Rimaniamo in contatto

Editoriale

Grazia, Graziella e Grazie al cazzo

Published

on

Una delle cose più difficili da capire per un tifoso è riuscire ad identificare dove la sua squadra, più o meno inconsciamente, ha fissato quella linea di demarcazione tra il non volere compiere una determinata prestazione e il non riuscire proprio a farla, a prescindere dal risultato e dalle speranze personali, perché spesso è davvero così sottile da risultare impercettibile. Nel corso di queste settimane il dibattito che si è sviluppato nella tifoseria di fatto è stato proprio su questo argomento, ovvero “ci credono o non ci credono”, che nient’altro è che il capire dove il Novara si è fissato questa famosa linea di demarcazione cui ho appena fatto riferimento e che una prestazione come quella di ieri sera a Vicenza fa purtroppo propendere per una ovvia e secca risposta.

Parto dal mio punto di partenza personale, ovvero che il Novara fosse salvo ben prima di quella soglia psicologica dei 50 punti tanto reclamata ed ambita da tutto l’ambiente, e che, giusto o sbagliato che sia ma è la mia opinione, l’aver ripetuto in loop come l’obiettivo fosse raggiungerla non ha fatto bene a nessuno, se non forse solo a quella fetta di tifosi seriamente preoccupata ed impaurita per una improbabile retrocessione. Chiunque è abituato a lavorare, e soprattutto ad essere remunerato in base ad obiettivi, sa perfettamente come il datore di lavoro sia solito a stabilire budget crescenti, il più dei quali irraggiungibili, ma che ne fissi un paio più credibili e coerenti coi quali il lavoratore si misurerà e verrà valutato. La contraddizione di fondo di questo Novara, quasi mai percepito dalla tifoseria, è stato a mio avviso quello di aver fissato diversi obiettivi reali (ovvero a contratto) ragionando in termini di playoff e di averne però dichiarati altri a voce, parlando alla pancia della gente, in termini di salvezza. Se è vero che la cosa ha una sua logica nel senso che ha evitato di creare aspettative troppo elevate, la strategia ha però avuto un caro costo da pagare perché ha di fatto contribuito a far emergere quella che chiamo “la sindrome da pompieri”, cioè il verificarsi di una costante situazione in cui l’ambiente tutto ha sempre gettato acqua sul fuoco degli entusiasmi, della tensione positiva, di quella fame invece di soffiarci sopra o addirittura inondarla di benzina, per mantenerla viva e forte. E non dico questo perché sono un visionario, ma semplicemente perché nel corso della stagione ho avuto la possibilità di parlare fuori dal contesto partita con diversi giocatori e ho capito che “il dobbiamo solo salvarci” fosse un obiettivo falso, che non fosse tra le opzioni possibili se non alla voce “grazie al cazzo”, visto che ci mancherebbe pure che lottassimo per retrocedere. La conferma arriva sentendo le opinioni dei non novaresi sulla nostra squadra, dove tantissimi concordano sul fatto che, sulla carta ovviamente, veniamo percepiti come una realtà che avrebbe dovuto stare più su. E se è vero che loro parlano per astratto senza conoscerci e vederci quotidianamente, è altresì vero che non sempre gli altri son tutti dei coglioni e la verità ce l’abbiamo solo noi.

Eppure a Novara è sembrato reato provare a ragionare in grande, provare a far capire che questa squadra, pur senza parlare di serie A, potesse provare a raggiungere i playoff, per regalarsi questa soddisfazione e regalarla alla piazza, ma soprattutto per stabilizzarsi in posizioni di classifica che è vero non sono dovute, ma che sono proprio quelle che costruiscono nell’immagine della gente e non solo, la dimensione della tua squadra. In serie B è pieno di squadre di merda, ma ce ne sono alcune che pur non vincendo mai bene o male arrivano sempre sù (vedi lo Spezia) ed altre che non vincono mai ma che, gira e rigira, fanno sempre e solo cagare (vedi Ternana). La differenza è che chi fa sempre cagare alla lunga trova l’anno che lo fa ancora di più e rischia grosso. A Novara no, sembra che si goda nell’adeguarsi all’obiettivo “grazie al cazzo”, che ci si trovi bene in quel 6 politico, talvolta accompagnato da un – – (meno meno) altre da un + (più), che ti consente comunque di fare le vacanze estive in piscina senza studiare. Senza capire che il mantenere sulle corde i giocatori e spingerli a cercare di superarsi, mette tensione e pressione solo ai senza palle, perché ai vincenti fa solo bene. Da sempre.

E allora festeggiamo il raggiungimento dei 50 punti, perché GRAZIE AL CAZZO ci mancherebbe pure non essere felici o pretendere altro, però vorrei solo mi spiegassero, dal primo tifoso con cariche dirigenziali all’ultimo dei pirla che tifa novara, cosa concretamente intendessero dire con la frase “raggiungiamo i 50 punti e poi divertiamoci”, perché mi sa che non l’ho capita proprio bene. Intendevano dire che raggiunta la salvezza si potesse festeggiare a suon di shortini allo 049 (zero quarantanove), oppure lap dance e dollarini finti con strusciata di mano infrachiappa del puttanone di turno, o anche giochiamo sciolti e rilassati e proviamo a conquistarci sul campo qualcosa di piu? No perché, scusate se mi permetto di farlo notare, forse abbiamo un tantino esagerato sul concetto di sciolti e rilassati in campo. E per favore, l’alibi della stanchezza, delle troppe partite ravvicinate e della secchezza delle fauci, cose ovvie come il fatto che a Maggio c’è da fare il 730, diciamole sì ma magari senza urlare, visto che valgono per tutti.

Comunque va bene così. Saremo ancora in B (a proposito, fatemi fare del gratuito terrorismo rivolto a tutti voi precisini che la menate sulla salvezza da mesi, la matematica dice che non siamo ancora salvi, tiè!) e per Novara è la cosa che conta. Mi sia però concessa quella delusione dopo aver assistito ad un’ennesima prestazione al limite dell’imbarazzante, dove anche chi rifiuta a livello concettuale di credere al marcio viene messo a dura prova, e di prendere le distanze da chi ha paura di pensare in grande e di crederci per il raggiungimento di un qualcosa anche di oggettivamente più grande di noi. In fin dei conti è una questione di come si guarda alla vita: io sono della corrente di pensiero che è meglio fare all’amore con la Grazia e la Graziella, voi probabilmente col Grazie al cazzo. Viviamo entrambi bene. Forse.

Claudio Vannucci

Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Editoriale

La condanna dello stop loss

Published

on

By

In questo momento ci sono due atteggiamenti: pensare che chi scrive certe cose si stia facendo solo seghe mentali oppure pensare che se si scrivono certe cose forse è proprio perché c’è poco da farsele. Detto questo, difficile dire oggi se ci siamo nuovamente dentro, ma certamente ci siamo ancora una volta schiantati contro il muro della “condanna dello stop loss”. Che cos’è lo stop loss? E’ un termine finanziario che identifica il livello di perdita massima cui un investitore decide di fissare nei suoi programmi di investimento. Investe soldi, se guadagna bene, se invece perde accetta di farlo fino a quel preciso livello. Toccato il quale non c’è Cristo che tenga, scrupolo, paura o ragionamento ma vende e basta. Come dicevo difficile prevedere oggi il futuro del Novara, ma quello che è certo è che Ferranti ha fatto scattare lo stop loss. Questo ragionevolmente può portare solo a 2 scenari: trovare in poco tempo un acquirente/socio importante che integri il capitale oppure non iscriverci. La terza ipotesi, quella del ridimensionamento o “squadra di giovani” non è fattibile proprio per il principio stesso dello stop loss. Faccio riferimento a questo articolo del Depa in cui mostra la situazione contrattuale per dire che oggi il Novara FC ha 14 contratti in essere già per la stagione 2023/2024. Quindi stipendi da onorare. Il che significa che anche completando la rosa con “giovani” o “pippe di basso costo” vorrebbe dire comunque ampliare la voragine dei costi e, quasi certamente, aumentare la perdita di Ferranti. Perché o si riesce a venderli tutti (con Pavanati non è stata fatta nessuna cessione, si sono svincolati post esclusione) e rimpiazzarli con giovani (che non abbiamo non avendo una vera filiera giovanile), oppure non ci sono alternative all’onorare i contratti che evidentemente farebbero sforare il livello di perdita massima definito.

Diciamo che i nodi stanno venendo al pettine, peraltro tutti nodi evidenziati nei nostri scritti: compagni di avventura non sempre efficienti, consiglieri non sempre bravi a consigliare, proprietà non sempre umile da ascoltare quelli che invece qualcosa di sensato gliel’avevano suggerito, ma soprattutto un Patron che ad oggi non investe nel Novara FC guadagni attuali derivanti dalla sua attività imprenditoriale bensì utilizza per il calcio solo patrimonio personale. E quindi lo erode. Il Novara FC, in mancanza di ingresso di nuovi Soci o di cessione totale, non può avere futuro a meno che Ferranti stesso non decida negli anni di dilapidare il proprio patrimonio personale. E’ inutile girarci intorno: il fine del Novara FC è stato speculativo, con importante investimento di capitali (non meno di 7 mln in due anni) e progetto di scalata in serie B immediata con successiva cessione dell’asset in plusvalenza. Il programma è andato per il verso giusto il primo anno, il secondo è andato a puttane. E scatta lo stop loss. A questo punto accetto di essere tacciato per quello che si fa le seghe mentali, ma il fatto descritto rimane.

Ora possiamo prendercela con Ferranti (che ha colpe perché anche lui evidentemente ha speculato sulla nostra passione/ragione di vita), possiamo prendercela con l’imprenditoria novarese che ha sostenuto in maniera limitata (anche se non è del tutto vero), possiamo prendercela con la città che non è interessata. Tutte cose in parte vere. La verità, che in un certo senso avevamo toccato anche con MDS con qualche differenza (molte differenze dal punto di vista dei risultati), è che siamo nuovamente vittime dello stop loss. Che cosa può succedere oggi? Ferranti a quanto so sta molto male proprio perché comprende perfettamente gli impatti sociali di un eventuale non iscrizione. Non escludo che ci iscriva e in qualche modo si affronti il prossimo campionato. Andrebbe bene? Andrebbe bene nella misura in cui siamo disposti ad accettare l’accanimento terapeutico. Perché immaginando che non sia cosi pazzo da distruggere il suo patrimonio per regalarci 40 partite all’anno (e immaginando non abbia lui una famiglia che glielo permetterebbe), l’amara realtà è che ad oggi il nostro Novara FC non ha futuro. O nuovi soci o morte.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Falsi storici ed altri luoghi comuni sui giovani

Published

on

By

Sgombriamo il campo da ogni equivoco: una Società di serie C che cura la sostenibilità nel tempo non può prescindere da un giusto numero di giovani e, soprattutto, da un adeguato settore giovanile con appropriata rete di scouting. Ferranti non vuole investire nel settore giovanile non perché sia scemo, ma semplicemente per il fatto che la sua figura, nella sua testa, è a termine. Nel senso che è lui stesso il primo che non crede ad una sua permanenza nel medio lungo termine. E condizione necessaria e sufficiente per investire in un settore giovanile serio è evidentemente avere programmazione nel lungo termine. E’ chiaro che il settore giovanile può portare benefici ma solo dopo anni di lavoro, di sbagli, di illusioni e soprattutto dopo parecchi soldi investiti. Sfido chiunque di voi fosse chiamato a “scommettere” di suoi soldi 6 milioni in 2 anni con l’obiettivo di crescita nella prima squadra per potenziale rivendita, a buttarne la metà su quindicenni. Dai non prendiamoci in giro. Posto quindi che potremo parlare serenamente  di Novara FC solo in una situazione in cui davvero si partirà con investimenti dalle fondamenta, dobbiamo per forza di cose vivere alla giornata e fare di necessità virtù. Ed è qui che trovo errata, e in un certo senso pericolosa, quella visione molto in voga in parte della tifoseria in base alla quale bisogna fare una squadra di giovani. Provo ad argomentare.

Partiamo da questo campionato. Abbiamo 3 esempi in 3 gironi diversi di squadre che, insieme a noi, hanno vinto (e bene) il rispettivo girone di serie D della scorsa stagione, e che in serie C, pur con differenze e sfumature diverse, hanno confermato il blocco vincente pieno di giovani: San Giuliano Milanese (onestà intellettuale impone però di dire che hanno perso l’attaccante più forte), San Donato Tavernelle e Gelbison. Tutte e 3 poi retrocesse. Questo fatto (non opinione ma fatto) basterebbe già a far scattare almeno qualche dubbio circa l’associazione “piuttosto che investire in scarponi arrivati e poco motivati meglio tenersi i giovani che danno l’anima”, semplicemente per il fatto che, in termini assoluti, questa cosa non è vera. O meglio, può essere vera nella misura in cui oltre a tanta motivazione e voglia ci siano in questi giovani solide basi tecniche, altrimenti il rischio esponenziale è elevatissimo. Aggiungo: se accettiamo invece di giocarcela con un gruppo di giovani motivato, allora penso (cosa ai più non chiara) come questa strategia necessiti di una competenza alla base clamorosamente superiore rispetto a quella richiesta ad un team tecnico “normale” predisposto a riempire la rosa di mestieranti di categoria. Perché da queste figure sai che cosa ti puoi aspettare, sai che sono abituate alla categoria, sai pregi e difetti che ovviamente vanno gestiti da un allenatore con adeguata esperienza e carisma. L’errore di base, in mancanza di settore giovanile, è dire “non ho soldi, non ho DS bravi allora me la gioco coi giovani” proprio quando paradossalmente per fare seriamente questo servono davvero DS di quelli bravi!! L’errore di fondo di questa stagione è l’aver valutato certe figure e giocatori con gli occhi del tifoso che pensava di vincere il campionato in un contesto di solidità Societaria proiettata nel futuro. Lo so che è difficile, ma immaginate ora di ritornare a luglio dello scorso anno con un Ferranti che, invece di parlare di B, avesse messo in guardia tutti circa il budget ridotto e volontà di trovare soci/cedere. Siamo certi che avremmo dato gli stessi identici giudizi dati a taluni? La nostra rosa era concettualmente perfetta per un campionato tranquillo volto al mantenimento della categoria e, magari, qualche sogno di giocarcela. Mi spiegate perché se viene posto questo obiettivo adesso vanno bene i giovani?

Sempre sullo stesso tema, non so per quale motivo c’è una sfalsata visione dell’operato del Joe, ancora in cima ai pensieri di tanti tifosi. Banchieri fece benissimo da allenatore delle giovanili, e fino a qui parliamo sempre di fatti e non opinioni. Quello su cui non concordo assolutamente, è l’associazione “Banchieri ha fatto bene da noi con una squadra di giovani, adesso che faremo una squadra di giovani partiamo da lui”. A prescindere dal fatto che con la salvezza della Vis Pesaro ha ottenuto il rinnovo automatico, Banchieri in C ha avuto due squadre piene di giocatori navigati di categoria, altroché giovani! In alcuni casi si è trattato di bolliti in altri di ottimi giocatori nel pieno della carriera. E tra i giovani ha avuto figure come Collodel, Cagnano e Cassandro che erano giocatori già avviati. Come contorno poi ha avuto (con merito di contribuire al lancio e crescita, ci mancherebbe) per esempio i vari Bellich (e si ritorna all’importanza del vivaio) e Barbieri. Ma in quella squadra avevamo un Buba al Top, un Pablo, un Lanini, un Rossetti, un Malotti, uno Sbraga, un Bianchi, un Lanni ecc. ecc. Affidargli una squadra giovane in C rappresenterebbe un’enorme incognita, con tutto il rispetto per lui e il suo lavoro. Non capisco davvero come non si possa vedere questo pericolo. Cito un altro esempio: il tanto rimpianto nei momenti di massima critica Paglino. Giovane promettente da noi in serie D, dove ha giocato anche in questa stagione con la Casertana collezionando 24 presenze e, a quanto mi è stato raccontato, complessivamente inferiore alle attese. In base a cosa avrebbe giganteggiato sulla fascia in serie C non è dato a sapere, se non con la speranza e il ricordo di quanto visto in categoria inferiore da noi.

Tutto questo per dire che non ho chiusure preconcettuali sui giovani. Vorrei solo aprire un po’ gli occhi e mettere in guardia dal rischio di stagioni composte prevalentemente da giovani. Per una stagione che va bene potenzialmente ne hai 10 con grossi problemi. Siamo certi che oggi il Novara FC ha al suo interno figure apicali in grado di costruirci una squadra di giovani e salvare la pelle?

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Tra il dire e il fare c’è di mezzo “e il”

Published

on

By

Mi inserisco nella riflessione pubblicata prima dal Depa per aggiungere sul tavolo altri elementi di discussione. Il suo ragionamento circa appunto il non essere per forza di cose condizione sufficiente per vincere quella di buttarci tanti soldi, si può proprio riassumere nel titolo di questo editoriale: “tra il dire e il fare c’è di mezzo e il”. Metto tanti soldi (teoria), non è detto che vinco (pratica). Ecco, Ferranti è vittima di tanti altri “e il”. In questo momento sta parlando poco, ma immagino che a breve sarà un fiume in piena. Si è preso anche tanta merda addosso, alcuna giustamente ma altra talvolta gratuita, perché penso che non tutti i tifosi sappiano che la pensa esattamente come loro. Faccio un esempio: in tanti post Verona (io compreso) di getto hanno detto: “questi giocatori non si meritano un cazzo, fossi Ferranti li obbligherei a stare a Novarello fino al 30 giungo (data di fine contratti/stagione)”. Bene, il Pres è talmente incazzato che lo vorrebbe fare, ma appunto si deve scontrare con la realtà delle cose che spesso è molto differente da ciò che si possa pensare, auspicare o ambire. Cosa voglio dire? Che nella teoria è vero che ogni calciatore è vincolato sino al 30 giugno, ma nella pratica può succedere che l’Assocalciatori (il Sindacato dei calciatori), se apprende che suoi tesserati si devono addirittura allenare per settimane a stagione conclusa, ti possa pure citare per mobbing o qualsiasi altra accusa, nei fatti infondata, ma che davanti ad un eventuale arbitrato chissà se venga vista davvero così infondata. Così come è vero che ogni calciatore è vincolato sino al 30 giugno, ma ha diritto a 10 giorni continuativi di ferie a partire dal 1 luglio e mi pare 20 giorni continuativi, quindi se vuoi ripartire più o meno a metà luglio non puoi tenere nessuno fino al 30 giugno.

Tanti altri tifosi (io compreso) hanno poi detto “tizio e caio non devono più far piede a Novarello“, altri ancora “caio e sempronio non possono far parte del progetto e devono trovarsi altra sistemazione”. Nella teoria funziona che il Pres e il Ds convochino questi giocatori/allenatori insieme al Procuratore per comunicargli l’addio, nella pratica trovano gente che mettono le radici. E non importa se nella vita professionale del Pres si sia già trovato mille volte con professionisti assunti e poi licenziati nelle sue aziende senza problemi, perché il calcio sappiamo tutti vivere di regole proprie, e con qualsiasi moral suasion possibile e impossibile finisce che questi personaggi ci si puliscono il culo in assenza di cash vero sul tavolo. Vero che ogni contratto è stato di base validato da Ferranti ed ora son tutti cazzi suoi, però questo è il tipico discorso col senno di poi da tifosi incazzati, delusi e frustrati. Come detto dal Depa se vuoi gente che pensi essere forte o che lo è davvero, la devi pagare.

In teoria puoi essere certo che quando ti insedi in città l’imprenditoria novarese ti circonda e magari ti promette mari e monti, ma nella pratica poi chi ha soldi veri a Novara stringi stringi ti da molto meno rispetto a quanto pensavi. Con aggravante  che pure tanti sponsor trovati al ritorno in C di fatto abbiano sponsorizzato mediante offerta di servizi (e non cash vero), o di fatto si siano solo ripagati (o poco più) il costo delle loro tessere in tribuna. E tutti i voli pindarici fatti da Ferranti finiscono al primo albero incontrato dove si è subito sbattuto in pieno. Così come la teoria di creare una Società pulita da zero, investirci X soldi, e in due anni rivenderla in serie B con grossa plusvalenza può naufragare nella pratica quando il piano non va nei versi sperati. Mai sperare su soldi di altri, bisogna sempre ragionare solo sul proprio!

Potrei andare avanti, ma credo aver trasmesso il senso di ciò che voglio dire. Ferranti è la prima vittima del “tra il dire e il fare c’è di mezzo e il”. Vedremo come ne uscirà da tutta queste serie di “e il” cui dovrà far fronte a partire da queste ore, ma scommetterei la quarta palla di Faranna che ne uscirà solo con bonifici o assegni. E poi col restante (se rimane qualcosa) ripartire. Sono molto dubbioso e timoroso sul nostro futuro, più nel medio che nel breve termine. Mi auguro che il Pres abbia ben compreso quello che a mio avviso rappresenta il vero insegnamento di questa stagione: fondamentale circondarsi di gente che sia capace di farti vedere gli “e il” in prospettiva. Posto però essere capace di ascoltarli, soprattutto quando ti dicono qualcosa che non vuoi sentirti dire. Cosa che non sono così certo lui sia capace di fare.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: