Rimaniamo in contatto

Editoriale

Quei vaffanculo che sanno di vittoria

Published

on

E’ dal “primo” anno della nostra serie B che con Ascoli ho un rapporto particolare. Ogni anno la metto tra i target delle trasferte che voglio affrontare ma puntualmente, per qualche motivo particolare o semplicemente perché alla fine opto per altre mete, me la guardo a casa. Ma a prescindere da questo, c’è sempre qualcosa nell’aria quando si incontrano queste due squadre che non la rende mai una sfida banale. Dal primo 1-1 che in un qualche modo fermò la nostra inarrestabile asfaltatura generalizzata del girone di andata dell’anno della promozione, al ritorno dove, qualche mese dopo, scoprimmo che prima di quella partita ci furono state un po’ di telefonate poco limpide di qualcuno dei nostri (vero o no un Giudice lo ha sentenziato, quindi ne prendiamo atto), fino all’esonero di Tesser un paio di anni dopo in una serata dove faceva più freddo di Rovaniemi a metà Gennaio, per arrivare alle ultime due trasferte dove li abbiamo rullati, di cui quella dello scorso anno permettendoci pure di rovinargli il ricordo  del loro grande Presidente Costantino Rozzi, con feroce contestazione dei loro tifosi. Insomma, se Novara e Ascoli si incontrano è meglio mettersi preventivamente la mano sui coglioni perché qualcosa di spiacevole a una delle due succede. Ascoli inoltre è tra i primi posti di quell’elenco di squadre che da piccolo mi stavano sui coglioni, perché non faceva parte di quelle metropoli cui attribuivo allora il diritto divino di andare al 90′ minuto di Paolo Valenti eppure avevano i Tonino Carino, i Walter Casagrande e gli Oliver Bierhoff del caso che mi sembravano delle icone, mentre io quegli anni mi dovevo sentire l’amico Paolo Molina per radio e vedere Uzzardi e Farsoni dal vivo. Diciamo che pure mio papà mi stava sui coglioni perché mi obbligava a tutto ciò.

Non ero quindi allo stadio ma davanti a Sky, idealmente insieme alla stessa platea che quattro giorni prima urlò “NOOOOOOOOOOOOOOO” alla notizia live del forfait di Galabinov, solo che questa volta mi è parso chiaramente di avvertire un collettivo “MA VIENIIIIIIIIII” alla notizia contraria comunicata dal telecronista. Che poi chissà come mai il pre partita da Ascoli era affidato ad una donna e il commento ad un uomo, ma ormai si sà che col sesso si può fare quel cavolo che si vuole, con uomini che diventano donne, donne che diventano uomini, e quindi chi sarà mai Sky per impedire tutto questo? Pure lo scenario che si presenta ai nostri occhi è abbastanza inquietante: ruspe sugli spalti, tubi sparsi, una gradinata appoggiata sui resti abbattuti di uno stadio, un settore ospiti ristrutturato nuovo ma con uno stile completamente differente dai successivi interventi negli altri settori, come se il capo cantiere ad un certo punto avesse litigato con l’architetto e i progettisti ed avesse esclamato “andate a fare in culo tutti adesso si fa come dico io”. Ma tantè, immaginandolo finito va pure a finire che abbia ragione il capo cantiere perché sembra possa venire fuori un bell’impianto.

La partita inizia a ritmi che se possibile sono addirittura più blandi di una mia partita di beach volley alle 10 di mattina sulla spiaggia di Cervia, con in stomaco 3 brioches, 5 fette biscottate spalmate di puro olio di palma al gusto nocciola, un succo di frutta, un cappuccino e uno yogurt, quest’ultimo rigorosamente magro giusto per stare leggeri in vista del match. Addirittura Troest e Mantovani, dopo una decina di minuti, si sono ripassati la palla consecutivamente almeno 14 volte, con Cacia a braccia conserte lontano una decina di metri a fare da pubblico non pagante interessato, roba che essendo appunto un Ascoli Novara, e la sfiga che aleggia intorno a questa partita, ci sarebbe stato già da temere un futuro intervento del Procuratore federale che come minimo ci avrebbe accusato di combine. Ma questo pericolo viene fortunatamente scongiurato dal fatto che ogni tanto si intravede un’azione in velocità. In una di queste, su un un calcio d’angolo, addirittura segnamo. Vaffanculo all’Ascoli e al Procuratore federale! Noi che in trasferta abbiamo praticamente sempre beccato, vuoi vedere che abbiamo imparato a far punti? Nemmeno il tempo di finire il pensiero e di risedermi dall’esultanza del goal che Cacia imbuca una difesa immobile e pareggia. E subito mi si materializza davanti l’immagine del Procuratore federale seduto sopra il mio Samsung curvo 4k con il dito medio alzato che mi dice Vaffanculo Vannu.

Ma i tempi dei sospetti delle accuse e delle combine sono ormai finiti. La ripresa è una di quelle adatte a noi tifosi perennemente in terapia intensiva. Un secondo tempo fatto di attacchi Ascolani intervallati da un Galabinov che segna uno di quei goal che fanno quei giocatori buoni o ai quali gira tutto bene, e qualche ripartenza nostra condita da vaffanculo generalizzati a Boscaglia per non aver messo in campo Pablo Gonzalez, che con quelle praterie concesse dai bianconeri sarebbe stato devastante. Ma poi ho realizzato che Pablo è ad Alessandria e niente, allora mi faccio andare bene il gran visir de tucc i terun Di Mariano, oltretutto sfigato come pochi. Il finale è roba da lottatori di sumo; rissa al quattrocentesimo minuto di recupero, che normalmente la 50 ina di tifosi al seguito avrebbe già dovuto essere più o meno a Modena sulla strada del ritorno a casa. Da Costa  e Troest si picchiano con uno dell’ Ascoli, parapiglia generalizzato e io che  mi getto nella mischia e di istinto tiro un cazzotto all’elefante della Thun che ho dentro una vetrinetta del mobile, così giusto per fare un pò di casino. I sensori attaccati al mio petto in sala di rianimazione mostrano 240 battiti e una minima di 180 ma, prima che il cuore alzi bandiera bianca, arriva il triplice fischio finale. Vaffanculo all’Ascoli, vaffanculo al Procuratore federale, vaffanculo all’elefante della Thun, vaffanculo a Boscaglia che non ha messo nella ripresa Pablo e vaffanculo pure al capo cantiere dello stadio. Abbiamo vinto. Siamo tornati ad essere il Novara che asfalta tutti e ad oggi saremmo addirittura ai play off. Minchia i play off!

Non è ora questione di non avere più idee, e nemmeno di scaramanzia (seppure ammetto che un po’ lo è) ma ad oggi ancora non trovo nulla di più sensato dal dire Forza Novara e basta. Le possibilità che sia solamente un periodo di buona destinato a finire a breve o che si salga ancora più sù sono esattamente le stesse. Con una squadra ampiamente modificata   non solo nei suoi esponenti ma anche e soprattutto nella testa di chi è rimasto può succedere di tutto. Inutile perdere tempo con tabelle, tabelline e pronostici che tanto sono tutte cazzate. Oggi abbiamo un Galabinov che prenderebbe a sportellate da solo mezzo Real  Madrid e che segnerebbe pure al Brasile, una squadra che complessivamente potrebbe uscirne bene da una sfida alla nazionale Tedesca ben conscia del fatto che potrebbe uscirne contemporaneamente male da una contro la Caronnese. Viviamo questo momento e soprattutto prepariamoci a creare un clima positivo in questa settimana che, bisogna ammetterlo, non sarà uguale alle altre. Domenica c’è il derby, da affrontare e vincere soprattutto per cancellare quell’andata che ancora fà male.

Ma su questo ci torneremo in settimana. Ora godiamoci questa domenica e questa classifica che finalmente ci rende giustizia e riposiamoci riacquistando energie e forze. O almeno fatelo voi che potete. Io devo aggiustare l’elefante della Thun rotto con un cazzotto. I calci in culo presi da mia moglie son stati più forti del rosso subito da Troest.

Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Editoriale

Road to “lassù”

Published

on

By

Quello che sta facendo il Novara è un qualcosa che si rischia di banalizzare troppo a causa di una certezza, o meglio speranza, che avevamo un po’ tutti nei nostri cuori: “nulla è perduto, ne basta vincere qualcuna di fila che saremo lì..”. Il fatto è che ora è successo proprio ciò che nei primi 5-6 mesi non siamo mai stati capaci di fare, con l’aggravante che prima difficilmente qualche risultato altrui rendeva meno amara una situazione tra le più drammatiche della nostra esistenza sportiva, ora siamo passati all’incasso anche grazie il risultato di altri campi. Ribadisco: abbiamo vissuto la situazione tra le più drammatiche della nostra esistenza sportiva. Perché la serie D, benché il punto più basso della storia calcistica novarese, ci ha ospitato “casualmente” solo a fronte di una mancata iscrizione e, comunque, ci ha poi restituito un’annata memorabile. Quindi solo chi ha vissuto i tempi dello spareggio salvezza perso a Modena, o i tre playout consecutivi, ha dovuto convivere con periodi così difficili come quello che abbiamo vissuto fino a Natale. In un campionato dove è fin troppo facile portarsi a casa il punticino che muove la classifica, andare a recuperare 7-8 punti e, allo stesso tempo staccare quelle dietro, non può essere e nemmeno deve essere etichettato come un qualcosa di assolutamente possibile, previsto e normale. Bisogna attribuire i giusti meriti ad un nuovo gruppo che, e concordo con gli amici di radio azzurra, già prima di iniziare ad essere protagonisti avevano raccolto l’eredità del Novara 1.0 e fatta loro in questo Novara 2.0 dove, nonostante un tasso tecnico e fisico palesemente superiore a quello di prima, continua a non avere prime donne o autoconclamati campioni. E’ un gruppo più forte, che appare coeso ma comunque umile. Il tipico gruppo che la piazza di Novara potrebbe idolatrare per anni. Detto questo, e mi permetto di riportare tutti al concreto e oggettivo quotidiano, non è stato fatto ancora nulla. Oggi è vero saremmo salvi in virtù del distacco sulla penultima, ma alcune partite da recuperare, e le tante ancora da disputare, rendono questo fatto ancora precario.

Sono del partito che sostiene bisogna sempre picchiare il ferro fin quando è caldo, e che la barca bisogna lasciarla andare fin quando va. Tuttavia oggi finalmente “siamo lì”, e da sabato paradossalmente inizia una nuova fase del nostro campionato dove, ancor più di prima, non va demonizzato il possibile pareggio. Non c’è oggi l’urgenza di vincere per forza di cose perché chi era scappato avanti è stato preso o avvicinato, ma va gestita e sfruttata quella consapevolezza che poche squadre possono permettersi il lusso di farci realmente paura. Se prima guardavamo almeno ad una decina di squadre rammaricandoci del fatto non avessero nulla in più di noi, ora possiamo fare lo stesso ma in ottica diametralmente differente: l’impresa deve essere la loro e non la nostra.

Ho sempre pensato a questa campagna acquisti invernali non solo come un atto imprescindibile per provare a salvarci, ma anche come una costruzione di alcuni punti fermi per la successiva stagione, perché altrimenti non avrebbe avuto senso rivoluzionare cosi la rosa precedente. Continuo però a ritenere quanto ciò che è stato fatto da Lo Monaco rappresenti un qualcosa di molto vicino al famoso “All In” dei giocatori di Casinò, con poco da perdere per questa nuova proprietà, visto che le garanzie le aveva messe Ferranti e, in caso di retrocessione, tutti i contratti si annullerebbero. Quindi il rischio reale dei nuovi è solamente l’esposizione finanziaria del girone di ritorno (mal contato poco più di un milione da dividere in 2-3). Però il lavoro fatto è stato enorme e sta dando i frutti. Immaginate la struttura della squadra ma migliorata, magari con un attacco più concreto e cattivo e un centrocampo ancora più robusto cosa potrebbe fare. Ma per questi ragionamenti avremo buon tempo per parlarne. Prima eravamo là, oggi siamo lì. L’obiettivo è arrivare lassù quanto basta per mettere il punto.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Nasce l’Associazione Tifosi Novara

Published

on

By

Torniamo tutti indietro di qualche mese: il Novara era ultimo in classifica, fare un punto pareva cosa sempre più complicata, pensare alla salvezza era una grossa operazione di fede personale che andava contro a qualsiasi logica razionale, la Società pareva allo sbando con un proprietario che non faceva mistero di voler vendere. Ma gli acquirenti che si palesavano sembravano colpiti da una maledizione che, da lì a poco, li avrebbe allontanati o bocciati perché ritenuti inaffidabili. Il rischio di vedere i titoli di coda al termine della stagione era elevatissimo. In quel momento si parlò di azionariato popolare. Ecco, è proprio lì che vi chiedo di tornare con la memoria. Novara è una città spesso espressione di tanti bla bla bla, conditi da gne gne gne e soprattutto che vede nella distruttività preventiva da parte della gente nei confronti di chi prova a fare qualcosa, perché “si vede che ha interessi a farlo”,  un proprio imprinting culturale. Bene, in quel momento è partita una grossa operazione di fattibilità di un azionariato popolare, che evidentemente non poteva caratterizzarsi da una raccolta di offerte in qualche bar o, ancor peggio, di un sistema al Superenalotto nella speranza di vincere e comprare il Novara come qualcuno ha più volte proposto. Serviva per prima cosa una certa organizzazione, che rispettasse le varie normative e soprattutto che fosse credibile. E per esserlo, il primo passo era trovare un’unione di intenti tra diverse anime della piazza Novarese magari accantonando eventuali passate frizioni, e unirle poi a figure espressione anche della Società civile ed imprenditoriale. E tutto questo necessitava di un grosso lavoro “dietro le quinte”, perché altrimenti si sarebbe finiti dentro un calderone in cui ognuno, senza dubbio in buona fede e pieno di costruttività, avrebbe detto la sua ingessando il tutto. In quel momento nacque sulla carta l’Associazione Tifosi Novara , col primo scopo quello di promuovere l’azionariato popolare.

E poi? Arrivò il ciclone Lo Monaco, ed evidentemente il progetto azionariato popolare si fermò. Ma più o meno in quel periodo scoppiò anche il tema dell’asta dei cimeli, col concreto rischio che qualcuno, a meri fini speculativi, si impossessasse di quelle poche cose ancora in grado di rivendicare come storia del fu Novara Calcio 1908. Ed ecco che il nuovo obiettivo dell’Associazione diventò immediatamente quello di intervenire nell’asta per evitare il rischio di perdere il tutto. Ma il Comune riuscì a bloccare temporaneamente l’asta rivendicando quei cimeli. La questione è ancora sospesa fino a metà 2024 circa, dove si saprà se ci sarà ancora un’asta oppure no. Ma quello che fino a quel momento era un qualcosa di ibrido che esisteva solo sulla carta, rappresentava già nei cuori e nella testa di chi ha partecipato alla genesi una possibile storia importante, e che meritasse di palesarsi ufficialmente. E così nacque concretamente, legalmente e giuridicamente l’Associazione.

I Soci fondatori sono: Enrico Trovati, Mauro Collodel, Massimo Accornero, Tito De Rosa, Luigi Blasi, Alessandro Clementoni (quota indipendenti); Claudio Barbaini e Claudio Vannucci (quota Coordinamento), Paolo Lampugnani e Roberto Fabbrica (quota Fedelissimi), Alessandro Tartaglia (quota Nuares), Antonella Guaita (quota Gaudenzine). Enrico Trovati è stato eletto Presidente dell’Associazione.

Alcuni dei primi obiettivi in realtà sembrano essere diventati anacronistici, ma in realtà sarà solo la storia a renderli superati. Vedremo cosa succederà per esempio se il Novara non dovesse salvarsi, oppure il Comune essere costretto a partecipare ad un’asta pubblica per i cimeli, con le leggi che non l’aiutano visto che dovrebbe rendere pubblica l’offerta e, soprattutto, non potrebbe cambiarla se non ad una eventuale seconda asta. Per cui l’Associazione, su questi due temi, rimarrà vigile e potenzialmente operativa. Quello che deve essere chiaro è che non sta nascendo un nuovo gruppo di tifosi col compito di fare tifo, perché per quello esistono già tutti i gruppi organizzati. L’Associazione, qualora il futuro del Novara dovesse essere sufficientemente roseo da garantirgli continuità sportiva senza nessun rischio, si pone oggi come obiettivi quelli di diffondere uno spirito etico e culturale di passione sportiva e partecipazione per la squadra della città; di stimolare l’interesse e la partecipazione attiva di altri operatori economici ed Istituzionali del territorio; ove possibile di partecipare attivamente alla vita del Club. Primi due nuovi obiettivi concreti? Rinnovare alcuni striscioni storici presenti in Curva Nord e la messa in progetto di un museo dedicato alla storia del Novara Calcio.

Oggi, al termine della conferenza stampa di Mister Gattuso, seguirà la presentazione dell’Associazione, che entro l’inizio della prossima stagione sportiva comunicherà le modalità di adesione. Forse era quello che davvero mancava o forse no, chi lo sa. Sicuramente avevamo tutti un obbligo morale di provarci, e noi ci proviamo.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

Editoriale

Ci salveremo! o ci salveremo?

Published

on

By

Anche se quanto sto per dire puzza di autoreferenzialità, adoro lo stile di Novara Siamo Noi soprattutto nel proporre puntualmente spunti di riflessione diametralmente opposti rispetto a quello di chi, in qualche modo, dovrebbe tirare le fila della narrazione e della linea editoriale, cioè il sottoscritto. E così avete potuto leggere innumerevoli articoli del Depa a favore della tutela della storia e del titolo, argomento che in tutta onestà non è mai stato al primo posto dei miei pensieri, oppure potreste aver notato recentemente un punto di vista parecchio differente tra l’ottimismo ben argomentato di Jacopo e il mio realismo estremo circa l’ipotesi salvezza immediata o post playout. Sappiate che quanto leggete è niente al numero di vaffanculo che ci tiriamo tra di noi, e mai per nulla al mondo cambierei la mia squadra e il nostro modus operandi e di pensiero. In realtà su questo ultimo tema sono più vicino al pensiero di Jacopo di quanto riesco a trasmettere, o meglio credo che la verità stia un po’ nel mezzo tra chi, come me, ad oggi vede più realistica l’opzione playout e chi, come lui, giustamente a 16 partite dalla fine trova assurda l’idea di qualcuno di pianificare già la preparazione in virtù di uno spareggio certo che si giocherà a metà maggio. Però credo anche si debba essere oggettivi e concreti, e ad oggi parlare di salvezza immediata presuppone due eventi: crollo di quelle 3-4 squadre ad oggi salve e ottimo girone di ritorno nostro. Due eventi che, e questa non è un’opinione ma un fatto, non si stanno ancora avverando. Oggi abbiamo un +3 rispetto al girone di andata ma che deve essere contestualizzato in un fatto abbastanza anomalo e a noi non fortunato: sembrerebbe essere aumentato il ritmo dei punti fatti dalle squadre di medio bassa classifica (eccezion fatta solo per l’Alessandria) rispetto ad uno standard per la categoria che, solitamente, vede un aumento di pareggi nel girone di ritorno, e quindi un rallentamento strutturale. E questo obbliga chi è dietro, cioè noi, a fare più punti degli altri, ovvero vincere di più. Secondo me la questione non è più quella di non avere una squadra competitiva, perché ora pare chiaro si sia sistemato il gap tecnico, ed è ragionevole credere che tra qualche settimana questa squadra raggiungerà il top di forma e, quindi, si esprimerà al meglio delle sue potenzialità. Ma rimane il fatto che servirà quanto prima un filotto di almeno 3 vittorie consecutive, che appunto è una storia ancora da scrivere e non così scontata. Siamo d’accordo che è assurdo alzare bandiera bianca oggi, però mi pare altresì onesto rilevare che, in termini di posizioni, tutto questo apporto di fieno in cascina da quando Jack Gattuso ha preso in mano la baracca sia nei fatti deludente, o quanto meno insufficiente. E sia chiaro che non sto criticando l’allenatore, ma la classifica era ed è tutt’oggi impietosa.

Forse oggi, dal punto di vista concreto e probabilistico, è più realistico immaginare un futuro a nostro favore senza disputa dei playout causa distacco dalle ultime 3 che una salvezza fuori dagli spareggi, ma anche in questo caso si presuppone che il Novara macini punti da qui alla fine e, soprattutto, che le ultime 3 dietro cedano. E anche questa non è un’opinione ma un fatto che deve accadere. Quindi, alla domanda “secondo te ci salviamo?” rispondo tutta la vita di sì, ma solo per una convinzione di essere decisamente più forte di una delle 3 possibili avversarie nei playout, e non per la certezza intima di recuperare 8 punti a quelle sopra. Forse domenica col Padova sarà una partita illuminante, nel senso che se il campo ci dirà che saremo in grado di reggere l’urto contro una squadra strutturata per vincere, allora potremo affrontare gli scontri contro quelle più alla nostra portata con l’ottica di vincere. Già lo sfortunato match contro la Triestina ci disse che l’urto lo potevamo reggere, ma credo che coi veneti sarà più indicativa per il fatto che oggi la squadra è diversa.

Concludo con una riflessione che esula dall’aspetto tecnico. Se la squadra oggi sta mettendo le basi non solo per un’auspicabile salvezza ma anche già per qualche punto fermo in vista della prossima stagione, sono molto confortato per le basi di tifoseria che stiamo creando oggi. Questa riflessione mi è nata visualizzando i primi piani della nostra curva contro l’Alessandria e paragonandola alle stesse foto del settore ospiti di quella stessa partita. Il gap in termini di età tra loro e noi era enorme, la prima linea grigia poteva essere tranquillamente genitore della nostra. Ma questo significa solamente una cosa: noi avremo una curva destinata ad essere protagonista anche tra un decennio e più perché il grosso valore aggiunto è rappresentato dal fatto che la gioventù novarese questa volta non si sta aggregando, come già fece in serie A, sulla scia dei successi, ma si sta innamorando di un Novara ai minimi storici in termini di livello sportivo. Significa che se accettano questo allora tutto ciò di più in termini di successi che potranno arrivare e vivere sarà tutto di guadagnato. E questa è una gran bella notizia perché, lo abbiamo visto tutti, i numeri dettati dai successi non costruiscono alcun tipo di futuro ma alimentano solo la moda del momento. Bene, bene bene.

Claudio Vannucci

Continua a leggere

NSN on Facebook

Facebook Pagelike Widget

Telegram

Ultimi Articoli

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.