La partita di chi ha il Novara nel cuore Uncategorized

Il derby delle risaie. Novara-Vercelli. 23km. Silvio Piola. Il quadrilatero.
Quante volte abbiamo sentito queste premesse?
Come l’abito buono nel giorno della festa ci vengono propinate prima di ogni Pro Vercelli-Novara o Novara-Pro Vercelli che si preferisca.
Poi i soliti sfottò. I loro scudetti preistorici (a cui pare si sia aggiunto il detto “Emmanuello al 94′) e noi con il nostro, giustificato, complesso di superiorità.
Sempre le stesse identiche cose, che, a furia di sentir dire hanno anche rotto un po’ i coglioni.
Mi piacerebbe quindi dare una chiave di lettura personale al MIO Novara-Pro Vercelli.

Sarà il caso o la mano divina di San Marco Chiosa, ma questa partita capita in un momento nevralgico della nostra stagione. Non voglio parlare di classifica, di campionato, di modulo e di risultati.
Emozionalmente stiamo vivendo un anno unico. Strano ma unico. Dalle delusioni iniziali, al punto più basso forse della nostra storia recente dopo Novara-Spal, fino all’attuale clamorosa risalita con le ultime 4 vittorie consecutive.
E puntualmente ecco che si presenta il derby, come tutti lo chiamano. Una partita che personalmente sento più o meno come tutte le altre, magari perché avendo solo 21 anni non ho vissuto i derby dell’hockey o magari perché della Pro Belvedere mi frega poco o nulla ma esclusi i soliti sfanculamenti che comunque sono solito indirizzare a chiunque mi capiti sotto tiro allo stadio, non sento chissà quale rivalità nei confronti dei bicciolani.

Sento invece che questa sarà una partita diversa in una stagione diversa. La partita di tutti quelli che hanno il Novara nel cuore.
Di quelli che questa squadra l’hanno amata sempre, incondizionatamente.
Sabato di ritorno da Ascoli ho visto tifosi sinceramente commossi. Trasportati emotivamente da una squadra che entra in campo con enorme cuore azzurro.
Sebastiano Vassalli sosteneva di “aver sepolto il suo granello di felicità tra Sesia e Ticino”. Penso non ci siano state persone nella storia in grado di descrivere meglio la bellezza del sentirsi Novaresi che il compianto Vassalli.
Questo è il nostro derby.
Il derby di chi ha sepolto il proprio granello di felicità fra Sesia e Ticino, a destra dell’Agogna, all’ombra della cupola, sotto i consumati gradoni grigi del Piola.
Una battaglia da vincere non solo contro la Pro.
Domenica lo stadio sarà pieno.
Noi, tifosi di provincia, ultimo baluardo di un calcio vero, di un calcio umano saremo allo stadio ed abbiamo il dovere di far capire a tutti quanto sia bello tifare la propria squadra.
E, come dice Don Pietro Savastano o come direbbe Gennaro Scognamiglio, è il momento di riprenderci tutto quello che è nostro.
Novara siamo noi.

Forza Novara Sempre
Lupo Garavaglia


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: