Rocco e i suoi proni Campionato

Ogni tanto, nel corso della stagione, bisogna avere l’onestà intellettuale di rivedere, se non le proprie idee, perlomeno le proprie posizioni. E per fare questo bisogna partire da un presupposto fondamentale : non faccio il giornalista ( vero o presunto ), non faccio l’editorialista ( ne abbiamo già uno … sommo e arguto …. il Vannu ) … faccio il tifoso, seguo l’onda delle mie sensazioni, dei colori e degli odori di millemila partite vissute con la beata ignoranza, il vanto e l’orgoglio di non capire una beata minchia di schemi, diagonali, moduli. Quindi, esattamente un girone fa ( ero a La Spezia ), sono andato vicino al mio amico Alessandro ( l’autiere dei lancieri della Combriccola) e gli ho detto :” questo si sente Napoleone e ci porterà a waterloo, con questo modulo andiamo giù secchi”. Ne sono pienamente convinto : il nano era presuntuoso nella sua disposizione scolastica dei giocatori in campo ( qualcuno gli remava pure contro ) con due centrali che venivano puntualmente bucati da qualsiasi ceppa di minchia un po’ veloce che decideva di avventurarsi nella nostra metà campo.

Poi sono arrivate le innumerevoli bastonate che hanno acuito questa percezione : andiamo giù secchi era diventato il mio mantra, osteggiato da una schiera di proni, ma chiccazzo se ne frega : “io so’ ttifoso” … ed il bello di questo ruolo è che non devi rendere conto a nessuno. Un giorno però Napo decide di cambiare modulo, qualche minchiata nel frattempo – vedi chiavari – non se l’è risparmiata, e tutti, proni compresi, pensano che questa nuova ipotetica cavalcata sia legata ai moduli, agli schemi, alle diagonali, al ritorno di Aldo allo stadio, a sta ceppa di minchia. In realtà tutto é legato all’abbigliamento !!!!! … vi ricordate ? Quella famosa scaramanzia della gente di borgata ….. Boscaglia ( eh si ora possiamo chiamarlo così ) non si metteva più l’abito ma era tornato a indossare la tuta!!!!! Ecco checcazzo era successo!! Potenza della scaramanzia !!!! Napoleone aveva lasciato il campo a Boscaglia spogliandosi di una veste che non era la sua! E poi, diciamolo…. vederlo in quell’abitino ( tagliato e modellato sulle gambette dei nostri due geni sul ponte di comando) con le braghette a filo di caviglia, lui figlio della terra di Camilleri, cresciuto a pupitteddru e petrolio in quel di Gela, in quell’abitino non si poteva vedere. Poi, improvvisamente, rimettersi la tuta ( e riprendere pure qualche chilo … l’aria di novara non fa bene solo a ‘o caccaviello…) gli ha magicamente liberato il cervello: basta impostazioni fatte da Troest, dentro Mantovani, un po’ di legna in mezzo al campo e… taac (!) … non ci imbarcano più.

Ma la realtà, in verità , non è così lontana dalla fantasia …. martedì mi sono fermato, più di una volta, a guardarlo. E Mi sono anche immaginato quante “gastìme”… ” facendo voci” avrà tirato perché doveva mettere in campo “l’omino della playmobil ” a fianco di Chicco Macheda. Adesso ha una squadra fatta da uomini veri, zecche pronte ad attaccarsi al polpaccio dell’avversario, a buttare la palla in tribuna, senza fronzoli … e i fronzoli se li è dimenticati pure lui: ha buttato il vestito da Fighetto per vestire la tuta, quella che serve a fare punti sporchi. Rocco è tornato Roberto , Napoleone è tornato Boscaglia…. qualche minchiata ce la riserverà ancora di sicuro ma poi, alla fine, a noi checcazzo ce ne frega…. martedì siamo tornati ad emozionarci ancora, io ho ripreso a sentirmi santi e madonne perché camminavo lungo tutto il rettilineo incurante di tutti quelli che hanno il culo pesante e non si alzano manco se gli infili un palo dentro il culo….. “roccorobertoboscaglianapoleone” non ha più lo sguardo smarrito perché, se si gira verso la panchina, non vede una serie di proposte improponibili .

E i proni? Beh di loro parleremo un giorno… adesso non è il momento …. ciao Rocco, ben tornato Roberto …. facci restare nella nostra casa col sudore e la passione che rappresentano la nostra tradizione. Mmurdi bonu e va cantannu

Ciumi

img_0557

il Boscaglia incravattato perdente e quello intutato vincente di Trapani e Brescia


Analista tecnico delle partite e sfanculatore ufficiale del blog. Convive con una sana passione per le Converse All Star sgualcite e scolorite e per la scarsa considerazione sul genere umano. Severo ma giusto.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: