercato Esselunga,
quando il predecessore dell’Eugenio, rispondendo a un mio timido e garbato saluto, iniziò ad avvitarsi in un pistolotto “tecnicomoraltattico” che neanche Vanovarava, Dado e Ste Glad, tutti e tre appassionatamente sul muro, sarebbero in grado lontanamente di proporre.
Dopo una decina abbondante di minuti, trascorsi tra l’incredulità mia e del povero Mattia Venturini, suo malgrado presente, proprio davanti al bancone del pesce, dove, inspiegabilmente i totani e i salmoni sul ghiaccio esposti se l’erano data a gambe, fui costretto a ricordare a quel Signore, maestro di saccenza e protagonismo,  che all’esterno dell’edificio che ci ospitava vi era scritto “Ipermercato Esselunga di corso Vercelli” e non “Centro tecnico Coverciano”.
Se questo breve preambolo, puro e casto nel suo candore, risultasse di non facile collocazione nell’ambito dell’incontro avvenuto, me lo passerete come buono rileggendo, appunto, i due precedenti articoli quivi pubblicati, dove per la prima volta le due autorevoli firme, in luogo delle solite cagate, hanno colto nel segno descrivendo alla perfezione ” l’ uomo Corini”.
Perché dell’allenatore, in fondo, non ce ne frega molto; se alla base dell’impianto c’è l’uomo vero, il resto, inevitabilmente, verrà da sè.
Però come in tutti gli articoli che rifiutano lo zerbino, qualche cosa di negativo è pure emerso, purtroppo: dopo quasi un mese di ritiro e di allenamenti, il Mister Eugenio ha ammesso di non conoscere cosa siano la fidighina e il salam dla duja, accennando appena un minimo sindacale di interesse riguardo al gorgonzola, a cui il traino della pallavolo ha consentito larga diffusione anche fuori dalla nostra provincia.
Stabiliamo subito un punto di partenza; il Gorgo rimane da solo uno dei formaggi migliori al mondo, la pallavolo a Novara senza il Gorgo non va da nessuna parte.
Passino dunque con benevolenza queste due gravi lacune in merito ai due salumi novaresi per eccellenza; non si può però essere clementi riguardo la totale ignoranza manifestata dall’ Eugenio riguardo la paniscia, nessuno d’altronde è perfetto, fatto salvo il suo predecessore, il quale si è ben guardato dal coniugare il valore culinario di questo piatto con il territorio, impegnato com’era a progettare vaccate che poi avrebbe tradotto in campo.
Ha promesso però di applicarsi, l’Eugenio, ha promesso di studiare, prima dei vari moduli, gli ingredienti necessari per cucinare il piatto principale della gastronomia novarese.
Anche perché a noi, e glielo abbiamo ribadito pubblicamente, dei moduli, delle tattiche, delle prossime e possibili formazioni, non ce ne frega una beata minchia, ma la paniscia no, su quella bisogna essere preparati.
Giunti a quel punto della chiacchierata non poteva mancare l’ultimo argomento del quale valesse la pena dibattere, ovvero il derby.
Ora, facendo ancora riferimento alla precedente conduzione tecnica, che di elementi discutibili ce ne ha offerti in quantità industriale e che i due ultimi incroci con i bicciolani cappellò con una disinvoltura che definire beffarda sarebbe riduttivo (soprattutto quello d’ andata), ho tentato di spiegare al Mister la differenza che esiste tra la nostra PANISCIA e la loro panissa…anche questo è un derby.
Forsa Nuara tüta la vita.
Nonnopipo

Novara perchè è la mia città, il Novara calcio perchè è la squadra della mia città, il dialetto perchè se il futuro è una porta il passato è la chiave per aprirla. Forsa Nuara tüta la vita.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Racconti

Fantaintervista al Pres. Ferranti

Published

on

NSN Buon giorno Signor Ferranti, sono Nonnopipo della redazione di Novara Siamo Noi, autore dialettale con delega alle cazzate come questa intervista. Innanzi tutto la ringrazio per non avermi mandato affanculo come occorso con qualche suo illustre predecessore.

F Buon giorno a lei … come ha detto che si chiama? Nonnopirippo? Ma che cavolo di nome è?!

Intanto lasci perdere le formalità e mi chiami pure Ingegnere

NSN D’ accordo Ingegner Ferranti, dunque, negli anni ’70 era abitudine che i giocatori del Novara entrassero in campo con una grossa scatola di Pavesini, i noti biscottini di Novara, e la ofrissero agli aversari di turno. È vero che dal prossimo campionato i nostri giocatori entreranno in campo con una forma ciascuno di gorgonzola, offerta dallo sponsor, omaggiandola ai giocatori rivali?

F. Allora, Nonno Filippo, si, è vero, penso che sia una buona iniziativa voluta dallo sponsor, anche se in confidenza, ma non lo scriva, quelle destinate agli avversari sono forme di seconda o terza scelta, come dire … un po’ come Marchionni, ecco!

NSN Gira voce che lei, in un anno di permanenza a Novara non abbia ancora avuto modo di gustare il piatto più rappresentativo della nostra zona, ovvero la paniscia, che sta ai novaresi come le cappelle a Donnarumma. Conferma questa mancanza giudicata abbastanza grave in città?

F Si è vero, ma devo dire che in tutti i ristoranti e trattorie a cui mi sono rivolto per poter gustare il vostro piatto simbolo, nessuno di questi, e ribadisco nessuno, ha accettato di inserire nel piatto lo zafferano e l’oss büs; in fund mi sun de Milàn! Lei Nonnop … vabbè lasciamo perdere, non conosce nessun posto dove fanno la paniscia alla milanese?

NSN  No Ingegnere, non ne conosco, ma chiederò al nostro Caporedattore il Vannu che della cucina Novaromilanese è un gallo. Piuttosto, riguardo il centro sportivo, della cui realizzazione si vocifera da qualche tempo in città, è in grado di fornire qualche anticipazione?

F Si Nonnopioppo, è ancora tutto in alto mare, ma qualche idea ce l’ho. Innanzi tutto urge trovare uno spazio adeguato, non esagerato come Novarello, ma un pezzo di territorio rapportato alle nostre esigenze, senza santuari, laghetti per nutrie e spa … ecco, e se “spa” deriva dalla contrazione latina Salus Per Aquam io vorrei differenziarmi e costruire una “spv” ovvero Salus Per Victoriae.

NSN Ora mi vedo costretto a porle una domanda un tantino scomoda: Non c’è dubbio che il DS Di Bari, da lei silurato come neanche un missile russo su un obiettivo a Mariupol, abbia costruito a tempo di record un’ ottima squadra, non oso immaginare quale trattamento avrebbe potuto riservare al Di Bari se i risultati fossero stati scadenti.

F Intanto lui non accettava che lo chiamassi Nicola, prerogativa tra l’altro formalizzata nel contratto che ho preteso in quanto sono un grande ammiratore del noto cantante. Quando però mi ha invitato a rivolgermi a lui chiamandolo AchilleLauro, non ci ho più visto e l’ho cacciato, proprio mentre dalla schiscèta stava mangiando la paniscia senza zafferano e oss büs: passi per l’ Achille, ma la paniscia senza quei due fondamentali ingredienti no, proprio non ce l’ho fatta.

NSN Sono filtrate indiscrezioni che la riconferma, con conseguente contratto professionistico, dei  cinque o sei giocatori della rosa attuale, sia avvenuta con un sorteggio pilotato attraverso la pesca dei numeri di maglia da un sacchetto contenente solo sei bigliettini. Possibile che nessuno se ne sia accorto?

F Senta Nonnopippa, ma secondo lei uno che ha fondato una ditta che si chiama “giocaonline” le pare che non sia in grado di fregare una ventina di giovanotti?!!

NSN Si, ma presenti all’estrazione non c’erano solo ragazzi di 17/18 anni, ma anche gente di una certa età come Pablo …

F Ma allora non ha capito na got!! Pablo era quello che estraeva i bigliettini, chiaro adesso?

NSN Ci parli allora del rapporto che ha con MDS

F MDS è un bravo ragazzo, anche se averci a che fare non è troppo simpatico, e giocarci insieme ancora meno. Pensi che una volta si è arrabbiato con me perchè non volevo giocare con le Barbie insieme a lui !! E porca miseria, me le spettina sempre tutte!! Così lo scorso Natale gli ho regalato la scatola dell’allegro chirurgo, chissà mai che torni utile in qualcuna delle sue cliniche.

NSN Con Zebi, dunque, è stato amore a prima vista?

F No, non è andata proprio così, mi creda Nonnopiapo. Dopo aver consultato attentamente l’oroscopo, non ho avuto dubbi : Questo qui mai e poi mai l’avrei assunto per fare il DS: uno nato sotto il segno dell’Acquario, per giunta ascendente Pesci e subascendente Cozza, avrebbe fatto acqua da tutte le parti. Poi però, ad una attenta analisi meno astroscientifica, ma dettata da una profonda analisi tecnica, ho pensato che il ragazzo è stato il primo e l’unico ad essere fatto fuori dal terone.

E quindi non ho esitato: Moreno DS subito.

NSN Dopo aver tremato per circa un lustro di estati, in cui il termine ”fidejussione” aveva il potere di terrorizzare e togliere letteralmente il fiato ai tifosi del Novara, venerdi 17 , che già di per sè porta sfiga, il segretario generale Andrea Martinuzzi ha consegnato in Lega C la fidejussione bancaria. Entro il 22 giugno dovrà seguire la documentazione completa. Se la sente di confermare  e tranquillizzare il popolo azzurro, che non ci saranno sorprese come capitato negli ultimi anni?

F Ho preparato personalmente tutta la documentazione richiesta e l’ho sistemata in una borsa gialla dell’ Esselunga unendovi una banconota da 50 euro per gasolio e autostrada e un paio di 10 euro per il Camogli in autogril.

NSN Ingegnere, mi scusi eh, ma con quello che costa il gasolio, ormai sopra i 2 euro al litro, la documentazione arriverà a malapena al casello di Bologna.

F  Ah si? ma costa così tanto il gasolio? Allora io ricorro al piano B. Adesso chiamo il Faranna e gli dico di radunare il suo gruppo e di partire per Firenze con la busta gialla e di fare una diretta della consegna su Radio Azzurra. Tanto è tutto l’anno che fanno le telecronache in giro per l’Italia a spese loro, una più una meno … Speriamo che non li fermi la Finanza come successe un paio di anni fa a l’ allora presidente Cianci, che se ben ricordo, mi pare di aver letto che la “documentazione” la teneva in una borsa della Coop. Ecco adesso sono tranquillo.

NSN Grazie Presidente per la chiacchierata la saluto e l’abbraccio

F Grazie a lei Nonnopoppo.

Nonnopipo   

Continua a leggere

Racconti

Per non dimenticare.

Published

on

Un pensier di dubbio atroce mi gira a zonzo pè lo capo

come può il guerriero indomito svanir nel nulla come uno svapo?

 

raccolti fummo dalla terziaria serie e dopo gli anni del Signore

portati nell’alto dè lo cielo a giocar di calcio co’ prestigio e onore

 

“Venghino Siori venghino” urlò a gran vosce il guerrier giostraro

che di giri ne garantisco sol’ uno e se va bene forse un paro

 

Finì co’ l “va de retro”, lo tentar de frequentà l’ azzurro cielo

che su lo esito finale mejo sarebbe stende un pietoso velo

 

Cuscì lo guerrier giostraro, dai cortigiani leccato ben il su culetto 

d’alterigia e rancor tronfio, a li sudditi tifosi meditò un dispetto

 

“me ne vado, mollo tutto, m’ avete rotto li cojoni

in fin dè conti la A v’ho dato e un par de promozioni”

 

si d’accordo, quella frase che la A v’ ho tolta e v’ ho da ridare

o suvvia se scherzava pè chiede scusa che v’ ho da fare?

 

Lo sapete, ce si conosce, certe vorte me va de fà ‘r bullo

pronta c’ ho una famigliola con a capo il Patron Rullo

 

che l’ha detto e confermato lui c’ ha sordi e patrimonio

che se disce una buggia che lo furmini il demonio

 

fu ‘osì che in un momento se ritrovò incenerito

che di sano nun c’aveva nè un capello e manco un dito

 

mentre il presidente Cianci assai serio ma non troppo

nella borsa della spesa ci trovarono il malloppo

 

tre soldini oh perbacco !! che vuoi mai che cosa sia

l’è la mancia della bibite che venduto ho a la mi zia

 

E per correre ai ripari e non trovasse impreparati

tra ‘na bionda e una mora sarta fori il Pavanati

 

che a dì er vero l’anno prima ce provò con il Pescara

e a cacciallo a carci ’n culo la citta fasceva a gara

 

E tra una fidejussione zozza e un credito di imposta

a finire in quarta serie pare l’abbian fatto apposta

 

Ma il destino l’ ha provato a riscrive un po’ la storia

e il passato è garantito rimarrà nella memoria

 

Stian bene tutti insieme tra le nutrie a Novarello

chi c’ ha il 20 oppure il trenta chi in culo c’ ha un ombrello

 

che in dialèt, a tüti tri, iv na disi vüna bèla …

andì insèma a da via ‘l cü … e se piova cun vèrt l’umbrèla

 

Nonnopipo

  

Continua a leggere

Racconti

Quel gran genio del mio amico

Published

on

Il mio amico è semplice, certe volte anche buono di carattere e ha un’ anima che si scrive con l’apostrofo.

Altruista di sicuro, ciula le banane al mercato come Benigni faceva nel film Johnny Stecchino, per darle ai bambini bisognosi.

Il mio amico è sterile perchè fino ad ora non ha mai messo incinta nessuna donna, il mio amico non ha mai avuto una donna da ingravidare, o molto piú semplicemente non ha mai avuto una donna.

Lui ama il calcio, anche se in teoria e secondo logica, il calcio lui lo dovrebbe odiare, avendo preso una valanga di calci in culo dalla vita.

Ma lui ama il calcio; è pure tifoso di una squadra, che per lui è una grande squadra e io ci credo, credo a lui, eccome se ci credo!

Il mio amico ha denti quadrati che lo rendono tanto simile a un castoro, forse perchè rosica, anche se un castoro che si rispetti e che ha tutte le carte in regola, nonchè “le physique du rôle”, non rosica ma rode.

Il mio amico discende da una nobile famiglia, difatti la sua stirpe vanta riscontri tangibili giá nella Roma imperiale, dove un Re di nome Erode, giù in medio oriente, fece una strage, mentre il suo amico Nerone erose una cittá intera giocando a quel gioco stupido in cui devi trovare una cosa nascosta: “acqua acqua fuocherello fuoco fuocone incendio. Ecco, appunto, incendio.

Quando vide bruciare Roma, l’amico di Erode, eroso e iroso per quanto successo alla sua Roma esclamó: ” se sono erose efioriranno”.

Non efiorì un bel niente e il mio amico non potè stendere un pietoso velo su questa storia avendo finito tutte le mollette.

Il mio amico è un gran genio, ma con un cacciavite in mano non sa fare un cazzo, il mio amico … che però ha pochi parenti e poche risorse, ma possiede tutte le vitamine che servono.

Il mio amico è gaio e ride sovente, anche quando la sua squadra perde lui ride, ma non recita, ride perchè è uno che pensa positivo perchè è vivo ed è un fan di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti. 

Ma i Cherubini, unitamente ai Serafini, sono angeli che disturbano la Santa Messa della domenica con quelle cazzo di trombe, che il prete, storno come la cavallina di Pascoli, nemmeno sente. Tutte le volte, sto povero diavolo di prete, spedisce delle lettere a tutti: ai Corinzi, ai Colossesi, ai Tessalonicesi … “ma chi cazzo sono i Tessalonicesi!!!”, si chiede il postino che deve consegnare tutte ste cazzo di lettere, e soprattutto in quale campionato giocano ste squadre!!!

Fatto sta che nessuno gli ha mai risposto, e il povero sacerdote, a giorni alterni, si reca nell’ufficio postale più vicino a spaccare i maroni alle impiegate che, quando lo vedono arrivare, indossano velocemente un grembiule e con la scopa in mano si trasformano in donne delle pulizie.

Parlando del mio amico in modo serio, devo ammettere che nel ruolo di tifoso di calcio lui è proprio bello, di un bello che lo ripaga di tutte le angherie che subisce, il mio amico è studiato, ma non sa fare le operazioni perchè non conosce le tabelline, peró è allegro di mattina.

Ed è un gran tifoso della sua squadra, della quale ha una grossa fotografia appesa nella sua camera, ma gli piace la montagna, quella impegnativa, mica quei sentierini appesi a un prato, lui ama la montagna quella vera, quella scolpita nella fatica e nel rischio di non riuscire ad andarci a letto.

Perchè la montagna è un’amante, punto e basta.

Poi al mio amico ci piace il calcio, e va alla partita.

Il mio amico ha la lingua trasparente e il naso sempre umido, quando assiste alla partita, il mio amico.

Ma quando la palla entra nella storia dopo aver superato la speranza bianca di gesso, lui accende gli occhi cisposi con un interruttore che custodisce nella tasca bucata dei pantaloni.

Esulta come tutti gli altri, proprio come quelli che vivono in una altra arena.

Lui è tifoso del Novara, ma anche dell’Olbia e del Torino, e perfino della Gionzanese che non è mai esistita, e ultimamente anche del Rimini; si anche loro hanno bisogno del tifo del mio amico, che però non ama il mare perchè, dice, è egoista e nasconde sottacqua tutto quello di cui dispone e ti offre una sola alba e un solo tramonto al giorno, sto tirchione, ma mai e poi mai tiferà la Pro Vercelli, l’Alessandria, il Varese, la Folgore Caratese di proprietà del vil lebbroso.

Il mio amico mi ha detto che odia la politica, quella dei telegiornali e dei talc sciò, perchè la politica attiva lui la fa tutti i giorni, da quando prende il caffè appena alzatosi, fino al momento di spegnere la luce prima di dormire, lui è un gran politico, figlio di gran politici, tanti politici, solo politici, politici dappertutto. Vitalizi rubati.

Ma lui è tifoso del Novara, prima quello di prima e adesso quello di adesso, e quando va allo stadio sta in piedi in curva al centro di essa e urla, canta, sventola persino una bandiera in cui è raffigurato un grande giocatore del passato, ma lo trovi contemporaneamente anche in rettilineo dove protesta e insulta il guardalinee, e addirittura nei distinti dove peró sta sempre tranquillo. In tribuna no, non lo potrai mai trovare perchè a lui non piace scorreggiare sui seggiolini.

Il mio amico sogna sempre in bianco e nero, ma lo sfondo della scena è sempre colorato d’azzurro, perchè questo è il suo colore preferito, anche se il rosso, che è sempre stato nel suo cuore, è un altro sogno che si è arreso.

E mentre il mio amico era in coda per ricevere un sorriso, con il volto dipinto da uno sguardo senza peso, ha raccontato al vento la sua storia, e io l’ho regalata a pagamento a voi.

Forsa Nuara tüta la vita

Nonnopipo

Continua a leggere

Telegram

Facebook

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: