Rimaniamo in contatto

Editoriale

La filosofia Minchio Zen

Published

on

Ragionavo martedì scorso sul pullmino per Ferrara sul fatto che noi tifosi del Novara, o comunque una buona parte di noi, con la scusa di caricarci prima di un incontro tendiamo a crearci dei dualismi e degli antagonismi con alcune tifoserie avversarie che non hanno motivo di esistere, o al limite ne esasperiamo altre esistenti, quasi per sentirci più forti e in qualche modo auto restituirci quella percezione di importanza che troppi anni in categorie infime ci hanno negato. Ne cito una abbastanza recente, quella contro il Toro nell’anno della promozione in A, in cui la classifica ci ha visto competere con i granata quasi fino alla fine, e questo ci ha portato inconsciamente a vedere la loro tifoseria al pari di quelle della Pro Vercelli o dell’Alessandria, vere e storiche “nemiche” sugli spalti. Non si tratta di sboroneria, perché in realtà è un vero processo automatico che può scattare nella testa di chi vuole misurarsi contro realtà più grosse e non vuole partire sconfitto in partenza nonostante un gap oggettivo, di forza, numeri e fama. A livello personale posso dire che ho trovato sempre riscontro a questa teoria tutte le volte che abbiamo giocato contro l’Hellas Verona. Se il rispetto che provo per la loro tifoseria mi ha portato a non considerarli mai veri rivali di tifo (e questo, sia chiaro, non significa che mi sia mai messo a novanta quando li abbiamo incontrati, anzi) diversamente è successo sul piano tecnico, quando ho cercato e trovato sempre un bersaglio grosso da sfidare: ovviamente parlo di Pazzini.

Le volte che lo abbiamo incrociato sono state poche, ma tutte queste volte (3 a memoria prima di ieri ma magari sono di più) il ragazzo è stato la star degli avversari. Due volte da interista e una (due con ieri) da veronese finite tutte per lui molto male. Credo che nella sua carriera gli ultimi che abbia mai potuto considerare avversari siamo stati noi del Novara fatto sta che, prima di ieri, ho pensato nella mia testa che il Novara per lui potesse rappresentare quello che la Nazionale Italiana ha rappresentato per quella tedesca. Grandi sconfitte. Ma siccome esiste una stronzissima legge nello sport che dice che  “i record son fatti per essere battuti”, e pure la Germania, magari con culo e non a pieni meriti, nell’ultimo Europeo è riuscita finalmente per loro a mettercelo nel culo, era difficile credere che il Novara con lui riuscisse a scamparla nuovamente. E infatti. Sul più bello, nel momento in cui le lingue in bocca reciprocamente si congiungevano tra noi tifosi in estasi al Piola e le mutande iniziavano ad abbassarsi, il Pazzo ce la mette. Non esulta, perché lui e l’Hellas hanno davvero poco di cui vantarsi, ma una piccola rivincita nei nostri confronti se la porta a casa.

Tutto invece ha una sua logica e una coerenza. Lo abbiamo detto e ridetto e tocca nuovamente ripeterci. Questi siamo. Capaci di fare come ieri un secondo tempo da applausi e commozione ma anche di prestazioni al limite dell’imbarazzo e della decenza vista per esempio contro la Ternana. E siccome la logica e la coerenza nel corso di una stagione solitamente trovano puntualmente risconto, ma per il Novara sempre un po’ di più, uscire dallo stadio con l’orgoglio di aver visto finalmente una formazione giocare col cuore in mano e contemporaneamente con l’incazzatura e la certezza di essere dei coglioni (perché se vai in vantaggio al 93′ e subisci il pareggio al 94′ un po’ coglione lo sei a prescindere dalla dinamica dell’azione), è la nostra condanna di questo campionato. Siamo arrivati a Pasqua col paradosso che nessuna squadra forte ha dimostrato di esserlo più di noi esattamente come noi non abbiamo mai dimostrato di essere superiori a una delle tante considerate più deboli, per cui ieri è stato probabilmente “giusto” che finisse così.

Il mio problema è accettare e gestire le emozioni in partite come quella di ieri, cosa di cui ammetto non essere per niente capace di fare, e provare ad abbracciare pure io quella filosofia che chiamo “minchio zen“, tanto in voga tra i miei colleghi di tifo, ovvero sorridere e saltellare comunque felici cantando a ritmo di salsa e rumba “va bene così, avremmo firmato per un pari prima, dai buona notte andiamo a casa a dormire felici”, nonostante un bulldozer ci abbia appena profanato le terga. No. A me gira ancora il cazzo a livelli stratosferici. Subire un goal all’ultimo minuto dovrebbe essere considerato illegale, subirne quattro o cinque come successo a noi quest’anno dovrebbe dare diritto alla pensione di accompagnamento, perché sono cose che segnano.

Come testata ci siamo esposti, io in primis, sul fatto che questo Novara non regalasse emozioni, e mi rendo conto che la cosa non è stata sempre recepita (o non è stato volutamente recepito da qualcuno, ma è un altro discorso) per il senso esatto di quello che abbiamo voluto sostenere. E’ evidente che una partita come quella di ieri sia un spot al calcio, alle emozioni che si provano vivendo una partita allo stadio e che quelle provate ieri incarnino lo spirito di cosa voglia dire tifare Novara calcio. Soffrire sempre e costantemente con l’enorme possibilità di prenderla comunque nel culo, perché quelli forti, lo dice la storia, sono quasi sempre gli altri. Mai cambierei questo status perché vorrebbe dire non essere più quello che, negli anni e con fatica, sono diventato, e in questo senso tifare una realtà come il Novara regala emozioni costanti ed indescrivibili. Ma questo Novara, nel suo COMPLESSO, è quello che continuo a ritenere meno “mio” di tanti altri. Perché se è vero che conta sempre e solo la maglia (e per me è così) è altresì vero che questa maglia viene indossata da persone in carne ed ossa che però quest’anno non mi hanno mai dimostrato di averla a cuore. Persone complessivamente anche forti e con oggettive doti tecniche ma spesso emotivamente distaccate, per le quali giocare contro il Latina o la Pro Vercelli è stato lo stesso (e i risultati si sono visti), con una Società alle spalle che per la maggior parte della stagione si è completamente resa avulsa dal contesto contribuendo a rendere i giocatori un corpo estraneo alla città e alla sua tifoseria. Non è obbligatorio essere amici e nemmeno essere empatici perché quello che conta è sempre e solo il risultato, ma mi è consentito ritenere, dal punto di vista affettivo e umano, questo Novara Calcio assolutamente e colpevolmente carente? Se per voi non è così vuol dire abbiamo una concezione differente del termine empatia, ma va bene così.

Mi pare chiaro quindi che oltre ad urlare sempre Forza Novara, l’importante è ricordarci che comunque vada panta rei, and singing in the rain, ed abbracciare tutti questa benedetta filosofia minchio zen che senza ombra di dubbio aiuta a vivere meglio. Sette partite ancora per dimostrare noi dagli spalti che la nostra corazza non ce la potrà mai scalfire nessuno, e loro in campo di meritare e sudare la maglia che indossano. Due cose che dovrebbero essere scontate sempre e comunque. Appunto, dovrebbero.

Claudio Vannucci

Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Editoriale

Vietato mollare

Published

on

By

Sappiamo tutti perfettamente quanto il mestiere dell’allenatore sia il più infame di tutti, perché anche quando le colpe sono condivise coi giocatori paga sempre e comunque quello seduto in panchina. E Cevoli ne è perfetto esempio. Nello specifico qualche evidente colpa maggiore il nostro ex allenatore l’ha avuta, per esempio quella di essersi esposto alla prima conferenza stampa dichiarando di non aver mai avuto un gruppo così forte e di non essersi mai trovato nella situazione di potersela giocare per la vittoria finale. Nel momento in cui questo non sta accadendo, ma soprattutto si sta mettendo in discussione la reale qualità del gruppo, è chiaro sia legittimo pensare che il problema risieda proprio nella guida tecnica non in grado di fare quello per cui è stata presa: per provare a vincere. Se il problema è solo questo, il peggio è passato, a meno che Semioli non sia uguale o addirittura peggio dei predecessori. Oggi siamo nella situazione in cui si è riabilitato agli occhi di tutti l’operato di Marchionni ma, molto umilmente, mi permetto di ricordare tutto il pre campionato e cosa si diceva di lui. Il fatto inequivocabile è che due allenatori in 3 mesi non hanno capito come far giocare questo Novara, con la differenza che il primo ha messo in dubbio la qualità complessiva a differenza del secondo che invece era convinto di avere la nazionale francese.

Chiarito il punto allenatore è obbligatorio parlare della squadra, e se si entra su questo tema non si può tacere sul responsabile dell’area tecnica ovvero Zebi. Ho apprezzato la sua presenza ed assunzione di responsabilità ieri sera nel post gara, tuttavia non può cambiare un giudizio di fondo molto critico. Come abbiamo più volte scritto in questa sede, l’estate di Zebi ha rappresentato un momento irripetibile per lui: presentarsi al mercato con portafoglio pieno e senza doversi liberare di precedenti contratti. Arrivare a dicembre e dover ammettere che: l’attacco complessivo non gira, le fasce non girano, il centrocampo non filtra e non è propositivo, se non può essere motivo di bocciatura lo deve però essere di forte dissenso e pretesa che a gennaio provi a sistemare parte dei problemi. E se pure lui è stato vittima di alcuni giocatori che hanno reso sotto le aspettative, non cambia il fatto che le sue responsabilità siano molto gravi. Zebi è persona intelligente e uomo di calcio per cui mi aspetto che sappia perfettamente che, ad oggi, ha fallito.

La giusta dose di merda è corretto se la prendano anche i giocatori, e ne cito volutamente solo due, Urso e Galuppini, ma ben inteso questi sono identificativi di una critica che in questo momento può escludere solo Bonaccorsi, Diop e Di Munno per non aver mai giocato. Non è possibile avere uno come Urso che gioca costantemente con la paura di sbagliare e non fa una giocata decente, e un Galuppini sul quale si possono, ad oggi, spendere le peggiori critiche soprattutto in rapporto alle aspettative che si avevano su di lui. Ma, mi ripeto, ogni giocatore è meritevole di qualche decina di critica più o meno forte. E lo stesso vale per la Società, perché non si conferma un allenatore in estate sapendo di volerlo farlo saltare alla prima occasione, oltre ad alzare erroneamente le aspettative collettive.

Detto questo, ci sono ancora cinque mesi di campionato. Che si fa? Non siamo nella condizione di accettare serenamente un peggioramento della stagione e di abdicare alla mediocrità. Questo può succedere in una piazza normale, cosa che certamente non siamo noi dove un ipotetico decimo dodicesimo posto ci riporterebbe ai fasti dell’era Rullo. Proprio per questo il mantra per tutti, tifosi compresi, deve essere “vietato mollare”. Non può mollare la Società, non può mollare Zebi, non può mollare il gruppo. Questo di oggi, che intendiamoci non è nemmeno lontano parente di altri momenti più complicati passati, deve essere un punto di partenza e non una tappa intermedia di un burrone. Non so se Semioli possa rappresentare un rilancio oppure un intermezzo verso una nuova guida. Quello che è chiaro è che così non si poteva andare avanti e, soprattutto, che la luna di miele post vittoria del campionato è finita. Ma davvero.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Minchia, boh!

Published

on

By

E’ un momento di grande confusione e di dubbi amletici in casa Novara e, soprattutto, nella mia testa. Ho speso giorni ad osservare, leggere commenti, provare a capire e a ragionare ma senza riuscire a trovare risposte ad una serie di interrogativi che mi frullano in testa. Siamo forti oppure no? Abbiamo più o meno punti rispetto a quanto avremmo meritato? Va tutto bene dalle nostre parti? Molto difficile rispondere. Credo che questo Novara sia nato con due contraddizioni di fondo, di cui una però non così grave. La prima, la più problematica e che già ne avevo parlato mesi fa, è il peccato originale di aver costruito una squadra in estate solo in parte frutto di una condivisione reale tra DS e Allenatore. Marchionni e Zebi (ma direi Ferranti) non si sono mai presi, oltre ad avere un’idea di calcio completamente diversa. Marchionni ha “comprato” alcuni giocatori tendenzialmente di età molto avanzata sulla base del proprio credo, Zebi ne ha presi altri, diametralmente opposti, sulla base del suo. Una testimonianza a questa affermazione ce l’ha portata direttamente Ciancio a Radio Azzurra la scorsa settimana quando ha ammesso di essere stato chiamato da Marchionni che gli ha prospettato una specifica collocazione in campo. Le cose poi tra allenatore e mondo Novara sono precipitate con Marchionni che avrebbe accusato Zebi di avergli portato un Galuppini sostanzialmente bollato come uno in sovrappeso e non utile alla causa, oltre ad un giudizio di fondo negativo sulla rosa costruita, soprattutto se contestualizzata in una narrazione di ambizione ai vertici. Ve lo ricordate che ne avevamo già parlato, vero? Ecco, a mio avviso, a prescindere da Marchionni prima e Cevoli dopo, che ricordo ad una settimana dall’inizio era disoccupato e che per sua successiva ammissione non si era mai trovato nella situazione di dover allenare una squadra “così forte”, era evidente avrebbe accettato Novara senza fiatare anche a fronte di qualche perplessità, questo Novara è frutto di un compromesso tra due credo calcistici differenti che non stanno aiutando: serve o meno il trequartista? bisogna giocare a quattro o a cinque? ma se manca Ranieri chi è che fa girare palla? Questo campionato ha inequivocabilmente detto che o il Novara è in grado di macinare gioco con un’intensità folle (prime di campionato) oppure patisce perché, tra le altre cose, è vittima proprio di contraddizioni strutturali che nei momenti di difficoltà ci fanno sembrare più brutti di quello che siamo.

Se oggi non abbiamo ancora abdicato ad un campionato mediocre, e cito per esempio l’anno di Viali, è solo perché a differenza di quella stagione piena di pareggi qui ogni tanto si riesce a vincere, e per il principio che una sconfitta e una vittoria regalano più punti di due pareggi siamo ancora lì. Però la prima doverosa critica costruttiva, che riguarda un po’ tutti gli attori della parte tecnica in causa, è che è legittimo pretendere qualcosa in pù dai singoli. Perché se è vero che ognuno di loro ha tantissimi alibi, ad esempio Bortolussi schierato a 30 metri dalla porta e spesso chiamato ad allargarsi sulla fascia a crossare, o Galuppini che è evidente non sappia bene cosa fare lì in mezzo, è altresì vero che stiamo parlando di due giocatori ambiti nella categoria, con uno stipendio superiore alla media e un bagaglio tecnico che dovrebbe portarli almeno a provare a fare qualcosa. Non è possibile che, salvo casi eccezionali, Bortolussi non sia stato capace di tenere su un pallone e far salire costantemente la squadra o, ancor peggio, se si trova il pallone tra i piedi nemmeno rischi di “vedere” la porta. Non è possibile che uno con un’intelligenza calcistica come Galuppini, salvo sporadici casi, non provi nemmeno a prendersi sulle spalle questo Novara inventandosi qualche giocata ma preferisca fare il polemico a bordo campo quando si scalda e percepisce che non entrerà in campo. E aggiungo, trovata la quadra col portiere, non è possibile che su due portieri professionisti schierati si siano presi già 5 goal su tiri ribattuti davanti al giocatore avversario invece che lateralmente. Non sarà sempre facile per carità buttarla a lato, ma qui è legittimo farsi delle domande. E queste considerazioni ci portano quindi ad estendere una grossa critica ad allenatore e, perché no, preparatore atletico perché qualche risposta su una condizione che appare non delle migliori dovrebbe anche darla pure lui.

E arriviamo alla seconda contraddizione di fondo, quella sulla bocca di tutti: l’errore strategico di dare responsabilità troppo grosse ad una rosa che, probabilmente, ad oggi più che un buon campionato non può ambire. Ma su questo ho sempre scusato Ferranti perché lo capisco. Bisognerebbe anche fare lo sforzo di capire un po’ il personaggio che anche lo scorso anno, alla cena di Natale del Coordinamento, al microfono esordì dicendo “vabbè, questo campionato è già archiviato pensiamo al prossimo”. Non è che ha firmato un contratto col sangue con ognuno di noi, si potrebbe anche provare a comprendere che è un personaggio molto umorale, sanguigno, che peraltro non l’ha nemmeno aiutato la ricostruzione un po’ troppo netta che alcuni media la scorsa settimana hanno proposto circa le sue dichiarazioni sulla B, perché dire “voglio andare in b, poi magari arrivo dodicesimo” non è la stessa cosa di “andiamo in B quest’anno, lottiamo per la B” come è stato riportato. Ma soprattutto, tendenzialmente difendo sempre l’atteggiamento un po’ provocatorio e sborone quando questo è supportato da fatti, che nella fattispecie significa soldi spesi, cosa che oggettivamente è stata fatta. Adesso non è che tutte le volte che non vinciamo dobbiamo incazzarci con Ferranti e dargli del pirla solo perché lui ha scaldato un po’ una piazza tendenzialmente morta parlando di B. Semmai, chi gli è vicino, forse dovrebbe alzare un po’ il tiro nel fargli capire di non commettere uno degli errori del suo predecessore illustre MDS, ovvero quello di circondarsi di persone non sempre capaci. E soprattutto che se vuoi vincere un campionato, forse è meglio riempirsi di figure che di campionati ne hanno già vinti, e non che si sono salvati ai playout o che sono arrivati quattordicesimi. Questo deve capire Ferranti, ed è su questo aspetto che si gioca la credibilità, non tanto perché davanti ad un microfono vaneggia sulla B. Che poi a Novara tutti bravi a criticare, ma ci fosse una proprietà che dicesse “più di cosi non posso fare, facciamo un campionato tranquillo di metà classifica” oggi al Piola saremmo in 300. Se proprio devo fare un appunto al Pres (o forse a Zebi?), lo faccio sugli ultimi 3 giorni di mercato, quando dichiarò di aver aumentato il budget. Ecco, forse in quello specifico momento, se il budget aggiunto è stato davvero importante come da lui dichiarato, sarebbe stato legittimo sperare ad un acquisto molto più di sostanza rispetto ad un Tavernelli che, pur bravo che sia intendiamoci, mi ricorda molto quelle figure alla Panico, Sansone o Piscitella che stringi stringi, in anni medi, non ti combinano mai nulla per 35 partite su 40. Se davvero, come mi viene raccontato, si vuole fare mercato a gennaio, lo si faccia per bene.

Non ho mai creduto al primo posto e ho sempre idealmente visto come il prossimo campionato quello candidato a vederci in lotta per la vittoria. Tuttavia, classifica alla mano e visti gli avversari, questa squadra può tranquillamente centrare ancora un terzo posto che, per come la vedo io, ti mette nelle condizioni di giocarti i playoff con reali possibilità. Certamente mi sbaglierò, ma vedremo a fine campionato quanti punti di distacco ci saranno tra le terza e l’ottava, e vedrete che adesso lottare sul singolo punto farà la differenza. Non sono contento, sabato avrei spaccato il televisore proprio perché fatico ad innamorarmi di allenatori e giocatori che impostano una partita sul non passare la metà campo. Ma è altresì vero che quella partita, al netto di un errore evitabile, era pareggiata quindi andiamo avanti ben consci che nelle prossime 3 non ci saranno più scuse per nessuno. Non ci saranno per Cevoli perché la grinta in campo e l’atteggiamento alla squadra non lo possono dare le nostre nonne ma lui e non ci saranno per i giocatori perché si devono oggettivamente svegliare. Nulla è perduto ma va cambiato registro.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Il calcio è uno sport di merda

Published

on

By

Il calcio è uno sport di merda. Questo è il senso di uno scambio di messaggi con l’amico Paolo Molina nei giorni immediati al pre gara. Concordavamo su questo punto ipotizzando, o meglio sperando, che dopo un periodo cupo e nella partita probabilmente più difficile del periodo il Novara potesse venire fuori e vincere. E questo sarebbe potuto accadere proprio per il principio che il calcio è uno sport di merda. Ed è stato anche il nostro primo commento al telefono nel post gara.

Il calcio è uno sport di merda perché è quello sport che spesso è avaro di risultati e soddisfazioni, ma ti premia proprio nella partita dove, al contrario di come hai impostato il gioco da inizio campionato, vinci giocando per lo più di rimessa. E quindi ti mette nella condizione di riflettere sempre se sia meglio giocare bene, provare a divertire e ad imporre il tuo gioco, oppure sia meglio usare la testa e vaffanculo se ogni tanto sei brutto perché alla fine sono più le volte che in partite come queste l’essere brutti premia rispetto all’essere belli. Il calcio è uno sport di merda perché ad un certo punto del tuo percorso, dopo una serie di episodi anche sfortunati nelle partite precedenti, il culo decide di svoltare improvvisamente a tuo favore, propiziandoti con un fortunoso rimpallo un assist perfetto cui Rocca, nel dubbio tra passare per eroe o per coglione, fortunatamente sceglie la prima opzione non sbagliando il pallonetto. E tu sei lì che te la prendi col karma, con la sfiga, col Bambin Gesù perché, senza nemmeno meritartelo, ti hanno messo in una situazione di merda ma poi al 90′ di una giornata autunnale col clima estivo invece ti rilanciano alla grande. Il calcio è uno sport di merda, avrà certamente pensato Pissardo, perché nel turno di “riposo punitivo” il tuo secondo non solo ti ha dimostrato di essere un portiere credibile, ma in una perfetta replica di situazione a te avversa, ovvero dove su un tiro non irresistibile ti scappa il pallone, questo non finisce sul piede dell’avversario ma in una zona scoperta. Che col culo che ultimamente ha il nostro numero uno a lui certamente sarebbe finito direttamente sul piede del centravanti con fustigazione in sala mensa a Novarello per il nostro portiere. Il calcio è uno sport di merda perché chi gioca nella nostra categoria spesso la sera prima vede in tv il calcio dei grandi, e vede quelle esultanze polemiche con gesto del “bla bla bla” contro non si sa mai chi, tipo quella di Jovic in Fiorentina Inter. Così’ Galuppini, che qualche critica costruttiva, diciamocelo chiaramente, se l’è pure meritata nelle ultime partite, ti trova il gollone e la prestazione e subito ti sbatte in faccia un “bla bla bla” contro non si sa chi. Che se ce l’aveva con qualcuno del Padova ha fatto pure bene, ma se ce l’aveva con qualcuno di noi ecco…ci siamo capiti Galup… eddaje su.  Il calcio è uno sport di merda, avranno certamente pensato a Padova, perché non solo è statisticamente improbabile perdere il numero di finali che sono riusciti loro a non vincere nella loro recente storia, ma anche perché tutte le volte che giocano con noi finisce a madonne e santi che volano per loro, e gioie per noi.

Però questo sport di merda che si gioca in un campionato di merda, a me continua a piacere. Nel computo delle partite fino adesso giocate sono più quelle che si sono concluse con qualcosa per cui abbiamo recriminato rispetto a quelle in cui abbiamo portato a casa più del meritato. Le 3 sorelle, che quelli che ci capiscono di calcio hanno detto avrebbero fatto un campionato a parte, hanno oggi i nostri stessi punti, e due su tre hanno perso contro di noi dimostrando di non essere certamente più forti. Con l’aggiunta del non trascurabile fatto che noi abbiamo, forse, superato il periodo no che certamente capiterà anche a loro. Non ho mai considerato il Novara come una possibile vincitrice diretta del torneo, ma un finale in una posizione intorno al terzo quarto posto, che ci permetterebbe concretamente di avere qualche possibilità ai playoff, certamente si. Ovvio domenica avremo la riprova se siamo sulla via di guarigione oppure ancora malati gravi, però l’importanza di questa vittoria è enorme. Il Padova, lo ricordo, ha battuto anche lei il Vicenza ed ha espugnato il campo del Pordenone, la terza sorella invincibile. Evidentemente così invincibile non sarà.

C’è una cosa che non mi è piaciuta del Novara, che però non riguarda la sfera del campo ma più quella delle scrivanie con aggravante di complicità del Comune di Novara, e che è arrivata alla mia attenzione solo da pochi giorni. Nel colpevole silenzio generale dei media locali, il Novara ha deciso di abbandonare il progetto Novara For Specials in collaborazione con Ticinia. Quei ragazzi meravigliosi, che non solo vivono tutti nella nostra città e provincia ma che avevano e hanno il Novara nel cuore (e tutt’ora molti ancora lo seguono in forma privata) si sono visti costretti ad accettare l’offerta da Vercelli che, da tempo, provava a scipparli al Novara per farli accasare alla loro Società, unica realtà in zona a credere nel progetto. In realtà i ragazzi non giocheranno ancora come Pro Vercelli ma come Ticinia Novara, ma questo fatto non cambia la situazione di base, ovvero che la società bicciolana, a differenza della nostra, ha creduto nel loro progetto dandogli supporto concreto offrendo strutture adatte alle esigenze dei ragazzi e personale preparato, oltre a trovargli sponsor. Perché questi ragazzi, alcuni con gravi problemi di mobilità e di vista, evidentemente non possono allenarsi su un campo di patate e con scarsa illuminazione, ma necessitano di luoghi idonei comunque disponibili a Novara. Colognesi e il suo team, e va ribadito, al Novara hanno sempre chiesto poco o nulla, in sostanza solo le magliette per giocare e un campo una volta la settimana per allenarsi, ma essendo un asset evidentemente non strategico e non funzionale alla prima squadra, cui tutte le risorse sono destinate, si è deciso di chiudergli la porta in faccia. In un periodo storico in cui si parla solo di inclusione, questa scelta non solo è anacronistica ma è davvero indifendibile. Posso comprendere che il momento difficile imponga tagli di spese, ma l’eventuale argomentazione del risparmio di luce e gas non regge visto che quei possibili slot in cui si sarebbero potuti allenare i ragazzi sono certamente stati rimpiazzati da altri che useranno appunto illuminazione e acqua calda, quindi di che parliamo? I ragazzi del fu Novara for specials hanno sempre portato in giro per l’Italia il nome del nostro Novara, onorandolo con tante vittorie ma, cosa più importante, rendendo davvero speciali ed unici questi ragazzi. Vedere che ora la Pro Vercelli utilizzerà il marchio Ticinia, ma soprattutto il loro capitale umano e professionale costruito fino ad oggi , è una sconfitta per tutti oltre ad una fonte di incazzatura enorme del sottoscritto. Come ho sempre umilmente suggerito, ma non sono stato il solo, una realtà come la nostra deve necessariamente coinvolgere il territorio e pertanto non può esistere nessuna valida argomentazione che giustifichi la fine della collaborazione con questa realtà locale che, lo ribadisco, si è praticamente sempre sostenuta autonomamente e ha chiesto solo delle maglie da indossare e un’ora per allenarsi. Se il Novara avrà voglia e tempo di replicare, lo spazio su Novara Siamo Noi ci sarà sempre, ma ad oggi non trovo altro che amarezza e delusione.

Claudio Vannucci

 

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: