Quei vaffanculo che sanno di vittoria Editoriale

E’ dal “primo” anno della nostra serie B che con Ascoli ho un rapporto particolare. Ogni anno la metto tra i target delle trasferte che voglio affrontare ma puntualmente, per qualche motivo particolare o semplicemente perché alla fine opto per altre mete, me la guardo a casa. Ma a prescindere da questo, c’è sempre qualcosa nell’aria quando si incontrano queste due squadre che non la rende mai una sfida banale. Dal primo 1-1 che in un qualche modo fermò la nostra inarrestabile asfaltatura generalizzata del girone di andata dell’anno della promozione, al ritorno dove, qualche mese dopo, scoprimmo che prima di quella partita ci furono state un po’ di telefonate poco limpide di qualcuno dei nostri (vero o no un Giudice lo ha sentenziato, quindi ne prendiamo atto), fino all’esonero di Tesser un paio di anni dopo in una serata dove faceva più freddo di Rovaniemi a metà Gennaio, per arrivare alle ultime due trasferte dove li abbiamo rullati, di cui quella dello scorso anno permettendoci pure di rovinargli il ricordo  del loro grande Presidente Costantino Rozzi, con feroce contestazione dei loro tifosi. Insomma, se Novara e Ascoli si incontrano è meglio mettersi preventivamente la mano sui coglioni perché qualcosa di spiacevole a una delle due succede. Ascoli inoltre è tra i primi posti di quell’elenco di squadre che da piccolo mi stavano sui coglioni, perché non faceva parte di quelle metropoli cui attribuivo allora il diritto divino di andare al 90′ minuto di Paolo Valenti eppure avevano i Tonino Carino, i Walter Casagrande e gli Oliver Bierhoff del caso che mi sembravano delle icone, mentre io quegli anni mi dovevo sentire l’amico Paolo Molina per radio e vedere Uzzardi e Farsoni dal vivo. Diciamo che pure mio papà mi stava sui coglioni perché mi obbligava a tutto ciò.

Non ero quindi allo stadio ma davanti a Sky, idealmente insieme alla stessa platea che quattro giorni prima urlò “NOOOOOOOOOOOOOOO” alla notizia live del forfait di Galabinov, solo che questa volta mi è parso chiaramente di avvertire un collettivo “MA VIENIIIIIIIIII” alla notizia contraria comunicata dal telecronista. Che poi chissà come mai il pre partita da Ascoli era affidato ad una donna e il commento ad un uomo, ma ormai si sà che col sesso si può fare quel cavolo che si vuole, con uomini che diventano donne, donne che diventano uomini, e quindi chi sarà mai Sky per impedire tutto questo? Pure lo scenario che si presenta ai nostri occhi è abbastanza inquietante: ruspe sugli spalti, tubi sparsi, una gradinata appoggiata sui resti abbattuti di uno stadio, un settore ospiti ristrutturato nuovo ma con uno stile completamente differente dai successivi interventi negli altri settori, come se il capo cantiere ad un certo punto avesse litigato con l’architetto e i progettisti ed avesse esclamato “andate a fare in culo tutti adesso si fa come dico io”. Ma tantè, immaginandolo finito va pure a finire che abbia ragione il capo cantiere perché sembra possa venire fuori un bell’impianto.

La partita inizia a ritmi che se possibile sono addirittura più blandi di una mia partita di beach volley alle 10 di mattina sulla spiaggia di Cervia, con in stomaco 3 brioches, 5 fette biscottate spalmate di puro olio di palma al gusto nocciola, un succo di frutta, un cappuccino e uno yogurt, quest’ultimo rigorosamente magro giusto per stare leggeri in vista del match. Addirittura Troest e Mantovani, dopo una decina di minuti, si sono ripassati la palla consecutivamente almeno 14 volte, con Cacia a braccia conserte lontano una decina di metri a fare da pubblico non pagante interessato, roba che essendo appunto un Ascoli Novara, e la sfiga che aleggia intorno a questa partita, ci sarebbe stato già da temere un futuro intervento del Procuratore federale che come minimo ci avrebbe accusato di combine. Ma questo pericolo viene fortunatamente scongiurato dal fatto che ogni tanto si intravede un’azione in velocità. In una di queste, su un un calcio d’angolo, addirittura segnamo. Vaffanculo all’Ascoli e al Procuratore federale! Noi che in trasferta abbiamo praticamente sempre beccato, vuoi vedere che abbiamo imparato a far punti? Nemmeno il tempo di finire il pensiero e di risedermi dall’esultanza del goal che Cacia imbuca una difesa immobile e pareggia. E subito mi si materializza davanti l’immagine del Procuratore federale seduto sopra il mio Samsung curvo 4k con il dito medio alzato che mi dice Vaffanculo Vannu.

Ma i tempi dei sospetti delle accuse e delle combine sono ormai finiti. La ripresa è una di quelle adatte a noi tifosi perennemente in terapia intensiva. Un secondo tempo fatto di attacchi Ascolani intervallati da un Galabinov che segna uno di quei goal che fanno quei giocatori buoni o ai quali gira tutto bene, e qualche ripartenza nostra condita da vaffanculo generalizzati a Boscaglia per non aver messo in campo Pablo Gonzalez, che con quelle praterie concesse dai bianconeri sarebbe stato devastante. Ma poi ho realizzato che Pablo è ad Alessandria e niente, allora mi faccio andare bene il gran visir de tucc i terun Di Mariano, oltretutto sfigato come pochi. Il finale è roba da lottatori di sumo; rissa al quattrocentesimo minuto di recupero, che normalmente la 50 ina di tifosi al seguito avrebbe già dovuto essere più o meno a Modena sulla strada del ritorno a casa. Da Costa  e Troest si picchiano con uno dell’ Ascoli, parapiglia generalizzato e io che  mi getto nella mischia e di istinto tiro un cazzotto all’elefante della Thun che ho dentro una vetrinetta del mobile, così giusto per fare un pò di casino. I sensori attaccati al mio petto in sala di rianimazione mostrano 240 battiti e una minima di 180 ma, prima che il cuore alzi bandiera bianca, arriva il triplice fischio finale. Vaffanculo all’Ascoli, vaffanculo al Procuratore federale, vaffanculo all’elefante della Thun, vaffanculo a Boscaglia che non ha messo nella ripresa Pablo e vaffanculo pure al capo cantiere dello stadio. Abbiamo vinto. Siamo tornati ad essere il Novara che asfalta tutti e ad oggi saremmo addirittura ai play off. Minchia i play off!

Non è ora questione di non avere più idee, e nemmeno di scaramanzia (seppure ammetto che un po’ lo è) ma ad oggi ancora non trovo nulla di più sensato dal dire Forza Novara e basta. Le possibilità che sia solamente un periodo di buona destinato a finire a breve o che si salga ancora più sù sono esattamente le stesse. Con una squadra ampiamente modificata   non solo nei suoi esponenti ma anche e soprattutto nella testa di chi è rimasto può succedere di tutto. Inutile perdere tempo con tabelle, tabelline e pronostici che tanto sono tutte cazzate. Oggi abbiamo un Galabinov che prenderebbe a sportellate da solo mezzo Real  Madrid e che segnerebbe pure al Brasile, una squadra che complessivamente potrebbe uscirne bene da una sfida alla nazionale Tedesca ben conscia del fatto che potrebbe uscirne contemporaneamente male da una contro la Caronnese. Viviamo questo momento e soprattutto prepariamoci a creare un clima positivo in questa settimana che, bisogna ammetterlo, non sarà uguale alle altre. Domenica c’è il derby, da affrontare e vincere soprattutto per cancellare quell’andata che ancora fà male.

Ma su questo ci torneremo in settimana. Ora godiamoci questa domenica e questa classifica che finalmente ci rende giustizia e riposiamoci riacquistando energie e forze. O almeno fatelo voi che potete. Io devo aggiustare l’elefante della Thun rotto con un cazzotto. I calci in culo presi da mia moglie son stati più forti del rosso subito da Troest.


Fondatore dei Blog Novara Siamo Noi e Rettilineo Tribuna, Vice Presidente del Coordinamento Cuore Azzurro e fraterno amico di chiunque al mondo consideri lo stadio la sua seconda casa. O addirittura la prima. Editorialista estremista, gattaro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: