La terra dei cachi Uncategorized

Boscaglia sì, Boscaglia no, se famo du spaghi

La presenza di Boscaglia nell’organico del Novara Calcio è stata controversa sin dall’inizio ( ricordate? Firma per il Benevento, no firma per il Novara).

Un uomo che io ho personalmente bollato come incapace nella prima parte della stagione e che, piano piano, dal mese di febbraio ho parzialmente riabilitato convinto (come è successo ) che avesse compattato un gruppo che ci avrebbe comunque portato alla salvezza.

Ed ecco che, in concomitanza con la chiusura del campionato, si apre la discussione sulla sua riconferma….. riconferma de che????

Partiamo da un assunto: Boscaglia é arrivato al Novara come una di quelle scopate di ripiego … quella sera quella bionda con le tette dure non te l’aveva mollata e allora “qualcuno dovrò pur portarmi a casa…” avrà pensato quel genio “diversamente accigliato” del nostro direttore sportivo.
Poi si è accorto che ne ha portata a casa una permalosa, oltre che cessa, che, oltre a non andare d’accordo col vicinato, s’e pure messa in testa di comandare nello spogliatoio… ma era un’idea che si era fatta lei.

Da qui parte tutto, da qui parte il “non amore” di una piazza per un allenatore ( che nelle ultime giornate m’ha fatto pure tenerezza ) che non è riuscito, in dieci mesi, a trasmettere una minima emozione … fuori e dentro il campo.

Boscaglia non è un incapace ma un mediocre … abbozzolato nel suo credo di piccoli passaggi trasversali, di un dominio di palla sterile ed improduttivo, di un’impostazione di gioco dove se non hai Baresi lo hai già preso nel culo prima di cominciare.

Sì certo sono i giocatori che fanno la qualità…. “Cosa ne può Boscaglia se Troest ha due ferri da stiro, se non ha una punta cattiva, se quando si guarda indietro in panchina si mette le mani nei capelli?” .. l’esercito ( qui si tratta di un esercito e non di un plotone o di una brigata ) dei proni ha già levato i suoi scudi a difesa di qualcosa che è indifendibile.

Ma tenere in piedi uno spogliatoio? Ma plasmare una squadra senza metterci cinque mesi? Ma rinunciare al trequartista per un centrocampo più compatto? … dove cazzo sono i proni quando si sarebbero dovuti discutere questi argomenti ?

Ma i proni, si sa, sono proni … proni di nascita. La paura di dover impostare una nuova stagione ricominciando da capo li terrorizza … ma vi terrorizza de che?

Io sarei più terrorizzato di ricominciare una stagione da un direttore sportivo che, avrà pure azzeccato qualche mossa, ma quando si è mosso al di fuori dalle sue conoscenze ci ha portato le più grandi ceppe di minchia che abbiamo mai visto … sempre che quelle non fossero le sue vere conoscenze …. vedi Rodriguez.

Io sarei piu terrorizzato di ricominciare una stagione da un direttore sportivo che, a partire da febbraio, è letteralmente sparito ( ma qui penso sia subentrata la personalità di MDS che gli ha detto : fatti da parte ) pensando più al risvoltino degli suoi pantaloni che alla compattezza della squadra.

Io sarei più terrorizzato di ricominciare una stagione da un direttore generale che ha la spina dorsale come quella di un anfibio e che non ha mai avuto i coglioni per prendere una posizione nemmeno quando una parte della tifoseria veniva massacrata dagli organi giudiziari.

Questo mi preoccupa e, nonostante tutto, meno male che la personalità di De Salvo sopperisce a questo esercito di amebe lasciandoci la certezza di ricominciare, magari da zero, ma con linfa vitale nuova.

Che Boscaglia parta pure, che partano pure anche Teti e Morganti … che partano per lasciare il posto a gente competente, che sappia riorganizzare una società dalle fondamenta dandogli quella impronta di fermezza e competenza che da troppo tempo non vediamo.

E che arrivi qualcuno che, indipendentemente dai risultati, ci sappia regalare quelle emozioni, che ci sappia scaldare i cuori … perché questo noi chiediamo … solo questo.

Ciumi


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: