Calcio in rosa

E domani, come le meglio buffonate made in Italy, il buon Francesco da Roma arriverà ad allietarci le strade a noi del Milanese, facendo “ciaone” a tutti con la manina e osservando, con sorrisi simile a paresi, mandrie di bufali/e invasati prossimi a farsi investire dalla papamobile pur d’essere ripresi dalla telecamera…

Ecco, tutto questo mi fa pensare allo stadio. Lo stadio viene spesso associato ad una sorta di buffonata che viene proposta in mondo visione anche perché contenente alcuni elementi goliardici, talvolta cadenti nel ridicolo da quanto eccessivi altre invece allo stesso tempo divertenti, tipo un pupazzo a forma di Gufo presente tra i seggiolini colorati…L’ipocrisia della gente nel ventunesimo secolo sta nel non rendersi conto che, molto probabilmente, sia più ridicolo impiegare migliaia di forze dell’ordine per assicurare l’ordine pubblico per un incontro calcistico importante (per esempio scortando tipo criminali pulmini di omini vestiti uguali con le famose sciarpette al collo), piuttosto che quelle imponenti utilizzate domani per assicurare l’incolumità di Frenk sulla macchinina da quelli che magari utilizzeranno l’evento per compiere qualche gesto imbecille.

Ora, senza che mi sfracassiate i maroni col solito perbenismo popolare, vi domando: nel secolo attuale non siamo ancora in grado di distinguere elementi “cattivi” da quelli che fondamentalmente non fanno altro che fare un po’ di casino con i loro cori (che vabbè dà noia anche a me la gente che grida eh…), andare in giro in gruppo vestiti a volte dello stesso colore e che, qualora la loro squadra perdesse, li ritrovi al massimo imbruttiti come ognuno di noi lo è nel momento in cui gli gira storto qualcosa?… (a me anche se gira dritto ma ..mi sùn de Milan) E allora, giusto per ricordare una delle tante follie capitate recentemente, che caspita mi rappresenta il far uscire dallo stadio, magari a metà del secondo tempo, tali individui per “motivi di ordine pubblico” quando si sono sparati mille chilometri come dei pistola ?

L’ordine, anzi, il disordine pubblico va visto in modo obiettivo…A me, tanto per dire, l’impiego in tutta questa settimana di persone atte a coprire tombini , rifare strade, pulire e risistemare quanto di più inutile a quel Frenk che domani passerà di lì, oltre alla chiusura di seimila strade, non è che ha creato disordine, ha creato fastidio proprio. Sa f’em?? Essendoci più strade chiuse domani per ordine pubblico che criceti che gireranno sulle loro ruotine, come posso fare per non subire i disagi di questo tanto atteso ordine pubblico? Mi metto in spagoletta a qualche tifoso che magari, causa turno infrasettimanale o posticipo serale, domani non va allo stadio e sia così libero da accompagnarmi a fare shopping? Mi sembra un’ottima idea. Sempre sperando che pure lì non crei problemi di ordine pubblico!

Ely


Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: