Meglio restare soloni Uncategorized

Un paio di anni fa un decina di noi, anziani, egocentrici, sognatori ma senza peli sulla lingua, si azzardò a commissionare un libro che fissava, con occhi disincantati, gli anni che segnarono i passi del Novara. L’azzardo fu quello di titolarlo “la maglia è nostra e ve la prestiamo solo per giocare” …. una presunzione nel pensiero di molti che sfociò, nella definizione da parte di qualche pirla ( uno in particolare ), nei “soloni della maglia” … definizione della quale, a dispetto di tutti, andiamo particolarmente fieri.
” ma come ? La maglia é nostra? … e i giocatori che la indossano ? “ … un esercito ( beh dai esercito è esagerato, diciamo una brigata, no forse meglio un plotone ) di accoliti radical chic, quelli che se la suonano e se la cantano dal loro posticino privilegiato di osservatori collusi disquisì, molto poco per la verità, sul fatto che i giocatori erano importanti, che qualcuno di loro in particolar modo per quella maglia era stato determinante.
Siccome questo plotone del Novara ha ricordi minimi, per qualcuno di venti anni, per qualcuno di cinque o sei, l’esempio, invece di essere legato a personaggi che hanno fatto veramente la storia, si limitò a prendere un esempio in particolare : il cartero di Tandil … Pablo Gonzalez.

Da qui inizia una storia che poi si trasforma, il 12 luglio 2016, nel sacrificio di questo uomo per la giusta e doverosa sopravvivenza della nostra squadra nei palcoscenici che contano.
( preciso, per dovere di cronaca, che io ritengo assolutamente giusta la scelta della dirigenza del Novara nei fatti ma la ritengo assolutamente meschina nei modi… soprattutto quelli successivi alla sua dipartita … ma tant’è)

Tutto nella norma direi, vendere o acquistare un giocatore è nelle regole del calcio e, soprattutto, ribadisco che “la maglia è nostra e conta solo quella”.

Ma contestualmente si accese un dibattito, poi velatamente sopito nel corso dei mesi, dove scene di disperazione da una parte, incazzature ( sempre dalla stessa parte ) venivano contrastate da plotoni diversi (che riunitisi diventarono brigate) a salvaguardia del sacro fuoco societario: giù le mani dal Novara e da ciò che il Novara decide … con qualche imboccatura forse, perché stranamente, queste prese di posizione a difesa erano state anticipate con uscite mirate su social, media, etc, sullo scandalo dello stipendio di Gonzalez ( notate che bravo a mettere la z finale per due volte di fila) quasi ad anticipare, o a preparare il terreno, a quella che poi sarebbe diventata la scelta finale: Gonzalez diventa gonzalex e va ad Alessandria.

Tutto qui? Sì, sarebbe tutto qui se non per il fatto che, contro ogni pronostico, gli odiati grigi qualche giorno fa sono stati sorpassati in classifica dagli altrettanto odiati pigiamati: la cremonese.

Ed ecco che come per magia quella brace che sembrava spenta da tempo ha iniziato, con questo colpo di vento, a ritornare fuoco e ad alimentare nuovamente una discussione della quale, sinceramente, non ci può interessare una beata minchia.

Non ci può interessare una beata minchia se non fossero apparsi, all’unisono, sui social e sul muro, messaggi dove, come dice quel solone nonnopippocentrico di Maurizio Sguaita, ” i sassolini sono diventati cave …”
Il mio “andiamo giù secchi” ( assolutamente peraltro non legato alla partenza di Pablo ma alla coglionaggine di Napoleone in un certo periodo dell’anno) viene preso ad esempio;
La filosofia “minchio zen” del Vannu viene derisa in più di un occasione sui media “perché questa squadra emoziona eccheccazzo e come fa certa gente a non capirlo”
Insomma soloni eravamo e soloni siamo rimasti.

Sia ben chiaro: le opinioni vanno rispettate sempre, anche quelle meno articolate e legate alle emozioni del momento…

Mi fa strano però notare, come già ampiamente successo in passato, che, con cadenza unisona vengano lanciati messaggi da parti diverse ma accomunate dal loro ruolo all’interno di questa comunità; e soprattutto mi disturbano le implicazioni deontologiche di un progressivo e ostentato abbandono della distinzione fra fatti e opinione a favore di una partigianeria sempre più indirizzata verso il binario societario.

…. Meglio restare Soloni.

Ciumi


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: