Rimaniamo in contatto

Editoriale

La filosofia Minchio Zen

Published

on

Ragionavo martedì scorso sul pullmino per Ferrara sul fatto che noi tifosi del Novara, o comunque una buona parte di noi, con la scusa di caricarci prima di un incontro tendiamo a crearci dei dualismi e degli antagonismi con alcune tifoserie avversarie che non hanno motivo di esistere, o al limite ne esasperiamo altre esistenti, quasi per sentirci più forti e in qualche modo auto restituirci quella percezione di importanza che troppi anni in categorie infime ci hanno negato. Ne cito una abbastanza recente, quella contro il Toro nell’anno della promozione in A, in cui la classifica ci ha visto competere con i granata quasi fino alla fine, e questo ci ha portato inconsciamente a vedere la loro tifoseria al pari di quelle della Pro Vercelli o dell’Alessandria, vere e storiche “nemiche” sugli spalti. Non si tratta di sboroneria, perché in realtà è un vero processo automatico che può scattare nella testa di chi vuole misurarsi contro realtà più grosse e non vuole partire sconfitto in partenza nonostante un gap oggettivo, di forza, numeri e fama. A livello personale posso dire che ho trovato sempre riscontro a questa teoria tutte le volte che abbiamo giocato contro l’Hellas Verona. Se il rispetto che provo per la loro tifoseria mi ha portato a non considerarli mai veri rivali di tifo (e questo, sia chiaro, non significa che mi sia mai messo a novanta quando li abbiamo incontrati, anzi) diversamente è successo sul piano tecnico, quando ho cercato e trovato sempre un bersaglio grosso da sfidare: ovviamente parlo di Pazzini.

Le volte che lo abbiamo incrociato sono state poche, ma tutte queste volte (3 a memoria prima di ieri ma magari sono di più) il ragazzo è stato la star degli avversari. Due volte da interista e una (due con ieri) da veronese finite tutte per lui molto male. Credo che nella sua carriera gli ultimi che abbia mai potuto considerare avversari siamo stati noi del Novara fatto sta che, prima di ieri, ho pensato nella mia testa che il Novara per lui potesse rappresentare quello che la Nazionale Italiana ha rappresentato per quella tedesca. Grandi sconfitte. Ma siccome esiste una stronzissima legge nello sport che dice che  “i record son fatti per essere battuti”, e pure la Germania, magari con culo e non a pieni meriti, nell’ultimo Europeo è riuscita finalmente per loro a mettercelo nel culo, era difficile credere che il Novara con lui riuscisse a scamparla nuovamente. E infatti. Sul più bello, nel momento in cui le lingue in bocca reciprocamente si congiungevano tra noi tifosi in estasi al Piola e le mutande iniziavano ad abbassarsi, il Pazzo ce la mette. Non esulta, perché lui e l’Hellas hanno davvero poco di cui vantarsi, ma una piccola rivincita nei nostri confronti se la porta a casa.

Tutto invece ha una sua logica e una coerenza. Lo abbiamo detto e ridetto e tocca nuovamente ripeterci. Questi siamo. Capaci di fare come ieri un secondo tempo da applausi e commozione ma anche di prestazioni al limite dell’imbarazzo e della decenza vista per esempio contro la Ternana. E siccome la logica e la coerenza nel corso di una stagione solitamente trovano puntualmente risconto, ma per il Novara sempre un po’ di più, uscire dallo stadio con l’orgoglio di aver visto finalmente una formazione giocare col cuore in mano e contemporaneamente con l’incazzatura e la certezza di essere dei coglioni (perché se vai in vantaggio al 93′ e subisci il pareggio al 94′ un po’ coglione lo sei a prescindere dalla dinamica dell’azione), è la nostra condanna di questo campionato. Siamo arrivati a Pasqua col paradosso che nessuna squadra forte ha dimostrato di esserlo più di noi esattamente come noi non abbiamo mai dimostrato di essere superiori a una delle tante considerate più deboli, per cui ieri è stato probabilmente “giusto” che finisse così.

Il mio problema è accettare e gestire le emozioni in partite come quella di ieri, cosa di cui ammetto non essere per niente capace di fare, e provare ad abbracciare pure io quella filosofia che chiamo “minchio zen“, tanto in voga tra i miei colleghi di tifo, ovvero sorridere e saltellare comunque felici cantando a ritmo di salsa e rumba “va bene così, avremmo firmato per un pari prima, dai buona notte andiamo a casa a dormire felici”, nonostante un bulldozer ci abbia appena profanato le terga. No. A me gira ancora il cazzo a livelli stratosferici. Subire un goal all’ultimo minuto dovrebbe essere considerato illegale, subirne quattro o cinque come successo a noi quest’anno dovrebbe dare diritto alla pensione di accompagnamento, perché sono cose che segnano.

Come testata ci siamo esposti, io in primis, sul fatto che questo Novara non regalasse emozioni, e mi rendo conto che la cosa non è stata sempre recepita (o non è stato volutamente recepito da qualcuno, ma è un altro discorso) per il senso esatto di quello che abbiamo voluto sostenere. E’ evidente che una partita come quella di ieri sia un spot al calcio, alle emozioni che si provano vivendo una partita allo stadio e che quelle provate ieri incarnino lo spirito di cosa voglia dire tifare Novara calcio. Soffrire sempre e costantemente con l’enorme possibilità di prenderla comunque nel culo, perché quelli forti, lo dice la storia, sono quasi sempre gli altri. Mai cambierei questo status perché vorrebbe dire non essere più quello che, negli anni e con fatica, sono diventato, e in questo senso tifare una realtà come il Novara regala emozioni costanti ed indescrivibili. Ma questo Novara, nel suo COMPLESSO, è quello che continuo a ritenere meno “mio” di tanti altri. Perché se è vero che conta sempre e solo la maglia (e per me è così) è altresì vero che questa maglia viene indossata da persone in carne ed ossa che però quest’anno non mi hanno mai dimostrato di averla a cuore. Persone complessivamente anche forti e con oggettive doti tecniche ma spesso emotivamente distaccate, per le quali giocare contro il Latina o la Pro Vercelli è stato lo stesso (e i risultati si sono visti), con una Società alle spalle che per la maggior parte della stagione si è completamente resa avulsa dal contesto contribuendo a rendere i giocatori un corpo estraneo alla città e alla sua tifoseria. Non è obbligatorio essere amici e nemmeno essere empatici perché quello che conta è sempre e solo il risultato, ma mi è consentito ritenere, dal punto di vista affettivo e umano, questo Novara Calcio assolutamente e colpevolmente carente? Se per voi non è così vuol dire abbiamo una concezione differente del termine empatia, ma va bene così.

Mi pare chiaro quindi che oltre ad urlare sempre Forza Novara, l’importante è ricordarci che comunque vada panta rei, and singing in the rain, ed abbracciare tutti questa benedetta filosofia minchio zen che senza ombra di dubbio aiuta a vivere meglio. Sette partite ancora per dimostrare noi dagli spalti che la nostra corazza non ce la potrà mai scalfire nessuno, e loro in campo di meritare e sudare la maglia che indossano. Due cose che dovrebbero essere scontate sempre e comunque. Appunto, dovrebbero.

Claudio Vannucci

Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Editoriale

Novarello, maledetto Novarello

Published

on

By

Due considerazioni a caldo, non richieste, sull’ufficializzazione del ritorno a Novarello. Primo fatto: Ferranti dal primo giorno di insediamento a Novara ha sempre guardato a Granozzo. Gli è sempre piaciuto, lo ha sempre idealmente identificato come il quartier generale della Società e, probabilmente, ha pensato già lo scorso anno di entrarci, ma i tempi semplicemente non erano maturi perché, in primis, sarebbe stata un’operazione assolutamente impopolare, e poi sarebbe stato molto complicato andare a trattare coi De Salvo (anche se lo scorso anno avrebbero potuto tenerli per i coglioni molto più di adesso, ma vabbè). Secondo fatto: scordiamoci la situazione temporanea di appoggiarsi al Piola come fatto nella scorsa stagione. Non è ipotizzabile farlo per un discorso di costi e di usura del terreno, ma anche di aumento di giovanili. Un conto è avere solo una juniores e qualche ragazza, un altro avere una filiera completa di giovani da far allenare e che non possono certo farlo nel giardino di casa Ferranti. Una situazione alternativa andava trovata. Terzo fatto: il Novara FC è la prima Società di calcio rappresentativa della città e la più importante in termini di blasone, e questo status implica che tutta la sua attività, dalla prima squadra al più giovane bimbo tesserato, goda del riconoscimento dello stesso status elitario derivante dal fatto appunto di essere il Novara. Questa è condizione necessaria e sufficiente per non essere una delle tante Società di calcio cittadine o della provincia che, comunque, hanno a disposizione un proprio centro o campo. Una delle situazioni ipotizzate negli scorsi mesi è stata proprio quella di lasciare la prima squadra al Piola ed elemosinare, o meglio, usare la politica per obbligare ogni singola Società a concedere qualche ora il proprio campo ad uso e costume di una giovanile del Novara FC. Per esempio, e faccio davvero esempi a caso, i pulcini nel campo della San Giacomo, gli esordienti in quello della Voluntas e via dicendo. Premesso che non stiamo parlando di attraversamento di buchi neri nello spazio ma di campo per far giocare bambini, quindi tutte le ipotesi erano buone, è chiaro che questa soluzione di parcheggio qui e là implicitamente avrebbe tolto dignità e credibilità ad un progetto importante come quello di Ferranti. Non si può parlare di serie B se non hai nemmeno un campo tuo dove far allenare i pulcini.

Visto che non ci troviamo nel metaverso dove in una notte si possono costruire grattacieli da 150 piani, e quindi qualsiasi eventuale progetto di costruzione di un proprio centro (se davvero fosse nei pensieri del Pres) implicherebbe almeno un paio di anni di lavoro, c’era da trovare una soluzione. A Novara si fa molta fatica ad accettarlo, o peggio non lo si vuole capire, ma l’Alcarotti (sede degli allenamenti e partite della Sparta) non è utilizzabile. E non lo è semplicemente perché, a prescindere da come si presenta esteticamente la tribuna, è diroccato, con degli spogliatoi al limite dell’agibilità, non è più a norma e ha un campo che definire di patate è un eufemismo. Oltre appunto ad essere usato da altri. Ipotizzare che una squadra professionista possa utilizzare quella struttura come quartier generale, anche se struttura di rilevanza storica e affettiva enorme, significa semplicemente vivere nel proprio mondo ignorando la realtà che lo circonda. Due sole soluzioni reali, concrete, serie e spendibili potevano oggi essere prese in considerazione: Novarello e Bellinzago, sede della Società Bulè Bellinzago. Tutto il resto vale “zero”. So che la struttura è stata visionata ma, alla fine, ha vinto Novarello.

Ho sempre dichiaratamente tifato per il Bulè non solo per una questione affettiva, ma perché, e basta andare a vederlo coi propri occhi, a Bellinzago è stato costruito un gioiello di pari bellezza ed efficienza di Novarello. Magari con un numero minore di campi, ma perfettamente adeguato ad una squadra professionista. Ci sono campi in erba, campi sintetici, palestre e spogliatoi adeguati, possibilità di utilizzo dello stadio per amichevoli e di locali per fisioterapia, infermeria e deposito. La distanza dal centro di Novara alle due località è pressoché identica, questo per rispondere a chi pensa che “eh ma Bellinzago è più lontana” anche se, va detto per onestà intellettuale, Bellinzago forse è perdente rispetto a Novarello per mancanza di alberghi e ristoranti, anche se il ristorante lo si sarebbe trovato a poche centinaia di metri. Hanno scelto Novarello e, secondo me, non è stato scelto per una questione di soldi (che peraltro ne ignoro l’entità e nemmeno mi interessa) ma, in parte perché, come detto, è sempre stata la volontà originale di Ferranti, e poi probabilmente per altro.

Cosa intendo per altro? Beh, devo per forza entrare nel campo della dietrologia, coi rischi che ne conseguono di dire cazzate. Ma secondo me non le dico. Negli ultimi due miei editoriali ho parlato, in termini diversi e con destinatari differenti, dell’incapacità di tagliare il cordone ombelicale col passato. E secondo me la scelta di Novarello ben si sposa con questa idea di incapacità a farlo, ma questo non tanto rivolto a Ferranti, che per inciso ignora tantissime dinamiche, aspetti e nostro passato vissuto, ma a una serie di persone a lui vicine a livello diverso che, evidentemente, non hanno interesse o non sono capaci a tagliare il cordone ombelicale con un certo passato e, probabilmente, lo hanno portato coi consigli a non cedere di una virgola in una trattativa con persone con le quali non si dovrebbe spartire nulla.

Lo dico chiaramente: non ho a livello personale la benché minima volontà di entrare in guerra per questa scelta. La comprendo, la capisco, al posto suo non l’avrei ma fatta ma questo è irrilevante visto che i soldi non sono i miei. Se il Novara FC beneficerà di questa scelta sarò il primo ad esserne felice come lo sono già perché, implicitamente, il primo beneficio di immagine la squadra e la Società se la sono già presa nel mostrare in faccia a tutti che stanno in un posto da 5 stelle e non in trattoria. Detto questo, per quanto mi riguarda Novarello è stato, è, e sarà (salvo passaggio di proprietà future) il luogo di proprietà di chi più di tutti, dopo avermi fatto star bene, mi ha fatto decisamente star male come nessuno altro sportivamente parlando ha fatto. Ma in fin dei conti lo stesso vale per la Clinica dove, comunque, mi reco obtorto collo per visite ed esami. Credo quindi che Novarello non possa e non debba diventare un problema oggi per tutti noi, ma un passaggio fondamentale, magari amaro, per crescere ulteriormente. Ognuno è libero di pensarla come crede, di non metterci comunque più piede, e di essere legittimamente deluso, ma quello che deve prevalere è l’interesse comune. Novarello hanno scelto e Novarello sia.

Spero solo di non tornare a rivedere certi personaggi intorno a noi, con la scusa dell’essere “proprietari del negozio”. Questo si che sarebbe inaccettabile.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Il muro del pianto indignato

Published

on

By

La notizia dell’esclusione di Teramo e Campobasso mi ha riportato con la mente allo scorso anno, e all’angoscia provata. Sono andato a leggermi i commenti dei tifosi sulle pagine social ufficiali delle due squadre e sui media cittadini, cosa che peraltro ho fatto lo scorso anno o comunque faccio sempre in queste spiacevoli occasioni, ed è incredibile la quasi totale somiglianza dei commenti che, a questo primo livello di fatti, vengono pubblicati dai tifosi: indignazione nei confronti della Covisoc accusata di “aver certamente sbagliato e che adesso facilmente si dimostrerà l’operato corretto della Società”, certezza di essere capri espiatori del sistema perché “diamo fastidio, vogliono escluderci”, crescente rabbia per la percezione di ingiustizia argomentata con improbabili paragoni “e allora l’Inter? e tutte le squadre di A coi debiti mentre noi siamo Società sanissima (ripetuto per lo più ignorando la reale situazione debitoria), e allora il Catania?“, fino ad arrivare al più classico dei “abbiamo dato mandato al miglior studio di Avvocati (entrambe si sono rivolti a Di Cintio, per dire eh), vedrete che adesso ci chiederanno pure scusa”. Solo una minoranza, più lucida e razionale ma spesso accusata dalla maggioranza imbufalita, si espone con qualche frase tipo “evidentemente qualcosa non va altrimenti non saremmo stati in questa situazione”. Il prossimo step sarà quello di diventare esperti fiscalisti, di movimentare la piazza interpellando i politici locali che la butteranno in caciara minacciando il blocco dei campionati, e magari di muovere masse fuori dai Tribunali o, più probabilmente, fuori dal Coni nella seconda metà di Luglio. Semplicemente un film già visto, con un epilogo probabilmente già scritto. Ovviamente auguro a Teramo e Campobasso le miglior fortune in Tribunale, ma la statistica è impietosa: 9,5 volte su 10 davanti al Giudice perdi. E’ una regola inesorabile, fredda e cinica, che se ne frega del fatto che una Società possa moralmente aver ragione, o magari solo essere vittima di un banale errore burocratico e aver quindi operato in buona fede, perché questa si basa su un pilastro molto rigido (e concettualmente giusto) del non creare un precedente o un’evidente disparità nei confronti di chi, invece, ha operato correttamente secondo le direttive chieste. Quelle poche volte che i Giudici hanno dato ragione ad una Società è stato proprio perché si è trattato di una sciocchezza ma, e lo abbiamo pagato sulla nostra pelle, il principio del curare la sostanza invece della forma, che poi rappresenta la maggior parte delle linee difensive degli avvocati, è perdente. Punto.

Guardando in casa nostra una volta ottenuto l’ok all’iscrizione, si sta rischiando a mio avviso di risultare un po’ troppo stucchevoli, ed eccedere in ringraziamenti ad una Proprietà che si merita tutte le lodi possibili ma non certo per averci iscritta in C. Provo a spiegarmi meglio. Ci sono annate un po’ più complesse tipo la scorsa e altre in cui l’iter di iscrizione fila via più liscio, ma rimane un fatto evidente ed incontestabile: la stragrande maggioranza delle Società professionistiche (20 in A, 22 in B e 60 in C) si iscrivono ogni anno regolarmente senza alcun tipo di problemi. Ci sono assolutamente situazioni patrimoniali molto differenti e magari concessioni a dilazionanti di pagamenti (talvolta discutibili) nel corso dell’anno, ma per tutte sostanzialmente vengono richieste gli stessi identici requisiti (ed una quota ovviamente crescente da versare in base alla categoria). Se ogni anno vengono bocciate “solo” dalle 2 alle 5 Società su un centinaio, vuol dire che fondamentalmente il sistema è abbastanza solido e il problema è evidentemente solo di quelle bocciate. Poi, come già detto, che qualche norma sia troppo restrittiva, forse iniqua, e che ci possa essere percezione di qualche falla nel sistema (vedi esclusione del Catania a 3 giornate dalla fine) sono aspetti per i quali al limite si può ottenere un pat pat sulla spalla e un abbraccio virtuale, ma  non cambiano il senso della questione. A Novara siamo stati così scottati da quello che ci è successo che quasi ci sembra un regalo divino aver trovato un Presidente che ci ha iscritto, senza però ricordare che in 112 anni di storia in realtà è capitato una sola volta che qualcuno non ci riuscisse. Aggiungo: per settimane quasi abbiamo vissuto con angoscia tutte le news che i media pubblicavano aggiornandoci di tutti gli step effettuati dalla Dirigenza per l’iscrizione (mandato documento X, mandato documento Y, fatta fideiussione, mandato dipendente XY a Firenze col Frecciarossa delle 9 da Milano Centrale a portare una cartelletta, ecc ecc) mettendo il naso su aspetti per i quali non ce ne è mai fregato una mazza. Ognuna delle 60 (58) Società di C immagino che abbia avuto le sue beghe per la fideiussione o per l’invio dei documenti, perché siamo in un Paese costituito sulla burocrazia e sulla complicazione di affari semplici per cui immagino i vari problemi. Ma dubito che altrove si sia vissuto questo periodo con l’angoscia che tanti hanno avuto a Novara.

Per carità, quello che ci è capitato ha lasciato il segno, ed è in un certo senso normale che, ritrovandoci ad un appuntamento che soli 12 mesi fa abbiamo fallito, tornino a bruciare ferite ancora aperte. Però, come sempre prendendomi il ruolo di quello stronzo, vorrei umilmente riportare tutti nei giusti binari e ricordare che l’iscrizione al campionato è il minimo sindacale di una Proprietà che vuole fare calcio. Ferranti ha l’imbarazzo delle motivazioni per cui va lodato, per esempio per averci permesso di avere continuità, per aver vinto il campionato come lo ha vinto, per aver ridato entusiasmo ad una piazza, per la sua empatia, per risolvere il problema campo di competenza del Comune, per averci messo nella condizione di sognare, ma per “averci iscritto” ecco magari non esageriamo. Detto questo è evidente l’enorme gratitudine personale verso il nostro Pres, che lui sa perfettamente perché gli ho espresso a voce diverse volte la stima che provo, ma proprio perché quello che abbiamo vissuto è un qualcosa di completamente fuori dalla nostra normalità, è bene che tutti facciano lo sforzo di lasciarsi il passato alle spalle tornando a giudicare in maniera più equilibrata tutti i fatti e i risultati che da adesso otterremo. Si potrà farà bene, benino, malino o male. E questo dovrà essere evidenziato. Solo dopo, ma solo dopo, potranno valere i giusti riconoscimenti e ringraziamenti che si merita chi, comunque, con tante fatiche ci permette di fare i tifosi della squadra della nostra città. Altrimenti finirà che si commetteranno gli stessi errori che la città ha commesso con MDS, santificandolo fino al punto di non accorgersi nemmeno quando sbagliava.

Finisco riportando tutti al tema iniziale: sono solidale coi tifosi di Teramo e Campobasso perché nessun tifoso merita di vivere il mese di luglio che hanno davanti, ma purtroppo il muro del pianto indignato quest’anno è toccato a loro. Molti non se ne faranno una ragione e rimarranno schiavi del vittimismo assoluto, tanti altri col tempo, andranno oltre e rimarranno a tifare ciò che dalle ceneri delle loro squadra nascerà. Le Società vanno e vengono, i tifosi rimangono. E noi lo dovremmo aver capito. Forse.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Buon Novara FC 2.0 a tutti

Published

on

By

Oggi è il 30 giugno, data sparti acque tra il Novara FC prima edizione e il Novara FC 2.0 che nascerà a partire da domani 1 luglio 2022. Se è vero che il rompete le righe reale è in atto dal post Recanatese, oggi ci sarà quello ufficiale, giuridico, al termine del quale si staccherà davvero il cordone ombelicale con un gruppo di calciatori che si sono guadagnati l’onore di entrare nella storia (idealmente) continuativa del nostro Novara. Da domani si inizia a fare sul serio, e questo comporta inevitabilmente una serie di situazioni e di sentimenti parecchio contrastanti tra loro. Non è questione di essere cinici o anaffettivi, ma il professionismo impone di resettare il passato, cioè condizione necessaria e sufficiente per potersi proiettare nel futuro con l’obiettivo di migliorarsi. Se questo tendenzialmente è abbastanza prassi per i giocatori, mi pare parecchio più complicato per i tifosi riuscire a calarsi in questa mentalità che, me ne rendo conto, è parecchio severa. Per come la vedo io, chi avrà l’onere e l’onore di essere confermato non dovrà nemmeno per sbaglio giustificare eventuali difficoltà con l’argomentazione “lo scorso anno ho (abbiamo) fatto bene e abbiamo vinto”. Chi da domani sarà ancora con noi è evidente che lo sarà perché, in un certo senso, gli verrà riconosciuta l’importanza strategica e, ovviamente, l’utilità alla causa collettiva. Ma deve sapere che ciò fino ad oggi fatto non conta più nulla. Solo Pablo ha una storicità talmente importante tale per cui il giudizio su di lui andrà rapportato alla sua storia, ma per esempio un Bonaccorsi o un Paglino, che cito senza sapere se verranno confermati (lo ipotizzo solo) quindi a solo titolo esemplificativo ipotetico, sappiano fin dalla mezzanotte e zero uno che è meglio pigino Ctrl + Alt + Canc e ripartano con lo stesso entusiasmo. Le legittime opinioni di molti tifosi espresse sui vari social e comunità online mi fanno proprio credere al contrario, ovvero ad una forte riluttanza a voler tagliare quel cordone ombelicale che li lega all’immagine vincente impressa nella testa, e quindi a sperare in conferme di massa, dettate dalla convinzione che questo gruppo possa vincere anche in serie C. Probabilmente nessuno di noi avrà la riprova sul campo, perché difficilmente vedremo molte conferme e, se le cose quest’anno dovessero non andare bene, chi invece auspicava di ritrovare ancora il gruppone potrà solo usare la sua convinzione col più classico dei “io l’avevo detto” senza però poter appunto dimostrare concretamente che avrebbe avuto ragione. Ricordo una spaccatura così l’anno della retrocessione dalla B, quando la parte che chiedeva continuamente l’esonero di Corini (allenatore che ricordo essere stato esonerato a +1 dai playout) dopo la retrocessione è stata oggetto di critiche di chi invece lo difendeva. Peccato che rimase indimostrabile il fatto che mantenendo quell’allenatore ci saremmo salvati. Questo per dire che ognuno è legittimato ad avere le sue opinioni, ma poi il mercato lo faranno Zebi coi soldi di Ferranti, e quindi sarebbe già un buon inizio attendere la costruzione della squadra prima di parlare, e poi metterla nelle condizioni di lavorare bene stringendoci intorno. Che poi, per chi usa google translate per tradurre in italiano il gergo Vannucciano, significa “non rompete i coglioni fino a quando non si scenderà in campo”.

Personalmente mi sono sempre definito un animale da mercato. A differenza di tanti il calciomercato mi ha sempre affascinato e divertito, a prescindere dal fatto sia costruito fondamentalmente sulla narrazione inventata e sulla menzogna. Facciamo parte del carrozzone che prevede tutto questo per cui provo a gustarmelo. Il fatto è che il mondo è cambiato, e il calcio ancora di più. Tanta gente è ancorata ad una convinzione totalmente anacronistica della costruzione di una squadra di calcio che fa quasi tenerezza. La frase “programmiamo in tre anni la promozione” bisogna che qualcuno dica chiaramente oggi essere, se non una presa per il culo, quanto meno solo una paracula richiesta di tempo per poter versare sul mercato una cifra cui la proprietà è magari impossibilitata ad usarla subito, o per non essere massacrato subito se fallisci. Non siamo più negli anni ’90 o a inizio anni 2000 dove potevi permetterti di dire: “il primo anno ne compro 4, il secondo 2, il terzo massimo altri 2 e vinco col gruppo”. Intendiamoci, era assolutamente corretta come visione, ma tendenzialmente non funziona più così. Perché un calciatore in C è difficile tenerlo 3 anni, visto che se fa bene e non vinci te lo fregano o lui ti saluta e va a monetizzare, se fa male e non vinci sei te che farai di tutto per levartelo di torno. Vedete, ci sono due tipi di Società in serie C: le ambiziose e quelle che mirano alla mera sopravvivenza. Nel primo caso, se nel 2022 puoi ancora permetterti di buttare 4-5-7 milioni all’anno in una squadra di serie C, ma col cavolo che ti metti come obiettivo la vittoria in 3 anni!!! Semmai metti le mani avanti con la piazza giusto appunto per prendere tempo se le cose non dovessero andare bene subito, ma questo è solo tema di narrazione. Se invece fai parte della categoria sopravvivenza, allora si che è più semplice. E quindi si ritorna al quesito dei quesiti: noi cosa siamo? Basandomi sugli 11 mesi di storia nostra e sulle dichiarazioni di Ferranti mi pare evidente che facciamo parte della prima categoria. Ma far parte di questa élite sappiate prevede tendenzialmente mercati mediamente da 15 annunci all’anno (magari i successivi qualcosa meno ma il senso è quello) proprio perché Ferranti se arrivasse quinto o sesto, e volesse continuare con questa forza a mirare alla B, vedrete che l’anno successivo non andrebbe a fare 2 acquisti mirati, ma mezza squadra te la cambierebbe proprio perché sarebbe il primo a voler prendere a calci in culo quei giocatori, magari strapagati, che hanno fatto male, e noi tifosi idem. Il limite di tutto questo nuovo modo di concepire il calcio ce lo ha dimostrato l’epilogo di Novara Calcio 1908: a furia di spendere più del dovuto e di pigliare sistematicamente poi a calci nel culo quelli che si sono arricchiti e basta, siamo finiti nel bidone dell’indifferenziato. L’alternativa a questa filosofia è buttarla sul filosofico sostenibile (che ben inteso approvo), quindi cambiare un po’ tutti atteggiamento per cambiare questo mondo, ma sappiate che spesso significa solamente alzare bandiera bianca ed accettare di non vincere mai. Detto ciò, sapere che quest’anno, come minimo, leggerò 15 nuovi annunci sinceramente mi elettrizza molto. Poi se saranno 15 campioni o scarponi sarà una storia diversa, con effetti diversi, ma che vedremo da settembre.

Posta una sostenibilità nel lungo di base, posto un budget importante, la differenza la faranno Zebi e, poi Marchionni. Col secondo, per natura della figura che ricopre, potenzialmente a rischio siluramento e sostituzione. Sarà fondamentale la trade union e condivisione di strategie ed obiettivi di mercato tra Ds e allenatore per evitare per prima cosa di comprare male, e poi di farlo pure caro. Poi chiaro che il campo parlerà, ed entreranno in gioco altre variabili. Ma ad oggi questa è l’alchimia da creare e la strada da seguire. Buon Novara FC 2.0 a tutti, che le danze abbiano inizio!

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: